Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Milioni di vite sono a rischio, mentre il Covid-19 si diffonde in tutta l’Asia meridionale

La pandemia di Covid-19 si sta diffondendo in tutta l’Asia meridionale, che ospita un quarto della popolazione mondiale, con oltre 34 milioni di infezioni ufficialmente segnalate e quasi 480.000 morti. I numeri reali sono senza dubbio più volte i numeri ufficiali, che sono sensibilmente sottostimati. La responsabilità principale è dei governi capitalisti, che mantengono aperte le economie per garantire profitti alle grandi società, nonostante gli avvertimenti di esperti medici ed epidemiologi.

Persone in coda per un vaccino contro il Covid-19 a Mumbai, in India, giovedì 8 aprile 2021. [Foto: AP Photo/Rafiq Maqbool]

Nonostante la diffusione dell’epidemia, che ora viene alimentata dal più pericoloso tipo di virus Delta, i governi della regione stanno abbandonando le misure per controllare il virus, inclusi blocchi, test di massa o tracciamento dei contatti. Anche durante le cosiddette chiusure limitate, le attività non essenziali sono state autorizzate a continuare le loro operazioni quotidiane con le fabbriche aperte, costringendo i lavoratori ad andare a lavorare in condizioni non sicure, diffondendo ulteriormente il virus. Con gli ospedali pubblici sopraffatti da pazienti COVID-19 sottofinanziati e la mancanza di ossigeno e altre forniture mediche critiche, il bilancio delle vittime potrebbe aumentare di un altro milione.

Mentre i dati ufficiali in India mostrano che più di 422.000 persone sono scomparse a causa di Covid-19, i numeri effettivi sono con ogni probabilità dieci volte più alti, stimati tra i tre e i cinque milioni, secondo uno studio degli Stati Uniti. Centro per lo sviluppo globale. Il sistema sanitario pubblico è così debole che la maggior parte degli indiani dipende da ospedali privati ​​e deve pagare circa il 63% delle spese mediche con il proprio reddito personale. Senza l’assicurazione sanitaria, gli indiani comuni stanno annegando nei debiti a causa di una montagna di spese mediche.

Inoltre, la pandemia ha spinto 230 milioni di persone in condizioni di estrema povertà. Le persone comuni ora iniziano a vendere i loro gioielli d’oro, dopo che non hanno trovato un nuovo lavoro o non sono state in grado di avviare una piccola attività in proprio. Questo è particolarmente vero nell’India rurale. Entro il 2020, la classe media indiana si era ridotta di 32 milioni e la disuguaglianza sociale era salita alle stelle. Già nel 2019, prima della pandemia, controllavano il 21,7% del reddito nazionale dell’1% più ricco della popolazione indiana, mentre il 50% più povero ne condivideva il 13%. La pandemia ha ulteriormente intensificato questi livelli osceni di disuguaglianza sociale.

READ  Autobus per treni sulla linea Vestfold per diverse settimane - NRK Vestfold e Telemark - Notizie locali, TV e radio

Ora è in corso una nuova ondata di epidemie. Un recente studio del Massachusetts Institute of Technology (MIT) negli Stati Uniti ha previsto che entro la fine del 2021 l’India sarebbe il paese più colpito, con una stima di 287.000 nuovi casi al giorno. Con il servizio sanitario pubblico già sovraccarico, quasi inesistente nelle aree rurali che ora dovrebbero essere duramente colpite dalla pandemia, c’è il rischio imminente di uno sviluppo catastrofico.