Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Mimetizzazione: ecco la Volkswagen ID. Buzz – Sbircia

Mimetizzazione: ecco la Volkswagen ID. ronzio

Volkswagen ID.  Buzz viene finalmente rivelato - senza il motivo arcobaleno che ha nascosto per mesi.

La tuta arcobaleno non c’è più e oggi la Volkswagen ha – finalmente – rilasciato la sua identità. Il brusio, dopo mesi in cui i dettagli sono stati cancellati, si è frammentato e lacerato. In pratica, probabilmente rimangono solo le foto del modello di serie senza il camouflage e le foto degli interni.

Tuttavia, ripetiamo le specifiche rilasciate nell’ultimo pacchetto di dettagli, oltre a aggiungerne di nuove:

  • Dimensioni: È lungo 4,71 metri, alto 1,94 metri e largo 1,99 metri, senza specchi. Questo lo rende circa 10 cm più lungo, 35 cm più alto e 14 cm più largo dell’ID.4, forse 20 cm più basso e 5 cm più basso del VW Caravelle nella versione più corta. Dovrebbe funzionare anche una versione più grande con un passo più lungo.
  • Posti a sedere: cinque. copia conAlla fine arriveranno sette posti. Identificatore della versione della ventola. Buzz Cargo ha due o tre posti.
  • Gruppo guida: trazione posteriore con 204 CV (150 kW) e 310 Nm di coppia. La velocità massima è di 145 chilometri orari. Ben noto da altri modelli ID. È vero, alla fine ci saranno modelli a trazione integrale.
  • batteria: 77 kWh netti (totale 82 kWh). La potenza massima di ricarica rapida dovrebbe raggiungere i 170 kW, che è molto più di quanto altri modelli ID possano gestire. Tuttavia, il tempo di ricarica dovrebbe essere più o meno lo stesso, nell’ordine di circa 30 minuti dal 5 all’80 percento in condizioni ottimali, grazie al fatto che la curva di carica è leggermente diversa per le celle della batteria utilizzate nell’ID. ronzio. L’auto supporta anche il cosiddetto Plug & Charge, quindi è sufficiente collegare il cavo di ricarica, quindi l’auto si autenticherà e pagherà da sola.
  • Dominio: Questo è un dettaglio che ancora non sappiamo, perché la Volkswagen al momento non è pronta con la formazione ufficiale WLTP. È lecito ritenere che sarà leggermente inferiore alla ID.4, che nella versione a trazione posteriore ha una lunghezza di 485-513 chilometri a seconda del livello di equipaggiamento. L’autonomia è probabilmente superiore a quella dei concorrenti più importanti: la Mercedes-Benz EQV, ad esempio, ha un’autonomia di 357 chilometri, il Maxus Euniq 6 ha 420 chilometri nella nuova versione con una batteria più grande e l’e-Rifter di Peugeot 280 km.
  • Compartimento bagagli: 1121 litri di ID. Canticchiando prima che i sedili posteriori siano ripiegati. Con i sedili ripiegati, il volume è di 2205 litri. ID. Buzz Cargo ha invece fino a 3,9 metri cubi di spazio di carico. In quest’ultimo, il vano di carico ha una dimensione di 2,21 m, una larghezza di 1,73 m e un’altezza di 1,28 m. Tra i passaruota c’è 1,23 m, quindi puoi praticamente mettere un materasso con una larghezza di 1,20 m nella parte posteriore. Volkswagen afferma anche che dovrebbe esserci spazio per due piattaforme di lavoro in euro una accanto all’altra.
  • solidale, solidale, solidale: 1000 kg max.
  • Carico utile: Massimo 650 kg per carta d’identità. Buzz Cargo.

Come probabilmente avrai notato da quanto abbiamo scritto sopra: la Volkswagen è lontana dall’avere tutte le opzioni di identità. La famiglia Buzz è pronta per il lancio. Versioni più grandi con sei o sette posti, trazione integrale e batterie sempre più piccole saranno in costruzione, ma probabilmente non saranno pronte per il lancio almeno il prossimo anno. La prima edizione sarà l’identità. Buzz Pro.

Ad un evento pre-lancio ad Amburgo, abbiamo avuto l’opportunità di guardare la carta d’identità. Parti in pace e tranquillità ben prima dell’inaugurazione di oggi. La domanda che molti si sono posti è se il design esterno sarà abbastanza simile alla concept car Volkswagen presentata per la prima volta nel 2017.

Probabilmente diremmo che la maggior parte è già stata mantenuta, anche se alcune linee della concept car dovrebbero cedere, e ovviamente ci sono state fornite caratteristiche tipiche della produzione come il montaggio di maniglie delle portiere e specchi “veri”, per citare un pochi. La vernice in due parti e i colori pastello fanno ancora la loro parte per influenzare l’impressione dell’auto leggermente giocosa a cui la Volkswagen ha fatto riferimento lungo la strada.

Il risultato potrebbe essere una nuova aggiunta a una categoria che potrebbe non essere del tutto nota per essere la più audace nel design, anche se molti potenziali acquirenti probabilmente opteranno per le opzioni di vernice “noioso” di grigio, bianco o nero comunque.

Come abbiamo scritto l’ultima volta, sia lo spazio sul sedile posteriore e non ultimo il bagagliaio è eccellente, e per rendere più visibile l’autobus, la Volkswagen ha anche dotato gli schienali dei sedili di tavoli pieghevoli.

Anche i sedili posteriori hanno delle guide, quindi puoi sollevarli di altri 15 cm nella parte anteriore se hai bisogno di più spazio senza piegarli completamente, il che non è relativamente un problema dato lo spazio per le gambe, anche se è fastidioso che anche i sedili anteriori siano progettati in modo da poterlo non metterci le gambe sotto.

In altezza c’è anche un ottimo spazio, con circa 10 cm di aria sopra la testa del sito sottostante, che è di 183 cm sul calzino. È un peccato che la Volkswagen non sia riuscita a mettere un tetto in vetro, che, ovviamente, aumenterà la sensazione di ariosità. L’auto di prova aveva un tetto di vetro, quindi la speranza è ancora viva. È probabile che anche il sedile al centro sia troppo rigido per un comfort elevato durante i lunghi viaggi.

Se abbatti i sedili posteriori, otterrai un davanzale alquanto evidente dal bagagliaio e più in alto sugli schienali, ma qui verrà consegnato anche una sorta di portapacchi rimovibile, che fornisce un bagagliaio in due parti e una superficie piana con i sedili posteriori. Inoltre, è possibile posizionare oggetti lunghi sotto i sedili dell’ultima fila.

Di fronte a te sei seduto in alto e con una buona visione d’insieme. ID. Il Buzz non ha quasi nessun cofano che ti ruba la vista e una finestra triangolare relativamente grande dietro il montante anteriore dovrebbe fornire un buon controllo su ciò che sta accadendo intorno all’auto. Naturalmente, conosciamo molti elementi interni di altri modelli ID, come lo schermo dell’infotainment e il quadro strumenti situato sul “moncone” del piantone dello sterzo.

Lo stesso vale per i pulsanti “tattili” leggermente fastidiosi che VW e le sue sorelle del gruppo giurano sulle loro nuove auto elettriche, sia al volante che sotto lo schermo dell’infotainment.

Le vetture che abbiamo visto avevano interni rispettivamente gialli e arancioni, insieme a dettagli in una sorta di finitura in legno, che, va detto, è una scelta stilistica interessante, ma almeno nella natura di un bus VW leggermente nascosto. In caso contrario, i portabicchieri si aprono da una fessura sotto lo schermo e la console è completamente fissata tra i sedili con “clip” e può essere rimossa se lo si desidera.

Naturalmente, la versione camion non è snella nel design, ma in cambio ha alcune caratteristiche leggermente più pratiche, come ad esempio i vani portaoggetti aperti nella plancia e sopra il vano portaoggetti. Le auto hanno anche dozzine di porte di ricarica, con un massimo di otto porte USB-C sparse all’interno (cinque in ID. Buzz Cargo). Ce ne sono solo due a destra del volante e troverai porte su entrambi i lati della porta anteriore e posteriore.

Identificatore iniziale. Le versioni Buzz saranno prodotte in questo lato dell’estate, con il lancio sul mercato in autunno. L’importatore Volkswagen Harald A. Møller afferma che saranno pronti per iniziare le vendite e i prezzi in Norvegia a maggio. Se scommettiamo, Buzz inizierà circa 500.000 corone prima dell’equipaggiamento.

READ  La polizia coinvolta dopo un incidente ad Aspmyra - Glimt si incontrerà per il rumore