Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Misto a Wall Street – Il Dow è in ribasso per il sesto giorno consecutivo

Sembrava esserci una leggera tregua dopo alcuni giorni pesanti a Wall Street, poiché tutti i principali indici sono aumentati con cautela dall’inizio di giovedì. Nelle ore successive, a volte si sono verificati significativi movimenti al rialzo e al ribasso e a un certo punto tutti e tre i principali indicatori erano meno del 2% per la giornata.

Alla fine, si è concluso così il penultimo giorno di negoziazione della settimana:

  • L’indice S&P 500 è sceso dello 0,12%.
  • Il Nasdaq è salito dello 0,06%.
  • L’indice Dow Jones è sceso dello 0,33%.

Per l’industria pesante Dow Jones, è stato il sesto giorno consecutivo con un calo, mentre l’ampio S&P 500 ha raggiunto il livello più basso dell’anno, secondo CNBC.

Così, il Nasdaq ha chiuso marginalmente in positivo dopo una settimana intensa, aiutato dall’ascesa di Netflix e dal proprietario di Meta Facebook e Amazon, tra gli altri.

numeri infuocati dell’inflazione

I mercati azionari di mercoledì sono stati caratterizzati da numeri infuocati di inflazione. Il rapporto ha mostrato che l’inflazione è rallentata meno del previsto ad aprile.

L’inflazione ad aprile era dell’8,3% e rimane a un livello record, ma è leggermente inferiore all’aumento dei prezzi dell’8,5% osservato a marzo. L’ultima volta che è stato a quel livello è stato nei primi anni ’80.

“I numeri di IPC superiori alle attese di ieri potrebbero aumentare i timori che la Federal Reserve perseguirà una politica monetaria più restrittiva del previsto e più lunga del previsto e perderà liquidità dai mercati, che fino a poco tempo fa vi erano immersi”, ha affermato Ross. Mold, chief investment officer di AJ Bell, secondo Bloomberg News.

READ  Eriksen finito all'Inter L'agente suggerisce che sta continuando la sua carriera - rbnett.no

CitiGroup Strategies afferma che i titoli in crescita, compreso il settore tecnologico debole, probabilmente rimarranno sotto pressione poiché le banche centrali inaspriranno la politica monetaria, il che a sua volta potrebbe significare tassi di interesse più elevati.

Pressione sui prezzi

Il Nasdaq è ora in calo del -27,4% quest’anno, lo Standard & Poor’s è in calo del 17,4% e il Dow è in calo del 12,4%.

L’analista di NordNet Roger Bernsen ha scritto giovedì in un commento che la crescita sia negli Stati Uniti, ma anche nel resto del mondo, rallenterà in futuro a causa della pressione sui prezzi sottostante nell’economia. .

Mercoledì la scorsa settimana, la Federal Reserve, la Federal Reserve statunitense, ha alzato il tasso di interesse di riferimento dello 0,5%. In futuro sono stati annunciati numerosi rialzi dei tassi di interesse. L’obiettivo a lungo termine per l’inflazione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è del 2%.

Ritiro in Europa

Giovedì c’è anche un forte calo nei mercati europei. La paura dell’inflazione attanaglia il mercato azionario, con la crescente preoccupazione che l’inflazione negli Stati Uniti non abbia raggiunto il picco, Scrive economia del commercio.

Il DAX tedesco è sceso di oltre il 2% e del 2,23%. L’indice collettivo paneuropeo Stoxx 600 è sceso del 2,40% e ha raggiunto il livello più basso in nove settimane.

Nel Regno Unito, l’indice FTSE 100 è in calo dell’1,82% e la Borsa di Parigi del 2,17%.

Il prezzo del petrolio è scambiato a 105,07 dollari al barile, in calo dell’1,27% rispetto ai livelli di mercoledì.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.

READ  Famigerato gangster italiano arrestato in Sardegna - rbnett.no