Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Modalità indicibile – VG

SEISER ALM (VG) Therese Johaug fatica a trovare parole confortanti dopo che ai suoi compagni di squadra Heidi Weng e Anne Kjersti Kalvå è stato diagnosticato il coronavirus poco prima delle Olimpiadi. Johog riconosce che la situazione è spiacevole.

Inserito:

“Cerchi di essere un buon compagno di squadra e di supportarli, ma è una situazione indicibile”, dice Therese Juhaug, con benda e distanza, alla stampa all’Alpe di Siusi.

Mercoledì si è saputo che Heidi Wing e Ann Kjersti Calva Infettati dal Coronavirus – Poco prima dell’inizio delle Olimpiadi con il loro primo allenamento di sci di fondo, il 2 febbraio.

Collaborazione Editoriale

Guarda tutto dalle Olimpiadi di Pechino dopo la scoperta +

È difficile trovare parole confortanti in un contesto del genere, dice Johog mentre esce per una sessione mattutina sugli sci a poco più di 1.800 metri sul livello del mare.

– In qualche modo abbiamo fatto tutto il possibile. Vivevamo al riparo e rispettavamo tutte le precauzioni, ma non possiamo controllare tutto, dice Johog.

Il 33enne insegue la sua prima medaglia d’oro olimpica. Non nasconde il fatto che è “spaventoso” quando l’infezione si avvicina.

– È scomodo. Non nasconderò nient’altro. Almeno quando so che le Olimpiadi iniziano tra una settimana, è un obiettivo con cui mi alleno da molto tempo. Ma ora c’è un sacco di infezione ovunque. Quando non si hanno quasi sintomi, dice Johog, è difficile monitorare se si è infetti o meno.

Andare in giro “sente” i sintomi del virus.

– Sì, lo fa un po’, devo ammetterlo. Vedremo cosa porteranno i prossimi giorni, indipendentemente dal fatto che tu arrivi o meno in Cina.

READ  10 regali di Natale esclusivi per gli uomini

Guarda le foto degli sciatori del giovedì mattina:

Lotta Udnes Weng simpatizza anche con Heidi Weng e Kalvå.

– È difficile sapere cosa posso dire loro. Sembra che siano stati in grado di guardare un po’ avanti, e penso che sia piuttosto impressionante, dice Odens Wing a VG.

– Come si sentono, secondo te?

– Penso che stiano attraversando un momento difficile. Stare in isolamento per dieci giorni in un hotel è difficile per la maggior parte delle persone, dice Odens Wing, e quando ti perdi anche il più grande evento dell’anno, è dura.

I prossimi giorni saranno emozionanti. Ci sediamo e impazziamo un po’ prima di ogni risposta che arriva nei test, dice Odens Wing.

Lunedì, l’allenatore della sprint maschile, Arild Monsen, è risultato positivo al test di ritorno dall’Alpe di Siusi.

I feriti Calva e Wayne vengono lasciati in isolamento allo Steger-Dellai Hotel. Anche Therese Johaug e Johannes Høsflot Klæbo hanno alloggiato in camere singole. Il resto della squadra è stato costretto a mercoledì cambiare hotel All’Hotel Gstatsch, dieci minuti e pochi metri in meno.

– Sembrava la cosa migliore per me. Sono nella stanza d’albergo per 24 ore tranne l’allenamento. Devi solo essere il più protetto possibile e incontrare il minor numero di persone possibile e sfruttare solo le tue migliori opportunità, afferma Gohoge.

Nel piano originale, gli atleti olimpici avrebbero dovuto recarsi in Norvegia mercoledì e in Cina oggi-giovedì.

Ora i praticanti sono in quarantena come contatti stretti e al momento non è certo quando potranno viaggiare verso est. C’è speranza di partire il 31 gennaio.

READ  - Cercherò di essere paziente - VG

Gli sciatori di fondo ora si mettono alla prova ogni giorno all’Alpe di Siusi e giovedì mattina hanno effettuato un test PCR. È prevista una risposta entro 24 ore.