Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Morten Thorsby si apre sul periodo difficile:

Morten Thorsby si apre sul periodo difficile:

  • Ricorda Irlanda – Norvegia su TV 2 Direkte e TV 2 Play dalle 20:30 di stasera.

Dall’esterno sarebbe stato difficile individuarlo, ma dietro il fatto che Morten Thorsby abbia giocato meno di un’ora al massimo in una partita di Bundesliga dall’ultima volta che la nazionale si è incontrata, c’è una storia.

– Se ho sbattuto contro un muro o sono andato su tutte le furie… Ci sono molte parole per questo, ma probabilmente potresti dire che l’ho fatto. Il corpo alla fine ha detto “Ehi, ora devi rilassarti un po’”, dice Morten Thorsby a TV 2.

Per tutta la stagione dello scorso anno, lui e la Samp hanno combattuto una dura battaglia per evitare la retrocessione dalla Serie A. Dopo la stagione, il club italiano voleva vendere il norvegese, contro la sua volontà.

La soluzione era trasferirsi nella Confederazione tedesca di Berlino.

– L’anno scorso è stato molto difficile. Ho giocato assolutamente tutto e abbiamo lottato per evitare la retrocessione nell’ultimo anno. Questa estate potrebbe essere stata troppo. Forse vivo in un delicato equilibrio anche con il mio impegno per l’ambiente, quindi forse alla fine ripaga. Ho imparato una lezione: devo ascoltare il mio corpo, dice Thursby.

È stato semplicemente bruciato.

– Quando qualcuno parla di burnout, per alcuni si tratta di depressione e ansia. Per alcuni si tratta di cose materiali. Da parte mia, aveva a che fare con il fatto che avevo problemi di stomaco ei muscoli erano molto rigidi. Inoltre, sono stanco. “Ero più stanco di prima”, dice Thorsby.

Non so cosa fosse

All’inizio era molto scomodo. Mentre Thorsby aveva un ardente desiderio di impressionare il suo nuovo club, il suo corpo ha resistito.

READ  Uno sforzo eroico e una potente dose di fortuna quando Palace ha assicurato una perdita di punti al Manchester City

Un ulteriore fattore di stress era che ero nuovo nel club, ha ricordato Thorsby.

E all’inizio anche il 26enne non capiva cosa ci fosse di sbagliato in lui.

– Ho controllato tutto sul cadavere. Temevo che potessero essere altre cose, ma ora ho capito che questo è il problema e che è più facile conviverci, dice Thorsby.

Sebbene il centrocampista abbia faticato in nazionale, era principalmente disponibile per le partite dell’Union Berlin. Ma invece di giocare partite intere, in certe occasioni giocava per lo più mezz’ora o anche un’ora.

– Hai avuto un buon dialogo con il club. Erano così bravi che abbiamo ridotto la quantità con cui giocavo, dice.

Nota che non era ancora la persona che ha avuto il momento più difficile. Allo stesso tempo, il calcio e le prestazioni sul campo significano molto per lui.

Allo stesso tempo, le cose mentali sono una parte molto importante dell’essere un atleta di alto livello. Non mi sentivo come se fossi dove sono di solito, ed è stato difficile. Probabilmente ero all’80 percento di quello che potevo fare, e lo noti immediatamente quando sei un atleta di alto livello, dice Thorsby.

Probabile partenza: la forma di Morten Thorsby è migliorata nelle ultime settimane e il piano di Ståle Solbakken è di fargli giocare dall’inizio contro l’Irlanda stasera. Foto: Vegard Grott / BILDBYRÅN

Vuoi essere di mentalità aperta

Secondo Ståle Solbakken, nelle ultime settimane c’è stato un dialogo serrato con Morten Thorsby sulla sua forma fisica. Hanno concordato di includerlo nella rosa per le partite contro Irlanda e Finlandia questa settimana, e il piano è che Thorsby inizi stasera contro l’Irlanda.

– Fortunatamente, sono sulla via del recupero e nelle ultime settimane mi sento meglio, dice Morten Thorsby.

È intenzionalmente aperto riguardo alle sfide che ha dovuto affrontare di recente.

– Non capita spesso di parlare di queste cose, ma penso che sia qualcosa che molte persone provano e penso che sia importante essere onesti al riguardo. Perché succede ovunque. Per me personalmente, l’apprendimento è stato positivo: come dicono tutti, il riposo e il sonno sono molto importanti, dice.

Thorsby ammette che a volte ha avuto troppe palle in aria e si è assunto una grande responsabilità.

– Penso di gestire due partite: una da calciatore professionista e l’altra per l’ambiente. È molto esigente, io sono attento e voglio molto. Ma mi sono reso conto che dovevo ascoltare i segnali del mio corpo in misura maggiore, e cercherò di farlo in misura maggiore in futuro, dice Morten Thorsby.