Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Nel peggiore dei casi, le conseguenze possono essere gravi – E24

– Nel peggiore dei casi, le conseguenze possono essere gravi – E24

L’escalation in Medio Oriente potrebbe significare un aumento dei prezzi del petrolio e un calo del mercato azionario. Il capo economista vede la via da seguire come un grande scherzo.

Pubblicato:

Potrebbero verificarsi movimenti evidenti all’apertura dei mercati dopo la chiusura del fine settimana.

Il prezzo del petrolio potrebbe salire e anche i principali indici del mercato azionario come S&P e Nasdaq potrebbero scendere Tassi di interesse a breveTassi di interesse a breveI tassi di interesse sui titoli di Stato a breve scadenza mostrano come il mercato si aspetta che i tassi di interesse di riferimento si sviluppino a breve termine Potrebbe aumentare ulteriormente, ritiene Sarah Midtgaard, capo economista di Handelsbanken. Lei ritiene che ciò potrebbe accadere a causa della paura nei mercati.

Domenica notte l’Iran ha effettuato un attacco su larga scala contro Israele con centinaia di droni e missili. Ciò fa temere un peggioramento della crisi in Medio Oriente.

Midtgaard sottolinea che gli effetti dell'escalation in Medio Oriente sull'economia dipendono dagli sviluppi futuri.

Nei casi peggiori le conseguenze finanziarie possono essere enormi. La grande domanda è se Israele lancerà un contrattacco. È lui il grande burlone qui”, ha detto a E24.

Il governo di emergenza israeliano discuterà la risposta all'attacco domenica pomeriggio, ha scritto NTB.

Continua a leggere E24+

Analisi Prime rispetto al trend dei titoli di spedizioni automobilistiche: – Il trend al ribasso è elevato

Sarah Midtgaard

Stretto centrale di Hormuz

Midgard indica uno scenario in cui Israele risponde all’Iran e gli Stati Uniti intervengono in modo che ci sia una guerra su vasta scala in Medio Oriente.

READ  Tasso di natalità in Italia in caduta libera

– Se guardiamo a questo scenario e l’Iran finisse per chiudere lo Stretto di Hormuz, influenzando il mercato petrolifero, ciò potrebbe significare un aumento dei prezzi del petrolio. E poi potrebbe esserci uno shock ancora più grande in offerta.

L’Iran è tra i maggiori produttori di petrolio al mondo.

Gran parte del trasporto mondiale di petrolio avviene attraverso lo Stretto di Hormuz, gran parte del quale è controllato dall’Iran. Il GNL viene trasportato dal Qatar attraverso lo stretto.

Midtgaard conferma che le possibilità che si verifichi questo scenario sono scarse e ciò si rifletterà anche sui mercati.

– Una misura del genere riguarderebbe non solo i paesi occidentali, ma anche la Cina, tra gli altri. Pertanto, l’Iran si farà nemici anche in altri paesi e sarà impopolare.

Secondo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Israele, con l’aiuto delle forze americane, è riuscito ad abbattere la maggior parte dei droni e dei missili che si dirigevano verso il paese.

L'attacco è arrivato dopo un attacco israeliano al consolato iraniano in Siria all'inizio di aprile.

Circa $ 90 adesso

Anche l’analista petrolifero Helgi Andre Martinsen di DNB Markets ritiene che sia normale aspettarsi che i prezzi del petrolio aumentino all’apertura.

– Quanto è drammatica la situazione del mercato petrolifero?

– Finora è stato molto drammatico, risponde Martensen.

Tuttavia, sottolinea che l’incertezza è elevata e che il percorso da seguire per i prezzi del petrolio dipenderà da come si svilupperà il conflitto.

Martinsen ritiene che se il conflitto si intensificasse e il mercato perdesse grandi quantità di petrolio che non può essere sostituito, il prezzo potrebbe aumentare di decine di dollari rispetto al livello attuale.

READ  Oslo Bors sale di più - Equinor al "massimo assoluto"

Il prezzo del petrolio ha chiuso la settimana a 89,6 dollari.

Quest'anno il prezzo è aumentato di circa 10 dollari. Dietro a tutto ciò, secondo Martinsen, si celano un mercato più ristretto del previsto, l’aumento della tensione geopolitica in Medio Oriente e l’incertezza sul petrolio russo a seguito degli attacchi di droni ucraini.

Helgi André Martinsen

I numeri della Cina

Alla luce di ciò che sta accadendo in Medio Oriente, Medtgaard ritiene che sarà molto importante seguire i numeri che arrivano dalla Cina. Martedì verranno resi noti i dati sull'attività dell'economia cinese. La Cina è un grande e importante consumatore di materie prime, in particolare di petrolio.

– Il mercato sarà probabilmente teso per tutta la settimana e ci saranno pressioni sul mercato petrolifero. Se i numeri provenienti dalla Cina dovessero sorprendere al rialzo, ciò potrebbe avere un impatto sul mercato petrolifero.

Altrimenti, il calendario macroeconomico non sarà pesante questa settimana, ma riceveremo, tra le altre cose, il “libro beige” della banca centrale americana mercoledì, i dati sull’inflazione britannica martedì e l’indagine sui prestiti della banca norvegese giovedì.

A Oslo Borse inizia la stagione dei risultati, con i resoconti trimestrali di Nel, Elkem, ABG Sundal Collier, Norske Skog e Norwegian Real Estate. Stolt Nielsen, che ha un periodo contabile diverso, ha presentato i dati la settimana scorsa.