Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nils Arne (80) vuole – ma cosa succede se Kjetel (52) non dice di sì? – NRK Sport – notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni

Giovedì 16 settembre il Bodo-Glimt giocherà la sua prima partita a gironi di Coppa dei Campioni. In casa contro l’Aspmera, ha battuto 3-1 l’ucraina Zorga Luhansk nel campionato appena iniziato.

A bordo campo, l’allenatore Kjetil Knutsen sorride a un’altra vittoria convincente. I pensieri possono anche andare alla prossima partita casalinga della fase a gironi. Poi arriva la Roma capolista italiana all’Aspmera.

A margine troveremo un duello tra l’allenatore portoghese Kjetil Knutsen e la leggenda dell’allenatore José Mourinho, che ora guida la Roma.

Nel frattempo, il potente presidente del Rosenborg, Ivar Koteng, tiene d’occhio le notizie su NRK. Parla con sottomissione della scomparsa dei parcheggi nel centro di Trondheim a favore delle piste ciclabili.

Due città del calcio sono in movimento e Bodo è probabilmente la meglio preparata per quello che verrà.

Venerdì Nils Arne Eigen è di buon umore per il suo 80esimo compleanno.

Foto: Johannes Børstad / NRK

sigillo blu

Da parte sua, Koteng ha ammesso pubblicamente di volere che il già citato Kjetil Knutsen sia il prossimo allenatore del Rosenborg quando l’allenatore del gigante Hareide si ritirerà dopo questa stagione.

Knutsen di Bergen ha ottenuto risultati entusiasmanti ai suoi tempi al Bodø, giocando il tipo di calcio che il Rosenborg ha sempre voluto che giocassero i suoi giocatori.

Non fanno più la stessa cosa. Vogliono che Knutsen faccia qualcosa al riguardo.

Anche il più grande di tutti gli uomini, Nils Arne Eigen (80), è aperto al fatto che Knutsen crede di essere il migliore in grado di portare avanti la gloriosa eredità e tradizione.

Questo tipo di sigillo blu ha ancora una grande importanza simbolica a Lerkendal.

In un certo senso, anche il tempismo è giusto per entrambi. Knutsen ha realizzato tutto ciò che pensava fosse possibile e un piccolo extra a Bodo, e il Rosenborg è a un punto di svolta, dove una squadra e una cultura saranno forgiate per un futuro che sperano possa dare nuove vittorie all’orgoglio di Trondheim.

Kjetil Knutsen

L’allenatore di successo Kjetil Knutsen è in cima alla lista dei desideri di Eggen per gli attuali allenatori RBK.

Foto: Mats Torbergsen / NTB

Non tutte le strade portano a Lerkendale

Ma ciò che è stato dato per scontato è quasi normale nel calcio norvegese, e il fatto che non esista un lavoro di allenatore più attraente di quello di allenare il Rosenborg non è più scontato.

Quindi non è certo che l’80° anniversario al Fannrem fuori Trondheim otterrà il regalo che desidera.

Leggi anche:

Il padre di Goodfooten e leggenda del coaching compie oggi 80 anni


Il Rosenborg può semplicemente provare qualcosa di offensivo come l’ovvio primo candidato che dice di no.

Perché invece di dover ereditare dai buoni piedi del primo, ora c’è una concreta possibilità che Knutsen sia in disparte all’Aspmyra quando si giocheranno le cosiddette partite ad eliminazione diretta di campionato a febbraio – o semplicemente trovi il tempo per farlo ritorno a Bergen.

E cosa farà dopo il Rosenborg?

Non ci sono alternative norvegesi

Non è che Ivar Cotting e il suo consiglio di amministrazione competente non abbiano pensato all’idea. Pertanto, lavorano necessariamente con una lista di candidati e hanno la garanzia di una lista ambiziosa.

L’esperienza del semplice reclutamento del pilota del pilota non qualificato Eric Hornland è ancora lì, il problema è che si adatta meglio alla cultura di Rosenborg per assumere un allenatore norvegese. Ma la lista dei candidati attuali è quasi vuota.

Il più vincente in questo momento è Kjetil Rekdal, la cui squadra preferisce giocare a un calcio che non rientra nel modello del Rosenborg.

Forse il più adattato è stato Svein Maalen, ma la salita sul sedile di Ranheim si è bruscamente interrotta. Quindi è una strada molto lunga per diventare subito capo allenatore al Rosenborg. Kristian Michaelsen di Kristiansund ha il potenziale, ma gli manca l’esperienza di un grande club.

Dag-Eilev Fagermo dovrebbe fare meglio a Vålerenga di quanto non abbia fatto prima di cogliere l’occasione per valutarlo.

Geir Bakke è stato rilevante per l’argomento in precedenza, ma è improbabile che lasci il progetto a cui sta lavorando ad Åråsen. E così possiamo continuare. Fino a quando non abbiamo attraversato il confine norvegese.

lettino

Il presidente della RBK Ivar Koteng dovrebbe presto trovare un successore di Åge Hareide.

Foto: Ole Martin Wolde

Lo svedese, il danese e Rosenberger

Dal momento che il prossimo allenatore del Rosenborg non ha l’accento di Bergen, ci sono molte cose che suggeriscono che non parli affatto norvegese. Ci sono buoni candidati in Svezia così come in Danimarca. Ma ci sono molte indicazioni che questo non è qualcosa che il suddetto Giubileo voleva da Orchdalen.

Perché se uno dovesse qualificarsi per il vero titolo onorifico di Nils Arne Eigen, cioè “Cittadino della Rosa”, viene fornito con una specifica dei requisiti che può essere più che difficile da tradurre per un’abilità di formazione svedese o danese.

Lo svedese Eric Hamren ha avuto successo, ma ha ricevuto solo rispetto e non il vero amore di Rosenborg.

Il danese Kasper Hjolmand ha detto no all’ultimo minuto, finendo ironicamente come allenatore della nazionale danese, che ha mandato Aggie Hared a Lerkendal.

Kjetil Knutsen, anche se non torna mai più dalla sua famiglia a Bergen, può godersi la sua città natale segnando simbolicamente una volta per tutte che il tempo del Rosenborg come grande del calcio norvegese è finito semplicemente dicendo “No, grazie”.

Addio a Nils Arne Eigen

Il pubblico ha reso omaggio a Eigen quando si è dimesso da allenatore del Rosenborg nel 2002.

Foto: Gorm Kallestad / NTB

Evviva Niels

L’autunno mostrerà se il desiderio di regalo di Nils Arne Eigen si è avverato. Ha tempo di aspettare. Nel frattempo, coglieremo l’occasione per prendere parte al tributo giubilare che da solo ha reso il calcio norvegese un orgoglio e un rispetto per noi stessi a cui siamo stati vicini, né prima né dopo.

Incredibile 8 (otto) anni di fila, la sua squadra Rosenborg si è qualificata per la partita del girone di Champions League. Da solo, ha creato un impero, costruito su testardaggine tattica, grida intelligenti, calore e innumerevoli citazioni di Ibsen.

La serie di citazioni di Nils Arne Eggen è lunga quanto quelle da cui è nata inconsapevolmente la nostra grandezza poetica.

In questa occasione, concludiamo con uno dei veri classici, arrivato dopo che il club europeo più meritevole ha lasciato Lerkendal senza punti dopo aver incontrato i campioni del Trondelag:

“Dannazione, Real Madrid, dannazione”.

Congratulazioni per questo giorno, il figlio maggiore di Orkdalen.

READ  - Hanno iniziato a prenderci a calci - VG