Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Non c’è da stupirsi che il re norvegese sia stato braccato a morte in Cile

Non c’è da stupirsi che il re norvegese sia stato braccato a morte in Cile

In Cile, le comunità indigene manifestano da molti decenni contro le aziende norvegesi. Ho preso il volo.

Questo è un post di discussione. Eventuali opinioni espresse nel testo sono di responsabilità dell’autore. Se vuoi partecipare alla discussione puoi leggere come fare qui.

Nova Austral risponde alle critiche di fondo della questione.

L’industria agricola norvegese è stata sotto i riflettori dell’opinione pubblica nell’ultimo anno, almeno in patria. Ho viaggiato dall’altra parte del globo – in Cile – dove le comunità indigene lungo tutta la costa hanno manifestato per decenni contro le aziende norvegesi.

Il viaggio è iniziato a Puerto Montt. La città segna non solo l’inizio della Patagonia, ma anche l’inizio di un’avventura norvegese-cilena del salmone. Nel 2007 È stato rilevato un virus In un impianto di allevamento di proprietà della società norvegese Cermak, probabilmente proveniva da uova di salmone norvegese.

Massacro forzato e smobilitazione di massa

Gli scadenti standard ambientali hanno fatto sì che il virus si diffondesse a una velocità record. Il risultato è stato un massacro forzato e licenziamenti di massa, che hanno colpito l’intero settore e l’economia cilena. Allevato da fiordi poveri di ossigeno e salmoni in decomposizione Massiccia fioritura di alghe Nella zona, avvelenano il mare e uccidono quasi tutta la vita marina. Dopo questa crisi, l’industria del salmone si è resa conto che era giunto il momento di trovare mari più freschi e puliti per gustarlo e ha iniziato ad espandersi verso sud.

READ  Politica norvegese, Politica | Questo è ciò che hanno scritto lunedì 8 gennaio i giornali sulla politica norvegese

Ciò non significa che abbiano abbandonato completamente la regione, poiché alcune strutture sono rimaste e hanno contribuito a nuovi scandali. COME 690.000 salmoni sono fuggiti dall’impianto Marine Harvest Nel 2018 in una delle più grandi fughe di massa nella storia del salmone cileno. Successivamente, Marine Harvest ha cambiato nome in Mowi, un’altra azienda norvegese.

Da Puerto Montt mi sono diretto a sud verso una piccola isola a nord della Riserva Naturale di Guayticas. Nel giro di poche ore ho potuto vedere pinguini, balene blu e leoni marini. Ma la cosa più importante sono gli effetti del settore agricolo. Soffiatori e scatole di grandi dimensioni. Un’intera gabbia è stata portata a riva. In questa riserva naturale sono state concesse più di 300 concessioni per il salmone e l’industria ne chiede sempre di più.

Ha affrontato manifestanti arrabbiati

Lonko Daniel, un leader indigeno locale, mi ha portato a fare una gita in barca. Enormi reti per salmoni galleggiano in ogni stretto. “Ci stavamo immergendo lì alla ricerca di ricci di mare”, ha detto, indicando le strutture Moi.

Come le aziende del salmone, sono andato a Punta Arenas, una delle città più a sud del mondo. Nel 2019 la coppia reale era in visita ufficiale in Cile e qui la gente del posto si presentò per una manifestazione contro l’allevamento del salmone norvegese nelle loro zone. Non c’è da stupirsi che siano stati decisivi. Qui si trova la sede della compagnia norvegese Nova Austral. Sono responsabili di uno degli ultimi scandali nell’agricoltura cilena.

Da diversi anni Nova Austral produce più salmone nei suoi stabilimenti Il che ha permesso loro di farlo. La sovrapproduzione ha causato gravi danni al fondale marino nel mezzo di un parco nazionale e, per nascondere la violazione e continuare la produzione, l’azienda ha scaricato un nuovo fondale marino sopra quello vecchio prima di condurre l’ispezione ambientale.

READ  Coronavirus, Salute | Affermando di essere sotto controllo: le immagini dai corridoi dell'ospedale suggeriscono qualcosa di molto diverso

Non c’è da meravigliarsi che il Re e la Regina abbiano incontrato manifestanti infuriati mentre viaggiavano per il Cile, e forse è giunto il momento di discutere il perché qui a casa.


Nova Austral risponde:

Nova Austral ha compiuto sforzi significativi per diversi anni riguardo alle conseguenze del procedimento giudiziario del 2019, incluso il mantenimento della sua presenza nella regione cilena di Magallanes. Nova Austral è uno dei maggiori datori di lavoro nel capoluogo regionale Porvenir.

Oggi Nova Austral è un’azienda completamente diversa. Oltre quattro anni fa, l’azienda ha completamente rinnovato la propria gestione, rafforzato tutti i controlli di conformità e creato un canale di segnalazione indipendente. Attraverso un lavoro professionale e duro, Nova Austral è riuscita a riconquistare certificazioni internazionali per una produzione sostenibile e rispettosa dell’ambiente che fissano requisiti elevati.