Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Non c’era posto per loro – il nostro paese

Non era il periodo natalizio quando un sudafricano bianco chiese una stanza in Norvegia: “Sono un bianco che non vuole fare il servizio militare in un esercito usato per opprimere i neri”.

Mi è stata posta questa domanda nel 1987 come consigliere personale del Segretario di Stato. Ho chiesto ulteriormente al ministero. Ci è stato consigliato di volare in un aeroporto norvegese e di richiedere asilo politico. Ha ottenuto e “stanza” in Norvegia.

Norvegia fuorilegge

Le autorità norvegesi hanno deciso che i richiedenti asilo a cui non è stata concessa la residenza devono tornare nel loro paese d’origine. Alcuni viaggiano volontariamente. Altri “sono tornati”. Alcuni sono diventati cosiddetti “paperless”. Se il paese di origine non vuole accettarli, non possono essere rispediti. Gli altri non viaggeranno. Temono la persecuzione. Alcuni chiedono asilo canonico.

Alcuni scompaiono, soprattutto i giovani. Nessuno sa dove siano. Alcuni non hanno documenti per convincere le autorità norvegesi della loro identità. È stato chiesto loro di ottenere i documenti di identità del paese da cui erano fuggiti. Le autorità norvegesi sembrano pensare che l’oppressore consegnerà documenti di identità a qualcuno che è scampato alla persecuzione? È anche probabile che il sistema non confermerà la presenza della persona.

Le persone non registrate non sono autorizzate a lavorare. Ricevono assistenza sanitaria solo in situazioni di emergenza. Vivono con conoscenti e sostenitori – o ad un ricevimento. In pratica, le autorità norvegesi si rendono conto che molti non possono tornare, ma sono fuorilegge, senza diritti in Norvegia.

Tutti dovrebbero avere qualcosa su cui vivere. Quando le persone vengono bandite, si rivolgono all’atto non autorizzato o commettono un reato grave. La mancanza di assistenza sanitaria può portare a malattie gravi e alte probabilità di diventare portatori. Le autorità norvegesi lo accettano ad occhi aperti.

READ  Permetteremo la diversità di opinioni

Il processo a Gunnar Stallsett ha messo in luce la promessa del governo (alla piattaforma Granavold) di una “soluzione una tantum” per gli anziani e i richiedenti asilo di lunga data. Il risultato è uno schema che include molto poco. Arne Viste vuole che i lavoratori privi di documenti siano lontani dal lavoro non autorizzato e dalla criminalità. Vuole che funzionino. Porta a procedimenti giudiziari e multe salate.

Uno è stato concesso i diritti dallo stato norvegese. Altri sembrano senza.

Trond Backvig

Congo farren

Un bambino norvegese orfano è stato portato dalla Siria, ma le autorità norvegesi non faranno nulla per le donne norvegesi che erano sostenitori dello Stato islamico. Hanno reso difficile per se stessi.

Un altro norvegese, in una situazione simile, ha attraversato il confine in Africa con le armi in mano – con agenti poco appariscenti. Condannato per omicidio. Due governi norvegesi hanno speso milioni per riportarlo a casa. Il Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri ha interrotto la celebrazione del 17 maggio per annunciare il suo ritorno. Il prigioniero congolese è tornato in patria verso la libertà.

Se i pericoli siriani dovessero mai tornare, ci aspettano processi e incarcerazione. La Norvegia ha avuto la responsabilità del prigioniero in Congo, ma sta rinunciando alla sua responsabilità per le donne e i bambini in Siria. Uno è stato concesso i diritti dallo stato norvegese. Altri sembrano senza. La differenza è che molti siriani hanno più melanina nella pelle o è una rete influente in Norvegia?

Responsabilità verso i cittadini norvegesi

I siriani hanno viaggiato per vivere tra gli islamisti violenti, ma sono finiti nei campi curdi dove ora gli islamisti violenti abusano di donne e bambini. Alcune donne rimpiangono il loro entusiasmo per l’ISIS, altre no. Alcuni politici vogliono un tribunale internazionale in grado di gestire questi problemi. non esiste.

Le autorità curde chiedono alla Norvegia di accompagnare donne e bambini norvegesi. I bambini possono essere accuditi dal servizio di assistenza all’infanzia norvegese. Le donne devono comparire in tribunale per assumersi la responsabilità delle loro azioni. Lo stato di diritto preserva la dignità umana quando ritiene le persone responsabili. La Norvegia deve farlo ora, poiché nessun’altra autorità protegge i diritti umani e la dignità umana dei cittadini norvegesi.

In effetti, le domande ruotano attorno allo stesso problema perché la Norvegia sceglie di mettere le persone fuori dalla legge.

Trond Backvig

La situazione dei clandestini e il recupero delle donne e dei bambini che hanno sostenuto l’ISIS sembrano ruotare intorno a due questioni diverse. Il primo riguarda la politica norvegese in materia di immigrazione e rifugiati. La seconda riguarda la responsabilità dei cittadini norvegesi che partecipano ad atti criminali all’estero. In effetti, le domande ruotano attorno allo stesso problema perché la Norvegia sceglie di mettere le persone fuori dalla legge.

Il primo gruppo è un fuorilegge in Norvegia. I cittadini norvegesi sono stati banditi in Siria. A differenza dei prigionieri in Congo, vengono lasciati in una situazione in cui non hanno diritti né in Kurdistan né in Norvegia.

protettore della dignità umana

I dettagli della politica norvegese in materia di immigrazione e rifugiati non sono sul tavolo della chiesa. Nessuno, nemmeno la chiesa, crede che il confine norvegese debba essere aperto. Le quote ei giudizi sul numero di rifugiati nel controllo delle frontiere norvegesi dovrebbero essere lasciati alla coscienza e alla valutazione dei politici e della gente comune. Ciò in cui i cittadini norvegesi vengono coinvolti qui in Norvegia o all’estero non è una questione della chiesa finché non diventa una questione di diritti umani e dignità umana.

Nessuno dovrebbe essere negato, che si tratti di una donna senza documenti in Norvegia o di un norvegese in Siria.

Trond Backvig

La Chiesa deve essere sempre la protettrice della dignità umana. La dignità umana è garantita dallo Stato di diritto nel rispetto dei diritti di ogni essere umano. La fede cristiana si riflette nell’articolo 6 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo: “Ognuno ha il diritto di essere riconosciuto come persona giuridica ovunque”. La parola chiave è “ovunque”. Nessuno dovrebbe essere negato, che si tratti di una donna senza documenti in Norvegia o di un norvegese in Siria.

Ognuno ha il suo valore indipendentemente dal colore della pelle, dalla razza, dal genere o dall’orientamento sessuale. Ogni individuo ha dignità umana, indipendentemente dal fatto che si trovi sul confine o oltre il confine della Norvegia o che sia cittadino norvegese.

Non si tratta di politica, ma di dignità umana. Anche se nel nostro Paese non c’è posto per tutti coloro che lo vogliono, nessuno dovrebbe essere al di fuori della legge o diventare al di fuori della legge.