Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Non ho pagato io stesso il conto dell’avvocato – E24

LYNGBY, E24: Thomas Burgen è ricercato per miliardi dopo lo scandalo del riciclaggio di denaro. Indica il suo precedente datore di lavoro quando gli viene chiesto chi paga gli avvocati.

Chi paga?: Thomas Burgen, ex CEO di Danske Bank, lunedì si reca in aula.
Inserito:

I querelanti, compreso il fondo petrolifero, chiedono 2,5 miliardi di corone danesi al norvegese Thomas Borgen, l’ex amministratore delegato della Danske Bank.

La domanda principale è fino a che punto è assicurato o in quale altro modo potrebbe doverlo pagare lui stesso.

Il processo si sta ora svolgendo nella città danese di Lyngby, fuori Copenaghen, dove lunedì era presente la E24.

L’avvocato dei querelanti Casper Westberg indica in tribunale le spese legali di Borgen di 16 milioni di NOK nel caso.

Westberg chiede se Borgen può pagare il conto dell’avvocato.

Burgen non risponde direttamente alla domanda, ma dice di non aver pagato le spese legali.

Alla domanda su chi paga le spese legali, Burgen ha risposto in tribunale che pensava fosse Danske Bank.

Danske Bank ha informato E24 che la banca non ha commenti in merito poiché il caso è allo studio.

Difficilmente potrà pagare di persona

Nei documenti legali a cui E24 ha accesso, sembra che le parti non abbiano raggiunto la misura in cui Borgen sia assicurato.

Nelle memorie dei querelanti, hanno scritto di essere ovviamente consapevoli che è difficile per Burgen pagare personalmente la somma di miliardi da pagare.

Ma hanno scritto: “I querelanti capiscono in parte che Thomas Burgen ha una copertura assicurativa e in parte che esiste un accordo secondo cui la Danske Bank indennizzerà Thomas Burgen da qualsiasi richiesta al di là della copertura assicurativa”.

I pubblici ministeri sottolineano che Burgen non ha spiegato questi termini, nonostante gli inviti a farlo.

Nelle memorie, i ricorrenti osservano di rilevare al riguardo che Borgen è rappresentato nella causa dal procuratore permanente di Danske Bank, uno studio legale chiamato Plessner.

Presuppongono, a questo proposito, che non vi sia alcun conflitto di interessi tra Borgen e Danske Bank nel caso.

Leggi anche

Ex capo della Danske Bank sullo scandalo del riciclaggio di denaro: – Molto terribile

Si rifiuta di essere d’accordo con la Danske Bank

Gli avvocati di garanzia scrivono nella loro memoria che qualsiasi responsabilità per risarcimento in tutte le circostanze deve essere rinunciata o sostanzialmente ridotta a un importo che la garanzia può effettivamente pagare o nella misura in cui la responsabilità deve essere coperta da assicurazione.

Nelle memorie degli avvocati di Borgen, hanno fatto riferimento a una richiesta di risarcimento di 2,5 miliardi di corone danesi.

Gli avvocati di Borgen hanno scritto: “È chiaro che Thomas Borgen non è nemmeno in grado di pagare una somma di quasi questa entità”.

READ  Il 'salvatore dell'euro' è pronto a guidare l'Italia

Contrariamente a quanto credono i ricorrenti, Borgen Bank e Danske non hanno esonerato alcun accordo secondo cui la Banca avrebbe assolto Borgen da qualsiasi importo di risarcimento in relazione al caso Estonia, secondo gli avvocati di Borgen.

Gli avvocati di Borgen scrivono che le circostanze finanziarie di Borgen e “la natura della condotta così descritta parlano di una sostanziale attenuazione di qualsiasi responsabilità per danni, poiché qualsiasi altra cosa, per ovvi motivi, sarebbe un onere irragionevole per Thomas Borgen”.

Continua a leggere E24+

All’ex moglie è stata assegnata un’altra casa di lusso

– Terribile

Lo stesso Burgen lunedì ha spiegato per la prima volta lo scandalo del riciclaggio di denaro.

– Quello che è successo è così terribile. Borgen del Witness Fund ha affermato lunedì che non c’erano dubbi sul fatto che la banca non avesse adempiuto ai propri obblighi.

Il nocciolo della questione è se l’ex amministratore delegato di una delle più grandi banche nordiche sia responsabile dei danni agli azionisti che credono di aver perso denaro nello scandalo del riciclaggio di denaro.

Pertanto, la domanda è cosa Borgen come CEO sapeva del caso e in che momento sapeva cosa. È stato speso molto tempo a spiegare Burgen per renderlo chiaro. Era una melodia di recensione di Burgen che aveva sentito parlare di critiche alla filiale estone, ma prima che la questione diventasse nota a tutti, sentì che non c’era motivo di farsi prendere dal panico.

Penso che siano stati fuorviati

È la società di consulenza Deminor che ha citato in giudizio Borgen per conto di 155 investitori. Credono che gli investitori siano stati fuorviati per diversi anni fino a quando non è diventato noto nel 2018.

READ  Audi S1 ​​e-tron quattro Hoonitron: realizzata per Ken

Nel 2018 si è saputo che la filiale estone della Danske Bank aveva autorizzato transazioni per centinaia di miliardi di dollari in quella che potrebbe essere un’attività criminale in Russia.

I pubblici ministeri dovrebbero agire la prossima settimana.

Nove giorni sono stati riservati per il processo, iniziato la scorsa settimana.

Continua a leggere E24+

Un nuovo balzo dei tassi di interesse, ma sarà abbastanza presto?