Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Non rinunciamo mai alla democrazia – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Non rinunciamo mai alla democrazia – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Oggi Taiwan celebra la sua festa nazionale. La Cina considera il Paese insulare una propria provincia e vuole consolidarvi il proprio controllo. La celebrazione di oggi è una rassegna dell’indipendenza del Paese.

– Il presidente ha affermato che esiste un ampio consenso tra taiwanesi e vari partiti politici sul fatto che dovremmo difendere la nostra sovranità nazionale e il nostro modo di vivere libero e democratico.

I taiwanesi temono di subire la stessa sorte di Hong Kong, dove i diritti democratici sono scomparsi dopo essere stati imposti da Pechino Codice di sicurezza.

– Non faremo concessioni alla libertà e alla democrazia, ha detto Tsai in un discorso alla nazione.

– Il presidente ha affermato che esiste un ampio consenso tra taiwanesi e vari partiti politici sul fatto che dovremmo difendere la nostra sovranità nazionale e il nostro modo di vivere libero e democratico.

Foto: SAM YEH / AFP

Un Paese, due sistemi

Le autorità cinesi hanno avanzato una proposta “un Paese, due sistemi”. Una soluzione simile a quella offerta ad Hong Kong. Ciò significa che Hong Kong deve avere un alto grado di autonomia, un proprio sistema di governo, legislazione e valuta. Mentre la Cina continentale è governata da un Partito Comunista non eletto, Hong Kong gode di una forma di democrazia.

Negli anni trascorsi dal ritorno dell’ex colonia britannica in Cina, la democrazia è stata costantemente erosa. Dopo diversi anni di grandi proteste a favore della democrazia, nel 2020 la Cina ha approvato una legge sulla sicurezza. La legge limita il diritto di dire ciò che vuole e di manifestare con giustificazione nella lotta al terrorismo e alla sicurezza nazionale.

Le persone a Taiwan temono che incontreranno la stessa sorte.

– Il presidente Tsai ha detto: non rinunciamo mai alla democrazia.

Minacce militari

La Cina ha recentemente condotto esercitazioni militari nello Stretto di Taiwan. Le esercitazioni di agosto di quest’anno sono state le più grandi di sempre, con lanci di missili balistici vicino a Taiwan. Si temeva che un incidente alle esercitazioni potesse portare a una guerra tra i due paesi.

La Cina ha recentemente condotto esercitazioni militari nello Stretto di Taiwan. Le esercitazioni di agosto di quest’anno sono state le più grandi di sempre, con lanci di missili balistici vicino a Taiwan

Il presidente cinese Xi Jinping ha precedentemente affermato che la “riunificazione” con Taiwan deve essere raggiunta. Non ha escluso l’uso dell’orzo per ottenere l’integrazione.

La missione storica di completare il ricongiungimento con la madrepatria va compiuta. Sarà sicuramente implementato. Ha detto qualcosa l’anno scorso.

Un cartello con il nome di Xi in una base militare a Guilin

— Xi ha detto l’anno scorso, il compito storico di completare la riunificazione con la madrepatria deve essere portato a termine, e lo sarà sicuramente.

Foto: Greg Baker/AFP

Il presidente di Taiwan risponde a queste minacce, durante la celebrazione della Giornata Nazionale di oggi.

Voglio chiarire alle autorità di Pechino che uno scontro militare non è un’opzione per le nostre due parti.

Ha aggiunto che l’isola ha rafforzato le sue capacità di difesa e aumentato la produzione di missili, armi mobili di precisione e navi militari.

Il ministero degli Esteri cinese ha commentato oggi il discorso del presidente di Taiwan, dicendo: “Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese”.

alleato degli Stati Uniti

La dimostrazione di forza della Cina nello Stretto di Taiwan ad agosto è arrivata il giorno successivo Nancy Pelosi ha visitato Taiwan. La visita del politico americano è stata un segno del sostegno degli Stati Uniti alla nazione insulare. Taiwan occupa una posizione strategicamente importante per gli americani ed è importante che gli Stati Uniti non siano sotto il controllo della Cina.

Nancy Pelosi è la benvenuta a Taiwan

Taiwan occupa una posizione strategicamente importante per gli americani ed è importante che gli Stati Uniti non siano sotto il controllo della Cina.

Foto: Chiang Ying-ying / AP

Durante una visita in Giappone, il presidente Biden ha espresso che gli Stati Uniti avrebbero difeso Taiwan con le armi, se il paese fosse attaccato dalla Cina.

– Biden ha detto durante una conferenza stampa in Giappone che la difesa dell’isola fa parte del nostro impegno.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha dichiarato in una dichiarazione che la Cina ha immediatamente risposto che “nessuno dovrebbe sottovalutare la determinazione, la volontà e la capacità del popolo cinese di difendere la nostra sovranità nazionale e l’integrità territoriale”.

La dichiarazione di Biden è stata successivamente modificata da fonti della Casa Bianca.

Taiwan e la Cina sono state separate da quando il Partito Comunista ha preso il controllo della terraferma nel 1949. NorvegiaE le Nazioni Unite e la stragrande maggioranza dei paesi del mondo si riferiscono al “principio della Cina unica”, ovvero che le autorità di Pechino da sole rappresentano la Cina e che esiste una sola Cina.

READ  I residenti di Shanghai sono stati rinchiusi nei loro appartamenti per diverse settimane. Di notte gridano dalla finestra.