Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Note pionieristiche dall’inizio della musica norvegese moderna • ballade.no

Harold Clark, spesso chiamato Hal, è un nome interno ben noto nei circoli musicali contemporanei. Soprattutto in Norvegia, dopo che Arne Nordheim l’ha dipinto qui. Nel suo nuovo libro, ha anche parlato del compito di costruire il primo studio del genere in Norvegia; Lo studio del suono elettrico all’Henie-Onstad Kunstenter di Høvik.

Dalla sua casa nella frenetica Vancouver, in Canada, l’americano racconta di un periodo d’oro per il brainstorming e gli incontri musicali. L’approccio di Nordheim alla musica e alle persone in particolare ha acceso una scintilla nobili Come lo chiama Hal. La storia inizia all’Università di Los Angeles, dove ha studiato composizione:
– Ho già degli apparecchi in magazzino. Lo sviluppo sinfonico e musicale nuovo era notevole. Quando Nordheim è entrato nella nostra università per una visita di residenza nel 1969, doveva svolgere il suo ruolo epitaffio per orchestra e nastro magnetico, L’amicizia è iniziata, Clarke descrive nella linea video con Ballade. La storia e il suo libro sono ancora più importanti ora che si festeggia il 90° compleanno di Nordheim.

Wenche Øyen, Terje Øyen, Eyvind Moe e Arne Nordheim lavorano insieme a Nordheims solitario Dentro e dentro gli edifici di Henie Onstad. (Foto: Archivio Henie Onstad)

– Ho visto questo norvegese biondo alto, occhialuto – e ho sentito il suo meraviglioso accento. È qui che inizia davvero la storia, perché ho ascoltato! Il mio libro A Study in Listening – Ascoltare i toni, ma anche gli atteggiamenti delle persone, cosa c’è nelle parole. Sono rimasto impressionato, dice Clark, e sono diventato amico quando ho dovuto aiutare a realizzare i suoi nastri magnetici norvegesi su misura per funzionare sulle nostre macchine a nastro. È musicista, compositore e tecnico di studio. Ancora orgoglioso dello studio che ha incaricato di costruire, è diventato famoso فقد Studio norvegese di musica elettronica. Questo si adatta bene al libro di 120 pagine.

READ  Gestione dell'anidride carbonica: la conferenza di Trondheim viene organizzata digitalmente per la prima volta

Leggi anche: Il primo studio audio norvegese

Nordheim ha seguito l’educazione musicale tradizionale, ma si sentiva elettronico. Ha fatto alcune esplorazioni su NRK, usando oscillatori ecc. Ma uno studio elettronico è adatto a questo [som man fant i noen andre store europeiske byer] Non esiste in Norvegia. E che tipo di studio dovrebbe essere? Dovrebbe essere costruito per ي musica concreta? Dovrebbe essere coinvolto un computer? Sono sorte molte domande. Ho svolto il lavoro e ho viaggiato per trovare il giusto equilibrio. Questo è stato controverso! Anche Ballade ha scritto un saggio basato sul dibattito tra i compositori, tra i creatori musicali giovani e affermati; “Abbiamo davvero bisogno di uno studio per questo?” Lui ride.

Opere d’arte e uguaglianza
Ci sono molti lati della Norvegia – e della Scandinavia – in cui è caduto il giovane Clark; «A metà degli anni ’70, un movimento attivista chiamato Movimento degli artisti 74 (Kunstneraksjonen ’74), ha stabilito una delle politiche artistiche pubbliche più progressiste in Scandinavia”, secondo le parole di Clarke nel libro. Ammira i meccanismi di sostegno culturale finanziato dalle tasse, in contrasto con la scena artistica finanziata privatamente nel suo paese d’origine.

Mi ha colpito l’approccio dei socialdemocratici e dei paesi scandinavi all’uguaglianza. Avevo scritto lettere a diversi musicisti scandinavi per stabilire contatti lì. Aggiungi le storie dei tour raccontate dagli afroamericani sul buon trattamento, i pagamenti adeguati e altro ancora, sono arrivati ​​lì, il che mi ha incuriosito. E il libro è uno espatriati Aggiunge.

Anche la radio ha svolto un ruolo importante e sociale. Quello che ho visto intorno a me in America è che i compositori neolaureati spesso fanno solo una delle due cose: o essere designer completamente commerciali o diventare un medico, per poter insegnare e pubblicare. Poi spesso hanno dovuto rinunciare a comporre, o andare avanti con teorie incredibilmente astratte e scientifiche sul cervello che riceve musica e così via. Non ero interessato a questo ruolo isolato, anche politicamente carico. Sono cresciuto registrando musicisti europei. Stockhausen, Berio e gli studi hanno mostrato sostegno alle istituzioni pubbliche. Radio Nazionale, Consiglio Culturale e Festival. Non ho quasi mai visto cose del genere negli Stati Uniti.

Non proprio dritto: Hal Clarks ballo del basso, scritto per l’esibizione all’HOK di Bærum, con un ballerino. Oltre ai toni vocali, suggerisce anche movimenti per il ballerino. (immagine: )

Molti sono interessati solo a come suona la musica. Seguirò anche il suo significato sociale più profondo. Ecco perché la ricerca musicale mi ha portato in giro per il mondo! Clark ha viaggiato attraverso la York University dopo il suo soggiorno a Oslo/Hovik per lavorare con la musica tradizionale balinese, tra gli altri. È emersa la tristezza che lo studio pionieristico non fosse rimasto lo stesso nello stesso momento in cui altre missioni chiamavano:

READ  La matematica è più importante di quanto pensi

Parti del grande studio sono finite all’Accademia di Musica, a quanto ho capito. Era triste che non fosse conservato, descrive Hull.

– Sostieni il nostro cliché secondo cui crediamo nella responsabilità pubblica dell’arte in contrasto con ciò che pensiamo degli Stati Uniti… Non può sempre andare bene qui? E il Canada, dove vivi e lavori ora, è abbastanza simile, vero?
Bene, hai molte delle stesse idee qui. Seguo le loro discussioni, ho letto della mancanza di fondi per il lavoro di grandi artisti, ho letto in Ballade che potrebbe esserci una mancanza di comprensione elettronica Con la concessione di poteri, e altro, risponde. Non solo d’oro, ecco.

Da HOK-YOUTUBEN: registrazione amatoriale senza audio, NSEM è stato presentato all’Henie Onstad quando lo studio era nuovo.

La musica colpisce le persone
Usa la partecipazione di ballerini locali, la grande finestra che tutti i visitatori possono seguire nello studio del suono e l’accoglienza da parte della comunità di musica nuova e rivoluzionaria emersa negli anni ’70 come esempi della situazione a cui è stato ispirato:
– C’è stato un impegno sociale per la musica, in più generi di musica d’avanguardia e popolare – e nell’interazione con altre arti, come la danza e la fotografia, ha iniziato e riflette sia sul suo tempo come studente presso l’Accademia Norvegese di Musica e all’Henie Onstad. Parla anche con affetto del suo tempo all’NMH, quando ha condiviso amicizie e studi in audiologia con Olav Anthon Thommesen e Lasse Thoresen.

È così che si percepisce una svolta nella musica che ha costruito l’uomo – e viceversa. Così, quando si vedono gli sviluppi tecnologici di oggi, che l’autore della storia suggerisce come più di questo complesso Che nell’età dell’oro loda nel libro, mette in guardia contro la perdita di concentrazione sull’uomo. Fisico, lo chiamiamo fisico – nel lavorare con le macchine:
– C’è un rischio con ogni probabilità, se ti immergi troppo nei programmi. Devi fare i conti con continui cambiamenti nella struttura dei programmi che usi: perdi il contatto con quello che stai facendo. Ora tutto a livello universitario è più connesso con l’intelligenza artificiale. Questa è una forma estrema che non è più riconoscibile nella logica udibile. è un problema!

READ  Eravamo i migliori vicini del mondo. Gli svedesi torneranno a essere nostri amici dopo la pandemia?

Riserva Nuova musica alla luce della nobiltà Dello studio NSEM e dell’avanguardia norvegese – e dei ricordi dell’immigrazione di Clark – in mostra al Norsk musikkforlag.