Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nove norvegesi nel calcio italiano:

L’anno scorso, molti norvegesi sono andati al calcio italiano e ora ci sono fino a nove norvegesi nel sistema del campionato italiano.

L’esperto di calcio di TV 2, Eric Huskleb, ha giocato se stesso in Italia quando è stato portato a Bari nel 2011. Si ritiene che gli italiani vedano che molti bravi talenti provengono dalla Norvegia, il che suscita la loro curiosità.

Quello che è successo con il calcio norvegese negli ultimi anni è l’emergere di grandi talenti come Erling Braut Haaland, Martin Odegaard e Sander Berge, che si sono davvero mostrati sul palcoscenico più grande. Penso che questo abbia influenzato il mercato italiano guardando i giovani giocatori norvegesi, sperando di trovare un diamante.

L’Italia sta bene ai norvegesi

L’ultimo giocatore norvegese nel calcio italiano è Sebastian Vios Berg (18). È stato annunciato il trasferimento da Kongsvinger all’US Lecce il 4 febbraio. Il modello del 2003 ha fatto il suo debutto in A-team con Kongsvinger nel round finale della serie nella stagione 2020 e ha concluso il suo debutto con un punteggio straordinario dalla sua posizione principale.

Fjose Berg ha scritto in una e-mail a TV 2 che era d’accordo con Huseklepp e credeva che giocatori come Haaland e Ødegaard avessero aperto la strada ad altri giovani calciatori norvegesi.

Sebastian Fjoss Berg in US U-19 Lecce Match Foto: Andrea Stella

I club hanno scoperto che anche noi norvegesi possiamo giocare a calcio. L’Italia si adatta bene ai norvegesi, perché abbiamo un misto di buone abilità di base e buona fisica. Qui in Italia troviamo tanti giovani tecnici che fisicamente non sono necessariamente come i nordici.

Il diciottenne si vanta del calcio italiano e dice che gli sta bene.

– L’Italia è un paese calcistico molto eccitante e avevo davvero la sensazione che mi andasse bene. La qualità delle squadre e del calcio che si gioca qui è di prim’ordine.

L’altro norvegese che ha annunciato il suo trasferimento in Italia a febbraio è Julian Kristofferson (23). L’attaccante sporge di 1,98 cm da terra e ha tempo di crociera in Svezia, Danimarca e Corea del Sud, ed è ora nella Seconda Divisione americana della Salernitana 1919.

Ha esordito nel suo nuovo club il 13 febbraio, quando è arrivato negli ultimi cinque minuti contro il Vicenza Calcio. L’Hortons Boy gioca 23 partite per squadre nazionali di età specifica.

Il primo terzetto della Sampdoria

Nella Sampdoria, club italiano, possiamo contare fino a tre norvegesi con un punto d’appoggio in Italia. Christopher Askelsen (20), Morten Thorsby (24) e Noah Bisch Hermansen (18)

Thorsby ha firmato per il club in vista della stagione 19/20 ed è rimasto bloccato nel centrocampo italiano quest’anno. Veniva da Heerenveen, che ha firmato nel 2014 dopo essere stato su Stabeck.

Askildsen è sceso dalla panchina più volte in questa stagione e ha iniziato una partita di coppa. Nel luglio dello scorso anno ha segnato contro il Milan in persona con un superbo tiro dalla distanza.

Guarda il tiro dalla distanza di Askildsen contro il Milan nel video qui sopra!

– Richieste altissime

Noah Pech Hermansen è stato portato nel top club italiano a settembre dello scorso anno dal Fredrikstad Football Club, ed è attualmente ammonito con una partita di coppa contro la Juventus per la squadra Under 19 della Sampdoria.

Dice al telefono a TV 2 che la battaglia per la vita è dura nel calcio italiano.

Noah Bech Hermansen ha fatto il passo all'estero dopo aver giocato a calcio di secondo livello con Fredrikstad.

Noah Bech Hermansen ha fatto il passo all’estero dopo aver giocato a calcio di secondo livello con Fredrikstad. Foto: Fredrikstad Football Club

– Le richieste del cielo sono alte qui. Tutti vogliono fare il passo successivo per la prima squadra, e la prima divisione, può essere molto difficile mentalmente, ed è molto diverso da quello che è in Norvegia.

Hermansen ha saputo che la Sampdoria lo aveva cercato a un raduno per la Nazionale circa un anno fa.

Quando è arrivata l’offerta, non ha potuto rifiutare.

– È una specie di Italia. Qui, ci sono circa una dozzina di pezzi di equipaggiamento di supporto intorno all’U19 realizzati in un dato momento, e tutto è pronto per la sua evoluzione, e mi sento come se avessi trascorso pochissimo tempo qui, dice un diciottenne.

Ostfolden è un centrocampista e ha avuto diverse partite nelle squadre nazionali per l’età della Norvegia.

Recupera giocatori meno qualificati

A settembre l’Atalanta, arrivata ai quarti di finale di Champions League, ha cresciuto il 16enne norvegese Lundy Benedict Roaldsoi.

Alwande Benedict Roaldsøy in una partita internazionale U-15 contro l'Austria

Alwande Benedict Roaldsøy in una partita internazionale U-15 contro l’Austria Foto: Daniel Goetzhaber / BILDBYRÅN

Roaldsøy ha firmato un contratto professionale triennale con l’Atalanta.

Mercoledì il Real Madrid farà visita all’Atalanta negli ottavi di finale di Champions League.

Puoi guardare la partita su TV2 Sport 1 e TV2 Sumo dalle 21:00!

Huseklepp afferma che la strategia di ricollocazione italiana è cambiata negli ultimi anni.

– Sono cambiato. Ad esempio, il Milan era un club qualche anno fa che ha portato le più grandi stelle del mondo, e ora il Milan è un club che inizia a svilupparsi e concentrarsi sui suoi giocatori. Ci sono un gran numero di giocatori meno conosciuti, come Jens Petter Hauge.

Vedo un netto cambiamento, dice Huseklepp.

Jens Peter Haug (21) è stato portato in Italia dopo averlo impressionato così tanto a San Siro quando Bodo-Glimt ha incontrato il Milan nelle qualificazioni all’Europa League lo scorso anno. È stato sorprendentemente escluso dalla squadra di Europa League del suo nuovo club all’inizio di questo mese.

Jens Peter Haig si è comportato bene nel suo nuovo club, ma deve ancora essere eliminato dalla rosa di Europa League del Milan.

Jens Peter Haig si è comportato bene nel suo nuovo club, ma deve ancora essere eliminato dalla rosa di Europa League del Milan. Foto: Daniel Mascolo

Non è controverso, credo. È stato portato nel club in modo che possa essere condiviso in più fasi. Il commentatore di calcio di TV 2 Andrei Olaf Osnis ha detto del relitto che quelli di fronte a lui in coda sono più disponibili e hanno più esperienza.

Hoge ha sette gol e tre assist in 23 partite con il Milan.

Grande talento italiano norvegese

All’Udinese troviamo l’italiano norvegese Martin Njoten Palombo (18). Ha partite internazionali sui limiti di età sia per l’Italia che per la Norvegia.

Ha fatto il suo debutto in Serie A nell’agosto dello scorso anno, quando finalmente è arrivato in una sconfitta per 1-0 contro il Sassassuolo. Dopo di che, ha iniziato una partita di coppa, e si è seduto in panchina più volte senza entrare.

Il sistema è Dennis Johnson (23). È stato portato al Venice FC nell’agosto dello scorso anno dopo tre anni nei Paesi Bassi. Johnson ha trascorso molto tempo a giocare in Serie B in questa stagione e la scorsa settimana ha segnato il suo primo gol in una vittoria per 3-1 sulla Cremonese.

Il 23enne ha seguito sabato con due gol nella vittoria per 3-2 su Antilla.

READ  legumi, cultura | I fumetti Strilen sono usciti in 21 paesi di lingua spagnola