Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ocean Viking continua il suo attivismo politico nel Mediterraneo – Human Rights Service

La nave norvegese Ocean Viking ha raccolto 572 immigrati clandestini nel Mediterraneo. La leadership degli attivisti sulla barca ora chiede che vengano sbarcati in un porto europeo. La nave ha raccolto i migranti nella zona di salvataggio libica, ma non li riporterà in Libia. SOS Mediterranee, che gestisce la nave di proprietà della Norvegia, contribuisce al mantenimento del traffico di esseri umani dal Nord Africa verso l’Europa e dovrebbe essere ritenuta responsabile dei viaggi mortali che i migranti intraprendono.

L’NTB ha riferito mercoledì che l’Ocean Viking ha “salvato” diverse centinaia di “uomini, donne e bambini”.

L’equipaggio della nave ha effettuato uno dei più grandi salvataggi domenica mattina quando ha salvato 369 uomini, donne e bambini da una fragile barca di legno che stava per capovolgersi.

A causa della mancanza di coordinamento marittimo, SOS Mediterranee chiede all’Unione Europea di aiutare i migranti a raggiungere un rifugio sicuro.

È impossibile trovare un’ulteriore identificazione del numero di bambini e donne, ma se visiti SOS Mediterranee su Twitter, non c’è dubbio che dovrai cercare bambini e donne per molto tempo. Le fotografie hanno il (spiacevole) effetto di documentazione di mostrare effettivamente chi sono i “soccorritori”: principalmente giovani catturati al largo delle coste libiche.

Taxi illimitato

“MSF e SOS Mediterranee sull’Ocean Viking hanno collaborato per soccorrere le persone in fuga attraverso il Mediterraneo centrale. Molte delle persone che abbiamo soccorso affermano di fuggire da violenze, torture, estorsioni e condizioni simili alla schiavitù in Libia. Domande frequenti sul Mediterraneo Scritto da Medici Senza Frontiere i propri siti per il suo lavoro nel Mediterraneo.

Ma il cosiddetto “salvataggio latitante” è una realtà, con grandi modifiche. Abbiamo scritto una serie di casi su questi “salvataggi”, anche dopo che il Dipartimento di Giustizia ha firmato un accordo con un’altra “nave di salvataggio” (2017).

READ  Mela, Tesla | Apple allerta bomba nel mercato automobilistico

Il governo è ben consapevole della frode che sta avvenendo. Dal gruppo di analisi sulla situazione delle migrazioni e dei rifugiati, è stato stabilito nel maggio 2016 che la rotta mediterranea dalla Libia all’Italia è di gran lunga la più importante porta d’ingresso alla migrazione irregolare, o “migrazione irregolare”, come viene chiamata, verso l’Europa, e che la maggior parte di coloro che vengono dall’Africa occidentale senza requisiti di protezione. Ma forse il più importante:

Finché i migranti non vengono restituiti in Libia ma vengono trasferiti in Italia, in pratica le operazioni di ricerca e soccorso europee sono un aiuto alle attività delle reti di trafficanti.

La cosa incomprensibile è che i processi che chiaramente non sono in esecuzione sono solo continui. L’impressione del ministero che si stiano facendo sforzi per evitare che le persone vengano messe a rischio in barche non idonee alla navigazione è errata, e loro lo sanno, ovviamente. Poiché è chiaro che JD non può rispondere, il destinatario corretto in questo senso è l’Unione europea e c’è una paralisi in atto – quando si tratta di diritti e doveri delle persone al di fuori dell’Europa.

Ma non siamo soli nella risposta. Medici Senza Frontiere si è guadagnato il titolo Taxi illimitato In diversi casi. quotidiano italiano Panorama discute l’interazione tra MSF e i trafficanti di esseri umani Durante l’esodo del 2015, quando MSF è stata indagata per “salvare” persone senza bisogno di assistenza, operando così attivamente come trafficanti di esseri umani.

Gli italiani sono stati poco entusiasti per diversi anni, e non senza ragione. Non volendo essere un centro di accoglienza per migranti economici per attivisti asilo, hanno continuato a tenere una linea dura contro SOS Mediterranee e Medici senza frontiere, anche nel 2018, quando le autorità italiane erano pronte a farlo. BBC In quanto le navi di soccorso operano effettivamente come servizio di taxi nel Mediterraneo, cercando attivamente le barche dei trafficanti per portare i migranti in Europa.

READ  Glasgow: - Giro traballante

minacce

Tornando alla lettera NTB 07.07.2019, troviamo una descrizione unilaterale della situazione dal punto di vista di un attivista per l’asilo.

Il numero di persone che tentano la pericolosa traversata è aumentato dall’inizio dell’estate con bel tempo e mare più calmo. Ma ha anche un numero di annegamento. Finora quest’anno, 880 migranti hanno perso la vita nel tentativo di trasferirsi dal Nord Africa all’Europa, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM).

SOS Mediterranee accusa i paesi dell’UE di non riuscire a coordinare le operazioni di soccorso per spaventare le persone e spingerle a tentare. Accusano anche le autorità libiche di rimpatriare persone in Libia nonostante le loro barche siano trattenute in acque europee.

Il numero degli annegamenti è corretto, ma il motivo per cui le persone sono annegate è senza dubbio perché sono in mare su imbarcazioni non idonee al trasporto. Per aiutare a perpetuare le pratiche ciniche dei trafficanti di esseri umani, come fa l’Ocean Viking operando nel Mediterraneo, manda effettivamente le persone alla morte. Ma quello che sembra non essere il caso è che i migranti sono stati prelevati nelle acque europee. L’organizzazione SOS Mediterranee ha dichiarato nel proprio tweet che i migranti sono stati arrestati nella zona di soccorso libica. Questa zona si estende in acque internazionali, ma non in acque europee.

Giovedì, SOS Mediterranee ha pubblicato un nuovo tweet di Ocean Viking, minacciando che “sorgeranno tensioni” e che i migranti soffriranno “disagio psicologico”, il che significa che i migranti inizieranno ad arrabbiarsi per il fatto che nessun porto europeo li accetterà.

Manipolazione attiva

Giovedì anche il quotidiano online svedese Semnit ha riportato la situazione nel Mediterraneo. Il quotidiano osserva che in passato la Ocean Viking ha adottato misure simili per far sì che i paesi europei ricevano “coloro che meritano il bisogno”.

READ  Grande rally a Wall Street - Dow Jones con il suo miglior giorno di negoziazione da marzo

Diversi paesi dell’UE lungo la costa mediterranea, tra cui Italia e Malta, hanno precedentemente detto no a questo tipo di pressione da parte di organizzazioni di attivisti coinvolte nella tratta di esseri umani. Riferendosi al fatto che quasi nessuno fuggito attraverso la Libia aveva motivi di asilo, e che i pochi che potevano ottenerlo dovrebbero essere già identificati sulla sponda africana del mare.

Al momento in cui scriviamo, nessun paese dell’UE ha ceduto alle nuove richieste dei trafficanti. Ocean Viking ha già implementato misure simili. L’obiettivo è quello di cambiare quella che è considerata la “vergognosa e disumana politica sull’immigrazione” dell’UE.

Nelle precedenti campagne di contrabbando a cui Ocean Viking ha partecipato, oltre a SOS Mediterranee, anche MSF è emersa come promotrice. Non è chiaro se anche l’organizzazione sia coinvolta nella campagna in questione.

Quello che si sa per certo è che MSF era attiva quando un numero record di migranti è stato rimpatriato in Libia a giugno. In un giorno, i funzionari delle Nazioni Unite hanno impedito a più di 1.000 migranti di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa. Furono catturati al largo delle coste del Nord Africa e riportati indietro. Ma MSF si rifiuta di partecipare al progetto di ritorno.

È tempo di ordinare alla Ocean Viking di riportare i migranti in Libia. È l’attività politica “buona” che fa sì che i viaggi della morte continuino. Se l’Ocean Viking dovesse impegnarsi in continui ritorni, come hanno implementato le Nazioni Unite, i voli della morte potrebbero essere interrotti.