Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– “Oi, dannazione, cosa hai fatto?” – NRK Sport – notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni

– Quando sono tornato a casa da quella conversazione con il giornale locale, ho ricevuto il messaggio “Oh mio Dio, cosa ho fatto, cosa succederà domani?”.

Questo è ciò che ha detto Tom Harald Hagen in un’intervista a B3Morgan mercoledì. Nell’ottobre 2020, l’arbitro di calcio competente ha rilasciato un’intervista ai giornali locali Glamdalene, dove si trova Sono uscito come gay.

Quello che lo aspettava dopo, non era preparato per.

“Subito quando è successo dal lunedì al mercoledì, c’era la sensazione che mi fossi pentito di averlo fatto”, dice Hagen.

Ascolta parti dell’intervista con Tom Harald Hagen sul caso.

Non abituato alla pressione dei media

Per il feedback non ho aspettato. Erano quasi esclusivamente positivi, ma così diffusi che a un certo punto sono diventati troppo.

– I primi due o tre giorni dopo è stato molto difficile, ed è stato più difficile di quanto potessi immaginare. Probabilmente all’epoca me ne sono pentito perché ero stanco della pressione e perché non sono abituato a tale pressione come un semplice arbitro di calcio, dice Hagen.

Vieni via: l’arbitro di calcio crede che la Norvegia abbia fatto molta strada nel rendere l’omosessualità sicura nel calcio e nello sport in generale.

È apparso il giorno dopo che il suo arbitro di partita Famore Castratey ha gridato “j**** super” all’allenatore del Vålerenga Dag-Eilev Fagermo.

I suoi colleghi conoscono la situazione da molto tempo e Hagen è convinto che per il resto fosse ben noto nella comunità calcistica.

Dopo la partita, ho ricevuto molti messaggi da colleghi che dicevano che era ironico che fossi io a giudicare la partita e che pensavano che l’avrei accettato, dice Hagen.

READ  Questa è la squadra italiana dell'Europeo

Un giorno dopo, ha annunciato al pubblico di essere gay, essendo la prima figura calcistica del calcio norvegese.

La UEFA ha messo fine ai tag

Oggi non si pente di aver rilasciato l’intervista ai giornali locali. Hagen parla con entusiasmo della nuova legislazione in Ungheria, che ha suscitato molto scalpore in Europa e che ora sta facendo notizia nel calcio europeo.

La legislazione afferma che bisogna prendere le distanze dall’omosessualità e che non si devono educare i giovani ad essere se stessi. Di recente, la Germania ha voluto dimostrare il contrario issando una bandiera arcobaleno all’Allianz Arena di Monaco durante la recente partita del girone tra Germania e Ungheria.

Stadio Arcobaleno

Mark: Questo è l’aspetto che avrebbe dovuto avere l’Allianz Arena mercoledì sera, ma la UEFA nega che la Germania abbia illuminato lo stadio con i colori dell’arcobaleno.

Foto: Andreas Gebert/Reuters

Così, la Federcalcio europea (UEFA) ha smesso di etichettare, che riteneva che l’iniziativa avesse un contesto politico. Dopodiché, le reazioni non sono arrivate a lungo da tutta Europa.

Hagen crede che il fatto che ci sia stato così tanto contraccolpo in seguito, mostra solo che l’apertura è diventata molto maggiore.

Gli arbitri sottolineano inoltre che mentre è attualmente l’unico profilo calcistico in Norvegia ad essere apparso come gay, hanno fatto molto per evidenziare la loro apertura sull’argomento.

In Norvegia, penso che tutti nel calcio contribuiscano in modo molto positivo, ad esempio guidando e mettendo bandiere arcobaleno sul petto e sulla fascia da capitano. È anche importante che le star eterosessuali prendano l’iniziativa con questi simboli. Dobbiamo continuare a renderlo più sicuro, afferma Hagen.