martedì, Luglio 16, 2024

Olaf Chen sul mercato di oggi: – È un “gioco d’attesa”

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

I numeri negativi erano una buona notizia finché non erano abbastanza negativi da indicare che eravamo nel mezzo di una recessione. I timori di recessione hanno seguito una tendenza al ribasso, afferma Olaf Chen, responsabile dell’allocazione globale e dei tassi di interesse presso Storebrand.

Insieme al resto del mercato, ha visto il buffet settimanale di numeri macro americani essere per lo più più debole del previsto. Il mercato azionario lo ha apprezzato. Questa è stata la settimana migliore per l’indice S&P 500 da giugno.

Chen è responsabile di 300 miliardi di corone norvegesi di fondi dei clienti. Dice che nella distribuzione tattica – disciplina all’interno di un dipartimento – il tempismo è tutto.

-Abbiamo mantenuto un leggero sovrappeso sulle azioni, ma vediamo che ci troviamo ancora nella fase ciclica tardiva. Ciò significa che siamo un po’ scettici anche riguardo ai prezzi in alcuni mercati. Ciò che ha guidato gran parte del rally del mercato sono stati sette titoli attorno a KI e Tek. Se rimuovi i sette, non ci sarà quasi alcun rialzo nel mercato. Il direttore dice che non è proprio un buon segno.

Non il Super Bowl

Da più di un anno alcuni operatori del mercato parlano dell’imminente recessione dell’economia americana. Attualmente, il mercato prevede una probabilità del 60% di recessione nei prossimi 12 mesi. Ma per ora prevale la narrativa dell’atterraggio morbido, secondo Chen, il quale sostiene che la domanda allora è se un atterraggio morbido significhi nessun atterraggio o se invece si estenda il ciclo economico.

– Sono nell’ultimo campo. L’economia ha raggiunto il suo tetto, non importa come la giri. Dice che è un “gioco d’attesa”.

– Esattamente cosa stai aspettando?

– Un catalizzatore che può portare ad una spirale negativa che può spingere le aziende a iniziare a ridimensionarsi. Il responsabile del marchio Store afferma che il ciclo economico non muore con il tempo.

Nonostante sia leggermente sovrappesato nelle azioni, Chen vede il mercato nella parte superiore del range, dove dovrebbe essere.

– Non siamo tori, ma vediamo chiaramente che a brevissimo termine ci sono argomenti che consentono di estendere il ciclo in una certa misura, dice.

Il mercato ora prevede una probabilità del 40% circa che la banca centrale americana alzi i tassi di interesse quest’anno. All’inizio della settimana la probabilità era valutata intorno al 70%. I mercati ora scommettono anche che la Fed taglierà nuovamente i tassi di interesse nella prima metà dell’anno. mento n.

-Se le cose andranno bene in futuro, puoi dimenticare che la Fed taglierà i tassi di interesse. Non credo che si siano ridotti nella prima metà dell’anno. Sono un sostenitore del principio “più alto più a lungo”, ma se si verifica una recessione, “tutte le scommesse sono perse”, dice.

– Ha l’odore di una rottura del tasso di interesse

Per tutta la settimana, agli investitori sono stati forniti i principali numeri finanziari. Il dessert è arrivato venerdì: “il numero più importante del mese”, le statistiche del mercato del lavoro americano per agosto. Questo è stato uno dei pochissimi numeri che, presi isolatamente, sono stati un po’ più forti del previsto, ma se si tiene conto del fatto che i mesi precedenti sono stati rivisti al ribasso, è chiaro che il mercato del lavoro si sta raffreddando.

READ  Il debito dell'Italia è il problema più grande dell'Europa - E24

Inoltre, il tasso di disoccupazione è aumentato dal 3,5% al ​​3,8%, ma gli economisti sottolineano che queste cifre sono associate a qualche rumore.

I mercati azionari statunitensi hanno registrato un forte rialzo fin dall’inizio dei numeri, ma dopo un breve periodo di assorbimento, il rally si è più o meno attenuato nel corso della serata.

Il capo economista Ketil Olsen di Nordea Markets afferma che i dati odierni sull’occupazione convincono ulteriormente il mercato che la Fed si prenderà una pausa dall’aumento dei tassi di interesse a settembre.

Capo economista Kjetil Olsen presso Nordea.

Capo economista Kjetil Olsen presso Nordea. (Foto: Ellen Hoyland)

-Ora sembra che ci sia un crollo dei tassi d’interesse. Siamo ancora aperti a un altro aumento. “Crediamo che l’inflazione non scenderà così facilmente come tutti si aspettavano”, afferma Olsen.

Olsen ritiene inoltre che si debba tenere conto dell’aumento del tasso di disoccupazione.

-Non ho ricavato molta saggezza dai numeri di oggi. E aggiunge: “Va bene, ma ci stiamo avvicinando al picco dei tassi di interesse”.

Il capo economista Marius Gunsholt Hof della Handelsbanken concorda sul fatto che i dati odierni rafforzano la valutazione secondo cui i tassi di interesse hanno raggiunto il picco negli Stati Uniti.

Tuttavia, prima della prossima riunione sui tassi della Fed restano importanti dati sull’inflazione, quindi dobbiamo essere un po’ prudenti, afferma Hof.

Roll completo di condivisioni dati

Anche se negli ultimi mesi ci sono segnali che l’economia americana sta iniziando a rallentare, la banca centrale guidata da Jerome Powell non ha lasciato dubbi sul fatto che la battaglia contro l’inflazione elevata sia finita.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che stanno adottando un approccio basato sui dati per le future decisioni sui tassi di interesse.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che stanno adottando un approccio basato sui dati per le future decisioni sui tassi di interesse. (Foto: Alex Wong/Getty Images/NTB)

I tassi di interesse a lungo termine indicano che il mercato ha già iniziato ad accettare un tasso di interesse più elevato per un periodo più lungo, un sentimento emerso anche nel mercato azionario. L’indice tecnologico Nasdaq di giovedì ha concluso agosto come il mese più debole finora quest’anno.

Il tasso d’interesse sui titoli di stato americani a dieci anni è salito dopo la pubblicazione dei dati sull’occupazione ed è continuato per tutta la serata prima di stabilizzarsi intorno al 4,18% verso la fine della Borsa. È vicino agli stessi livelli di martedì all’inizio di questa settimana.

I prezzi del petrolio sono aumentati costantemente durante il giorno e un barile di petrolio bruciato del Mare del Nord, utilizzato come riferimento per il commercio di petrolio in tutto il mondo, viene scambiato a circa 89 dollari sul mercato spot.

Le azioni del produttore di computer Dell sono aumentate di oltre il 20% dopo aver annunciato risultati trimestrali che hanno superato le aspettative degli analisti.(condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condivideste i nostri casi utilizzando collegamenti che conducano direttamente alle nostre pagine. Non è consentita alcuna copia o altro utilizzo di tutto o parte del Contenuto se non con il consenso scritto o come consentito dalla legge. Per ulteriori termini vedere qui.

Quasi otto americani su dieci pensano che Biden, 80 anni, sia troppo vecchio, ma che dire di Trump, 77 anni?

Un nuovo sondaggio del Centro AP-NORC per la ricerca sugli affari pubblici mostra che circa nove repubblicani su dieci credono che Joe Biden, 80 anni, sia troppo vecchio per un altro mandato come presidente, così come circa sette democratici su dieci. Donald Trump, 77 anni, ha quasi la stessa età di Biden, ma solo circa la metà degli americani afferma che Trump è troppo vecchio per servire un altro mandato.

01:14

Pubblicato:

More articles

Latest article