Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Olaf Schultz: – Una tempesta di critiche dopo la gestione dell’Ucraina

Dall’inizio della guerra in Ucraina, il primo ministro tedesco Olaf Schulz (Partito socialdemocratico) è stato criticato per essere stato troppo cauto nel suo sostegno all’Ucraina.

Le critiche di Schultz provenivano dai suoi colleghi e alleati di partito e dai dissidenti politici.

Tra quelli duramente colpiti c’era il leader dell’opposizione Friedrich Merz dei Democratici cristiani tedeschi.

La scorsa settimana ha sparato al suo primo ministro, dicendo che stava procrastinando la decisione di inviare armi pesanti in Ucraina inutilmente, e ha detto che Schultz era un codardo.

Domenica è diventato chiaro che Merz aveva deciso di recarsi a Kiev per protestare contro l’inerzia del suo primo ministro, che non ha ancora visitato l’Ucraina, ha scritto. Guardiano.

Leader dell’opposizione: Friedrich Merz della Democrazia Cristiana tedesca prende una linea dura contro il primo ministro tedesco. (CDU) Foto: REUTERS/Michel Tantoussi
Mostra di più

piegato

La Germania ha già inviato in Ucraina grandi quantità di missili antiaerei e anticarro, munizioni, granate e mine.

Tuttavia, giovedì è diventato chiaro che il primo ministro si è piegato alle pressioni, accettando di consentire all’Ucraina di acquistare armi tedesche. La decisione è stata sostenuta da un’ampia maggioranza nel Bundestag tedesco.

Inoltre, la Germania aiuterà a sostituire le armi e i veicoli che gli alleati del Paese stanno inviando in Ucraina.

Secondo il piano, forniranno alla Slovenia veicoli corazzati tedeschi per sostituire quelli inviati a est dalla Slovenia. Inoltre, la Germania invierà bombardieri direttamente in Ucraina e consentirà a Kiev di acquistare carri armati con cannoni antiaerei direttamente dalla Germania, scrive NTB.

avvertimento: Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha messo in guardia sulle intenzioni della Russia in un videoclip del 26 aprile.
Mostra di più

Non può essere intimidito

Nonostante le “armi rivoluzionarie”, molti credevano ancora che Schultz non avesse fatto abbastanza. Tra coloro che sono intervenuti anche le critiche all’ambasciatore ucraino in Germania, Andrei Melnik.

Secondo il Guardian, ha detto che non era un sostegno abbastanza stretto e ha chiesto al primo ministro più “immaginazione e coraggio”.

Al tabloid tedesco Bild, Schulz ha risposto alle critiche:

Faccio le mie scelte rapidamente e in collaborazione con i nostri alleati. Non ho troppa paura di essere intimidito da tali affermazioni.

Ha sottolineato che non sarebbe stato costretto a cambiare opinione, nonostante gli scarsi sondaggi di opinione.

I sondaggi dovrebbero essere scritti, ma non dovresti lavorarci da soli. Schultz ha detto che, specialmente in materia di guerra e pace, può essere molto pericoloso.

Registrazione audio: Il servizio di sicurezza ucraino ha rilasciato diversi clip audio che affermano di essere telefonate russe. Reporter: Vigard Krueger. Video: Radio Free Europe / Radio Liberty / Servizio di sicurezza ucraino.
Mostra di più

Cautela in una lettera aperta

La scorsa settimana, un certo numero di celebrità e altri eminenti tedeschi hanno avvertito Schulz in una lettera aperta Contro l’invio di armi pesanti in Ucraina.

La lettera affermava che Vladimir Putin aveva violato il diritto internazionale dando inizio alla guerra, ma non giustificava “l’escalation di questa guerra in un conflitto nucleare”.

Un totale di 28 persone hanno firmato la lettera, tra cui la femminista Alice Schwarzer, l’autore Martin Walser e il giornalista scientifico Ranga Yogeshwar.

– Ci auguriamo che riconsidererai la tua posizione originale e non fornirai, direttamente o indirettamente, armi pesanti aggiuntive all’Ucraina, afferma la lettera.

Al contrario, vi esortiamo a contribuire a un cessate il fuoco, a un compromesso su cui entrambe le parti possono concordare.

Il ministro della Giustizia tedesco Marco Buschmann ha affermato la scorsa settimana che la consegna di armi pesanti all’Ucraina non renderebbe la Germania un partner nei combattimenti, mentre il ministro degli Esteri Annalena Barbock ha affermato che la consegna di carri armati all’Ucraina non è più un tabù anche se “potrebbe sembrare così in un dibattito tedesco”.

Regalo arma: La Norvegia fornisce all’Ucraina circa 100 missili antiaerei Mistral. Le armi sono già state inviate fuori dal Paese. Video: MBDA, YOUTUBE, NTB. Reporter: Håvard TL Knutsen.
Mostra di più

Un certo numero di altri paesi ha anche promesso di fornire di recente equipaggiamento militare pesante all’Ucraina, tra cui Francia e Gran Bretagna, oltre agli Stati Uniti.

La Norvegia ha già inviato in Ucraina missili anticarro, missili antiaerei e altre attrezzature militari per un valore di almeno 250 milioni di NOK. Il primo ministro Jonas Gahr Store (Labour) ha precedentemente affermato che la Norvegia sta valutando la possibilità di contribuire di più.

READ  Qui, un gestore di scambio di criptovaluta gestisce 900 milioni di fondi dei clienti nella sua borsa