Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Opinione dell’editore: è difficile comprendere la strategia di Xbox in questo momento –

Opinione dell’editore: è difficile comprendere la strategia di Xbox in questo momento –

Riepilogo Xbox E3 dell’estate 2018, Halo Infinite. È stata una presentazione fiduciosa, poiché Phil Spencer è salito sul palco per rivelare cinque nuovi studi che si sono uniti alla formazione Xbox. Iniziativa, Undead Labs, Ninja Theory, Giochi da parco giochi e Giochi di coercizione. “Questi cinque nuovi team avranno le risorse per correre più rischi per te”, ha detto. Oh, fa male oggi.

https://www.youtube.com/watch?v=bVBP6BWuDrg/

Quell’autunno, durante l’XO18, Microsoft ne acquisì diversi e divenne subito chiaro che questi studi avrebbero fatto parte della rinnovata attenzione di Microsoft sui giochi first-party e che Xbox sarebbe stata il leader nella piattaforma principale che aveva dato all’industria e così tanto i consumatori.

Allora ero a bordo, lo ero davvero, e ho comprato quello che Phil Spencer stava vendendo. Si sono concentrati innanzitutto sui singoli studi che, fino ad allora, erano stati abituati a proporre idee agli editori, che venivano realizzate o non implementate. Questa può essere una realtà rischiosa di per sé, soprattutto per gli studi con molti dipendenti, quindi all’epoca sarebbe potuto facilmente sembrare che Microsoft stesse dando a studi come Ninja Theory, Obsidian, Compulsion e molti altri una solida base finanziaria che avrebbe permesso loro di focus Completamente direttamente sulla produzione creativa. A proposito, è così che ce lo ha presentato. No, Microsoft non ha “salvato” questi studi, niente del genere, ma l’aspetto positivo degli acquisti di studi da parte dei giganti della piattaforma è che spesso può essere un’esistenza più sicura essere uno studio first-party. O almeno così era prima.

Questo è un annuncio:

La strategia è rimasta la stessa per molti anni dopo lo sfortunato 2018. Xbox non solo ha ampliato la propria gamma di studi, ma ha anche acquisito Bethesda, il tutto con l’obiettivo di rendere Game Pass la prossima grande novità. Anche lì ero a bordo. I giochi sono costosi, non solo da realizzare ma anche da acquistare, e anche se gli abbonamenti possono sfuggire di mano, era difficile discutere con il fatto che all’epoca ci volevano dai quattro ai sei mesi di utilizzo per compensare il fatto di giocarne solo uno. gioco. Il gioco è al nuovo prezzo. All’epoca ci sembrava un buon affare, e in linea di principio lo è ancora.

READ  Qual è la possibilità di vita sulla luna di Saturno Encelado?

Gli studi più piccoli ottengono le risorse e la sicurezza di essere sotto l’ombrello di Xbox, e il modello Game Pass è stato presentato all’epoca come un modello di distribuzione che consentiva direttamente a questi studi di assumersi rischi più creativi e sarebbe più economico per noi gestirlo? Cosa c’è che non va?

Bene, eccoci qui adesso, e non solo Microsoft ha licenziato migliaia di dipendenti in vari studi Xbox, ma ora ha anche chiuso Tango Gameworks e Arkane Austin, con l’ultimo gioco dell’ex società, Hi-Fi Rush, descritto come un gioco perfetto. Game Pass della stessa Microsoft. Allora cosa è successo lì?

Questo è un annuncio:

Forse vale la pena notare che la forza trainante di questo modello è stata Game Pass e, sebbene Microsoft abbia recentemente annunciato 34 milioni di abbonati attivi e il loro successo sia stato copiato quasi direttamente da Sony tramite PlayStation Plus Extra, gli abbonamenti non sono cresciuti tanto quanto Microsoft aveva sperato. Tutte le analisi segnalano una crescita debole o quasi inesistente, e sembra che oggi aleggiano dubbi sul fatto che questo investimento possa davvero dare i suoi frutti. Secondo Tom Warren di The Verge, tra gli altri, non sono nemmeno sicuri se Call of Duty chiamerà Game Pass a casa, che è stato uno dei motivi principali per cui hanno pagato 69 miliardi di dollari per Activision Blizzard. Il punto è che se Game Pass avesse continuato a registrare una crescita massiccia, probabilmente oggi non esisterebbe, ma non è così. La crescita è stagnante. Se c’è una cosa che la realtà capitalista non può tollerare, è proprio la crescita stagnante, anche se il livello di crescita stagnante è molto elevato.

Analisti ed esperti del settore hanno indicato Game Pass come una sorta di antitesi a questa realtà leggermente diversa. Perché se Game Pass non cresce abbastanza velocemente, consumando una parte significativa del potenziale profitto di ogni gioco first-party facendo parte dell’abbonamento fin dall’inizio, dove finiranno questi studi? Come si misura il successo di Senua’s Saga: Hellblade II se non attira molti nuovi abbonati e non ne vende così tanti perché è disponibile tramite lo stesso abbonamento? Lo stesso vale per Indiana Jones, Great Circle e Avowed, e se gli ottimi risultati di Hi-Fi Rush su Game Pass e la forte accoglienza tra fan e critica non sono sufficienti a salvare lo studio, chi può sentirsi al sicuro?

Poi c’è Activision Blizzard. Sì, gli investitori si aspettano una sorta di ritorno ora, e la serie Call of Duty (e forse un certo numero di IP di Blizzard) dovrebbero fornirlo. Ma come sarà se la serie Call of Duty arrivasse su Game Pass? Riuscirà a garantire la crescita o Microsoft ha appena rinunciato alla sua unica oca d’oro comprovata? Non solo, ma sembra che la serie Call of Duty sia stata un fattore cruciale nella già citata ricalibrazione dei criteri di successo per ciascun titolo. Nella realtà Xbox Blizzard pre-Activision, Hi-Fi Rush è stato un successo sul servizio, ma nella realtà Xbox Blizzard post-Activision è stata una delusione. Non è più una questione che ogni gioco contribuisca a una realtà dinamica in cui gli abbonati sono attratti dall’ampiezza dei titoli proprietari sul servizio: è una questione che ogni gioco sia un successo individuale, ma non è così che funziona Game Pass. Come dovrebbe Hellblade fornire risultati soddisfacenti in questo contesto?

In mezzo a tutto questo, c’è anche il tentativo in continua evoluzione e un po’ frustrante di Microsoft di spiegare perché Tango e Arkane Austin dovettero andarsene. Matt Botti ha detto a tutti i dipendenti Bethesda il giorno dopo la chiusura che avevano bisogno di “giochi più piccoli”, giochi che potessero portare loro prestigio e premi. Hi-Fi Rush non si adatta perfettamente a questa descrizione? Pensi che questa risposta abbia un odore un po’ sospetto? Quindi prova il tentativo quasi comico della direttrice di Xbox Sarah Bond di spiegare cosa sta succedendo in questa intervista con Bloomberg:

C’è molto che non sappiamo, c’è molto che accade dietro le quinte che non vediamo o non sentiamo, quindi commenti del settore come questo vacillano sempre un po’. Ma anche con questo in mente, la strategia centrale che ha contribuito a giustificare questi numerosi acquisti di studi sembra essere completamente crollata, così come la fiducia nella posizione di leadership di Spencer. La strada da seguire è multipiattaforma? Sì, Xbox dovrebbe dimenticarsi di vendere hardware, ma attualmente sta preparando una nuova generazione di console. Questi studi dovrebbero “prendersi più rischi” o dovrebbero realizzare titoli commerciali che possano funzionare da soli e, in caso affermativo, come si stabiliscono questi criteri di successo? Game Pass dovrebbe essere il modello di distribuzione anche se la crescita è più lenta del previsto? Le domande si accumulano e la strategia sembra vaga. È un peccato, perché penso che abbiano davvero qualcosa da fare qui.