Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ora la battaglia decisiva tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen – NRK Urix – notiziari e documentari esteri

Il presidente in carica Emmanuel Macron sta praticando la pesca sonica nel sud della Francia. Il Challenger di Marine Le Pen ha corso da una campagna elettorale all’altra nel nord del paese. All’inizio di domenica si sono aperte le urne in Francia.

Negli ultimi giorni, entrambi i candidati hanno cercato di portare gli elettori insicuri fuori dal recinto per i seggi elettorali. Stasera, alle 20, avremo probabilmente una risposta a chi ha convinto il maggior numero di elettori.

  • Segui la trasmissione in diretta elettorale su NRK1 e nrk.no dalle 19.45.

nonostante Macron vince il primo turno delle elezioni presidenziali Con 3 punti percentuali, nulla è stato deciso quando i francesi voteranno oggi per il loro candidato preferito.

Secondo i dati di Politicos sondaggio Macron ha visto un’affluenza ai sondaggi di circa il 55 per cento, circa 10 punti percentuali in più rispetto a Le Pen, nei giorni tra il primo e il secondo turno delle elezioni.

Padre controverso

I due avversari finali sono spesso descritti come completamente diversi dai media. Macron è stato descritto come lo scolaro di classe che è diventato il “presidente dell’élite”, mentre Le Pen vuole essere visto come un politico per “gente comune”.

Marine Le Pen è nata in una famiglia molto politica il 5 agosto 1968 a Neuilly-sur-Seine, a ovest di Parigi.

Suo padre, Jean-Marie Le Pen, è stato per molti anni uno dei politici di estrema destra più famosi in Europa. guidava il Fronte Nazionale Il nome originario del partito di Marine Le Pen oggi è il capo dell’Assemblea nazionale.

Come suo padre, Marine Le Pen e il suo partito sostengono l’importantissima politica sull’immigrazione. Tra l’altro, l’Assemblea nazionale vuole tagliare il sostegno sociale agli stranieri, vietare l’uso del velo nei luoghi pubblici e limitare la possibilità di ricongiungimento familiare per gli immigrati. Il partito è anche molto critico nei confronti dell’Unione europea.

Marine Le Pen ha detto nelle interviste di essere stata vittima di bullismo a scuola perché era la figlia del controverso leader del partito nell’ala di estrema destra della politica francese.

Marine è la più giovane delle tre figlie che Jean-Marie Le Pen ha avuto dalla sua prima moglie, Beret Lalanes.

Bombardamento drammatico

Nel 1976, quando Marine Le Pen aveva otto anni, la casa di famiglia a Parigi fu bombardata mentre i bambini dormivano. L’autore non è stato arrestato e il motivo rimane sconosciuto, ma la famiglia Le Pen presume che fossero loro l’obiettivo dell’assassinio.

Marine Le Pen ha affermato questo, insieme all’aria di paura e di tormento dei suoi compagni studenti e insegnanti, come fattori importanti per il suo sviluppo durante la sua educazione.

Le Pen è cresciuto in politica. Si è formata come avvocato e ha lavorato come avvocato prima di entrare in politica a tempo pieno.

Il leader del partito ha alle spalle due matrimoni e due figli dalla sua prima moglie.

Elenco delle scuole che suonano il pianoforte

Emmanuel Macron è nato il 21 dicembre 1977 ad Amiens, nel nord della Francia.

Suo padre, Jean-Michel Macron, è un professore di neurologia e anche sua madre, Françoise Macron Nogues, è una dottoressa.

Quando aveva 16 anni, Macron vinse un concorso pubblico in lingua francese. Ha anche ottenuto il terzo posto in pianoforte al Conservatorio di Amiens.

Macron ha ricevuto il Baccalaureato francese al famoso Lycée Henri IV di Parigi.

Ha inoltre studiato filosofia, scienze politiche e pubblica amministrazione.

Brigitte Macron

La moglie di Macron: Emmanuel Macron è sposato con Brigitte Macron. Lei ha 25 anni più di lui e i due si sono conosciuti quando lei era un’insegnante e lui è un suo allievo. Quindi la relazione ha ricevuto molta attenzione dalla stampa francese.

Foto: Ludovic Marin/AFP

Macron è sposato con Brigitte Macron. Era la sua insegnante quando i due si incontrarono in un liceo di Amiens negli anni ’90.

Brigitte ed Emmanuel Macron si sono sposati nel 2007.

Da una scuola prestigiosa al Ministero delle Finanze

Nella prestigiosa École Nationale d’Administration (ENA), è stato in prima classe nella sua classe di laureati «Leopold Senghor».

Dal 2005 Macron ricopre la carica di direttore finanziario di uno dei dipartimenti del Ministero delle Finanze. Dopo aver lavorato lì, ha lavorato in un centro di ricerca imprenditoriale liberale a Parigi.

Nel 2008, Macron ha ricevuto una posizione come investitore nella banca d’affari Rothschild. Due anni dopo diventa socio dell’azienda.

“Meraviglie politiche”

L’ex presidente Nicolas Sarkozy ha scoperto il talento politico di Macron.

Mentre era a Rothschild, Macron fu presentato all’allora primo ministro Manuel Valls e al presidente Francois Hollande.

Quest’ultimo lo ricevette come cancelliere, e poi Macron fu nominato ministro del Commercio e dell’Industria nel governo Valls.

Macron e l'Olanda

Consigliere: Emmanuel Macron è stato nominato consulente finanziario dell’ex presidente François Hollande nel 2012.

Foto: Paul/Reuters

Macron era allora un membro del Partito socialista. Nel 2016 ha fondato il party En Mache! E nelle elezioni dell’anno successivo, si candidò alla presidenza – e vinse.

Il 39enne Macron è stato visto come uno status candidate “azzurro”. Tra l’altro, ha promesso di aumentare l’età pensionabile in Francia da 62 a 65 anni, cosa che non ha ancora attuato. Ora il presidente dice che attuerà questa politica se rieletto. Vuole anche tagli alle tasse e riforma del welfare.

Ha preso il comando del partito ed ha espulso suo padre

La rivale di Macron, Marine Le Pen, ha assunto il leader del Fronte Nazionale nel gennaio 2011 dopo suo padre.

Si è candidata alle elezioni presidenziali francesi del 2012. All’epoca, si era classificata terza al primo turno con quasi il 18% dei voti.

Nelle elezioni europee e locali del maggio 2014, il Fronte nazionale è diventato il più grande partito politico in Francia.

Dopo una terribile lotta per il potere, Marine Le Pen ha preso una posizione decisa contro suo padre. Dopo aver guidato il Fronte nazionale per quasi 40 anni, Jean-Marie Le Pen è stato espulso dal partito nell’agosto 2015.

Francia estrema destra Jean-Marie Le Pen, Marine Le Pen

Padre e figlia: Marine Le Pen con padre Jean-Marie Le Pen.

Foto: Lionel Sirono/AP

La figlia ha preso le distanze dalle opinioni più estreme di suo padre, comprese le dichiarazioni che molti francesi consideravano antisemite.

Marine Le Pen ha cercato di organizzare la festa e di renderla “commestibile” per molti francesi.

Ma ha mantenuto il suo “spirito di partito” come partito di destra esterno critico nei confronti dell’immigrazione. Nel 2018, lei e il resto della dirigenza del partito hanno cambiato il nome da Fronte nazionale a Assemblea nazionale.

Numero due nel 2017

Dopo essere arrivato terzo e fuori dall’ultimo turno delle elezioni del 2012, Le Pen ha fatto molto meglio nel 2017.

Poi ha raggiunto il secondo round, ma è stata battuta da Emmanuel Macron. Ha ricevuto il 66,1 per cento dei voti, il 33,9.

Macron e Le Pen nel 2017

Cinque anni più giovane: la foto appare quando Le Pen e Macron si sono incontrati in un dibattito televisivo il 3 maggio 2017.

Foto: Eric Weverberg/AFP

Molti credevano che fosse “caduta” nel dibattito televisivo e che avesse perso molti potenziali elettori.

I critici erano dell’opinione che non si mostrasse dal “lato presidenziale”, ma, al contrario, si comportasse in modo esitante e talvolta violento.

Diversi commentatori hanno sottolineato che Le Pen ha fatto molto meglio Dibattito televisivo mercoledì scorsoL’unica polemica tra Le Pen e Macron in questa campagna elettorale.

Putin è un ostacolo?

L’invasione russa dell’Ucraina ha influenzato anche la campagna presidenziale francese.

C’era tensione sul fatto che la relazione piuttosto stretta tra Marine Le Pen e Vladimir Putin avrebbe creato grossi problemi a Le Pen. Tuttavia, il risultato del primo round non lo indica.

Marine Le Pen e Vladimir Putin

Stretto rapporto: il cordiale rapporto tra Le Pen e Putin non sembra averla indebolita in modo significativo in campagna elettorale. La foto è stata scattata a Mosca nel 2017.

Foto: Mikhail Klimentyev / AP

Non è un segreto che Le Pen abbia preso un prestito per candidarsi alla carica da una banca russa che ha stretti legami con il presidente Putin.

Marine Le Pen ha chiarito di non aver ottenuto un prestito da una banca francese, una spiegazione che molti elettori acquisterebbero.

Il fatto che sia stata così pronta a condannare l’invasione russa dell’Ucraina potrebbe anche aver contribuito al fatto che molti francesi non le voltassero le spalle.

I tentativi di Emmanuel Macron di impedire alla Russia di entrare in guerra con l’Ucraina potrebbero non aver avuto l’effetto sperato. Una foto di Macron seduto al lungo tavolo bianco di Putin a Mosca prima dell’inizio della guerra è stata oggetto di battute sui social media.

Macron Putin

Al Cremlino: Macron ha tenuto colloqui con Putin al Cremlino poco prima dell’invasione russa dell’Ucraina.

Foto: – / AFP

Molti francesi si chiedono se la diplomazia di Macron abbia qualcosa a che fare con Putin.

“Besser arrogante alla voce del popolo”

Dopo i dibattiti televisivi prima delle elezioni di quest’anno e di quelle precedenti, il presidente Macron è stato criticato per il suo comportamento “dall’alto verso il basso”. Fa fatica a togliersi di dosso come i Beseroier leggermente arroganti che rappresentano l’élite francese.

Durante la campagna elettorale, Marine Le Pen ha cercato di presentarsi come “la voce dell’uomo e della donna comuni francesi”. Sia Macron che Le Pen hanno voluto fare appello agli elettori del candidato di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon, che è generalmente molto insoddisfatto delle politiche di Macron.

Melenchon ha ricevuto il 22% dei voti al primo turno e ha esortato i suoi elettori a non votare per Le Pen nella seconda, cruciale elezione.

Jean-Luc Melenchon ha sovraperformato il resto della sinistra

La Penn: Il candidato di estrema sinistra, Jean-Luc Melenchon, ha esortato i suoi elettori a non votare per Marine Le Pen nelle elezioni cruciali.

Foto: PASCAL GUYOT / AFP

Secondo la rivista Time, ci sono chiare somiglianze tra coloro che hanno sostenuto Marine Le Pen in Francia e coloro che hanno sostenuto l’ex presidente Donald Trump negli Stati Uniti.

Entrambi hanno un punteggio elevato nell’uscire con “gente comune”, preferendo coloro che vivono fuori dalle grandi città.

Domenica si deciderà se la Francia sarà la sua prima presidente donna o se Macron sarà il primo presidente francese in 20 anni ad essere rieletto.

Guarda URIX sulle elezioni presidenziali francesi qui.