Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ora riguadagnerà ciò che ha perso

L’elegante Roberto Mancini (56) ha una missione molto personale come allenatore italiano: riconquistare ciò che ha perso come giocatore.

Londra: Il diciannovenne pensava di essere così bello con tutte le luci lampeggianti durante la sua passeggiata notturna a New York.

Il ragazzo italiano sapeva che doveva essere a letto. Ma la città che non dormiva mai non dormiva.

Questo è qualcosa di completamente diverso dal piccolo Jesse con cui è cresciuto. La sua famiglia conservatrice non ha detto questo test.

New York, New York!

“È il paradiso per un ragazzo come me”, ha detto il giovane calciatore al compagno di squadra Marco Tortelli prima di entrare nello Studio 54 Nightclub.

Ma alle 06.00 nella reception dell’hotel, l’arrabbiato ct della nazionale italiana Enzo Pierce ha rinnovato il nuovo arrivato.

– Scusa, altrimenti hai chiuso con la nazionale, ha rovinato Pearsot.

Roberto Mancini non si scuserà. L’adolescente era molto testardo e orgoglioso. Fu espulso dalla nazionale e non gli fu permesso di giocare ai Mondiali del 1986.

Ha sviluppato la macchina vincente

Una parola riassume l’inizio dell’Europeo dell’Italia allo Stadio Olimpico contro la Turchia: solidità.

Spesso tende a fare molta strada nei campionati e negli eventi storici.

Con un buon mix di esperti e giovani, il manager della squadra nazionale Roberto Mancini ha costruito una macchina di successo Assuri.

L’Italia ha giocato 28 partite internazionali consecutive sotto Mancini. Hanno vinto tutte e 10 le qualificazioni ai Campionati Europei. Differenza reti: 37-4.

L’Italia, come sempre, è ben difensiva. Ma Mancini ha dato ai giocatori spazio per brillare pericolosamente. Sono autorizzati a guardare il divertimento.

READ  Il giocatore di Coppa America Joseph Sullivan è doppiamente felice di aver finito il suo lavoro italiano

Mancini ha stretto una grande partnership con molta energia.

Per il 56enne, vincere con l’Italia significa tutto. Mancini rifarà quello che ha perso da giocatore della nazionale italiana.

Perché devo dire che la vita è molto complicata.

Nella buona tradizione italiana, il ct della nazionale Roberto Mancini è vestito elegantemente. Foto: Alberto Lingria, REUTERS

Ha rivelato il sogno d’oro

La visita notturna della città durante il ritiro di New York nel maggio 1984 non permise a Mancini di tornare a giocare, guidato da Enzo Pierce.

Al giovane non è stato permesso di recarsi ai Mondiali in Messico con il campione del mondo.

Ha ancora nuove opportunità. Mancini, tra l’altro, segnò il suo primo gol agli Europei del 1988. Ma la sua carriera in nazionale non è ancora quella che lui o molti pensavano che fosse.

L’attaccante non è mai sceso in campo quando l’Italia ha ospitato i Mondiali del 1990.

Ha cercato di unirsi alla squadra della Coppa del Mondo nel 1994, ma è stato rovinato.

In 10 anni ha chiuso con 36 partite, appena quattro gol. Devo dire che l’attaccante non ha nulla.

– Ho un sogno, ha detto Masini Cassetta in un’intervista a Tello Sport dopo essere stato assunto come allenatore della nazionale nel 2018.

– Come allenatore, come giocatore voglio vincere quello che non sono mai riuscito: l’oro ai Mondiali. Voglio recuperare ciò che ho perso.

Roberto Mancini è approdato alla Lazio nel 1998. Foto: BILDBYRÅN

Una Nazionale tra le macerie

Allo stesso tempo, catturare l’orgogliosa nazionale italiana sembrava un compito arduo. Per la prima volta in 60 anni non si sono qualificati per la Coppa del Mondo.

READ  Olimpiadi estive, vela | Vela: buon traguardo norvegese su 49er FX

Assuri Una nazionale tra le macerie.

Ma potrebbe essere il momento giusto? L’Italia è caduta, c’erano basse aspettative, Mancini poteva ricostruire completamente.

Il nuovo boss ha sperimentato con giocatori e sistemi. Ha portato giovani ed esordienti, tra l’altro ha dato una chance a Nicolo Janiolo e Sandro Donali prima di esordire con la squadra italiana in Serie A.

Mancini ha dedicato molto tempo a sviluppare la determinazione, l’entusiasmo e la voglia di vincere della squadra. In particolare, la fiducia, la cura e l’attenzione che ha riservato a Federico Cisa, figlio dell’ex compagno di squadra di Zamboria Enrico, hanno contribuito a rendere l’attaccante bianconero uno dei giocatori più entusiasti del Paese.

“Abbiamo ritrovato l’emozione e la gioia di giocare a calcio sotto Mancini”, ha detto il centrocampista Leonardo Bonucci in vista degli Europei.

Mancini ha iniziato con un pareggio contro la Polonia. Poi dopo la sconfitta contro il Portogallo nel settembre 2018. Ma l’Italia non ha perso nelle ultime 28 partite.

Partita di ping pong persa

Molto è stato detto e scritto su Mancini. Eleganza e stile hanno ricevuto molta attenzione soprattutto sui social. Chi ha lavorato con il ct della nazionale italiana descrive un uomo molto orgoglioso e ambizioso che vincerà ad ogni costo.

C’è una storia su Roberto Mancini, nove anni. Ha perso una partita a ping pong contro suo cugino. Mancini era così arrabbiato che gettò la truffa sulla testa del cugino.

A 26 anni, Mancini ha portato la Sampteria al primo oro in campionato del club. Ma non ne era contento. Durante la festa della vittoria nel maggio 1991, il giocatore di punta del club ha dichiarato che avrebbe vinto la più grande Coppa dei Campioni. L’anno successivo, la sua squadra ha realizzato solo un gol ai tempi supplementari da quando ha allenato il Barcellona del Johan Group.

READ  La Juventus ha salvato un biglietto per la Champions League con Ronaldo in panchina

Da allenatore, l’ex attaccante ha vinto tre ori consecutivi in ​​campionato con l’Inter.

Al Manchester City, il 56enne ha portato il club al suo primo oro in campionato in 44 anni, dopo un drammatico ultimo turno di campionato nel 2012.

Mancini è stato descritto come testardo, esigente e diretto. Gli italiani non si sono trovati in nessuna sciocchezza. Ma potrebbe essere stato necessario in città.

Nell’ultimo anno ha criticato pubblicamente sia il club che i giocatori. Alla fine è stato licenziato.

Roberto Mancini era felicissimo quando ha portato il Manchester City al primo oro in campionato del club in 44 anni. Foto: PHIL NOBLE, REUTERS

Grazie per questo nell’annuncio sul giornale

Ma Mancini aveva stretti legami con la città e i suoi sostenitori. Una settimana dopo la sparatoria, ha pubblicato un annuncio a tutta pagina sul quotidiano locale Manchester Evening News. Lì ha ringraziato i sostenitori.

‘Il blu è il mio colore. Prima alla Samptoria, poi alla Lazio, poi all’Inter ora qui.

Nonostante Mancini abbia portato al trono sia l’Inter che il City, è stato comunque oscurato da chi è venuto dopo: Jose Mourinho ha vinto il Triplete con l’Inter. Pep ha vinto tre ori in campionato in quattro tentativi con il Cardiola City.

Ma ora è di nuovo in blu. Mancini sarà ricordato a lungo se quest’estate porterà l’Italia a un oro scudetto.

In un’intervista con GQ questo inverno, ha detto:

– Il mio obiettivo è passare l’estate a Porto-Novo, dove firmerò un autografo come allenatore di una squadra campione.

Nulla da dire, invece, sulla fiducia in se stessi del ct della nazionale.

È disposto a tutto pur di riconquistare ciò che ha perso.

Gilder: GQ, Cassette Dello Sport, The Independent