Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Oslo dovrebbe prendere una caramella

discussione

Quando la pandemia ha colpito l’economia globale, i paesi hanno adottato pacchetti e politiche di crisi su larga scala per stimolare l’economia a tornare al suo consueto percorso di crescita. Ma la crisi ambientale e la crisi delle disuguaglianze meritano anche una forza d’azione che metta da parte tutto il resto. Oslo può ora andare nel vento?

Nel prossimo decennio, dobbiamo eliminare i combustibili fossili, diventare meno dipendenti dall’industria petrolifera, investire nella natura e nelle persone, combattere la fame e garantire la democrazia.

Il 26 ottobre, il Consiglio delle finanze di Oslo, Solo Wilhelmsen A Klassecampen che la festa è curiosa di realizzare Ciambella economica a Oslo. È ora di fare sul serio.

Nuova ciambella per la sostenibilità

Per prima cosa dobbiamo spiegare in cosa consiste l’economia delle ciambelle. Donut Economy è un framework sviluppato da Kate Raworth, che può fornirci gli strumenti per risolvere le grandi sfide del nostro tempo relative alla disuguaglianza e alla distruzione del clima.

È molto semplice: per tutelare il diritto delle persone a una vita dignitosa, senza compromettere la resilienza della Terra, occorrono nuovi obiettivi dell’economia diversi dalla crescita del PIL.

La ciambella diventa così uno strumento di gestione per creare una buona vita per tutti entro i confini del pianeta.

È tempo che Oslo prenda l’iniziativa prendendosi cura prima di tutto delle persone e dell’ambiente, sostiene il libro.

L’economia può essere controllata in linea con la capacità portante della terra

Immagina una ciambella appena sfornata che esce direttamente dal bollitore per ciambelle della nonna. Il punto dell’economia della ciambella è che dobbiamo avere un’attività sociale che rimanga al centro della ciambella.

Non dovremmo sparare al di fuori delle unità di misura per i “limiti del pianeta”, che si riferiscono al bordo esterno della ciambella e ai limiti di ciò che l’attività umana può fare prima di raggiungere i punti critici ambientali.

Allo stesso tempo, dobbiamo soddisfare i bisogni umani e non permettere a nessuno di cadere nella fossa della torta più profonda. Lo facciamo con misurazioni sia quantitative che qualitative delle condizioni nella società come l’uguaglianza di genere e l’accesso al cibo.

Serve un’economia che non crei crisi

Nel quadro di un’economia basata sulla crescita, il nostro consumo di materiali è in aumento. Nell’anno record del 2019, abbiamo utilizzato 100 miliardi di tonnellate di materiale a livello globale, mentre in Norvegia tutti hanno utilizzato 40 tonnellate di materiale a persona.

Il nostro consumo fisico è enorme e distribuito in modo molto diseguale. In tutto il mondo, vediamo aumentare la disuguaglianza di reddito e ricchezza, e si è presentata per ultima Rapporto UNDESA quest’anno. Le città sono responsabili della quota maggiore di emissioni di gas serra e disuguaglianza.

Ecco perché abbiamo urgente bisogno di creare un’economia con obiettivi che funzionino davvero per tutti, non un’economia che crei nuove crisi e rafforzi quelle esistenti.

È tempo di pensare nuovo

L’Irlanda è ora il primo paese a utilizzare l’economia della ciambella come strumento di gestione della propria economia. Presidente irlandese Ciò è giustificato da un cambiamento radicale nel modo in cui pensiamo all’ambiente, all’economia e alla società.

La pandemia ci ha dato l’opportunità di riconsiderare cosa funziona e cosa no. Siamo stati in grado di adattarci e i politici hanno mostrato resilienza di fronte alla crisi. La crisi ambientale e la crisi della disuguaglianza meritano anche una forza d’azione che metta da parte tutto il resto. Questo problema può e deve essere risolto in gran numero.

La torta aiuta a mettere in conto più idee quando ripensiamo alle nostre finanze. Dobbiamo farlo ora.

Anche Oslo deve intraprendere nuove strade

Sunniva Holmås Eidsvoll, pioniere in Oslo SV, ha commentato in Klassekampen che Oslo SV è interessata a discutere di alternative, ma ha anche osservato che “SV non è contro la crescita economica“.

Non dobbiamo prendere posizione a favore o contro la crescita. La crescita, infatti, non è mai stata fine a se stessa, ma un mezzo per aumentare il benessere.

Invece, dobbiamo diventare analisti della crescita. Ciò significa che dobbiamo costruire un’economia in cui le persone possano vivere bene, indipendentemente dal fatto che la nostra economia stia crescendo o meno. In questo modo possiamo fissare obiettivi chiari per lo sviluppo della società – e di fatto raggiungerli.

Nota: ho letto questo stato gratuitamente. Speriamo ti sia piaciuto. Viviamo per la gente di Oslo. Iscriviti per un abbonamento in modo che possiamo continuare a creare giornalismo di qualità che ti coinvolge e ti trattiene, ovunque vivi. A te che ti sei già iscritto, grazie mille.

READ  Media: altro affare in bacino per il Tottenham