Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Paragona l’Afghanistan all’umiliazione del Vietnam

La situazione in Afghanistan sta diventando sempre più grave ora che gli alleati occidentali si sono ritirati dal paese.

Mentre la presenza militare si riduce, i talebani avanzano più velocemente di quanto chiunque si aspettasse.

Giovedì i talebani hanno preso il controllo delle principali città Kandahar e Herat, sono più vicine che mai a Kabul.

Il Pentagono sta ora inviando 3.000 soldati statunitensi in Afghanistan per aiutare a evacuare il personale dell’ambasciata degli Stati Uniti nella capitale.

Mentre diversi paesi stanno ritirando i propri cittadini e soldati dall’Afghanistan, gli americani temono di dover rivivere una delle più grandi indegnità che hanno subito nella storia moderna.

Talebani: combattenti talebani pattugliano qui nella città di Ghazni, vicino a Kabul. Foto: AP / Gulabuddin Amiri

“La caduta di Saigon”

Ad aprile, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che gli americani si sarebbero ritirati dall’Afghanistan. Questo senza che gli alleati occidentali riescano a creare una situazione stabile nel Paese.

Molti ora temono una guerra civile su vasta scala una volta che gli alleati occidentali ritireranno tutte le loro forze.

Per gli americani, la missione fallita ha evocato i ricordi dell’umiliante sconfitta in Vietnam.

Gli Stati Uniti invasero il Vietnam nel 1955 con l’obiettivo di combattere il regime comunista del dopoguerra.

Dopo 20 anni, la superpotenza fu costretta a mettere la coda tra le gambe e fece evacuare frettolosamente i soldati.

ASSUNTO IL CONTROLLO: Le forze nordvietnamite presero il controllo di Saigon il giorno in cui gli americani dovettero evacuare la città nell'aprile 1975.

ASSUNTO IL CONTROLLO: le forze nordvietnamite presero il controllo di Saigon il giorno in cui gli americani dovettero evacuare la città nell’aprile 1975. Foto: AFP

Nell’aprile 1975 cadde la capitale Saigon, nel Vietnam del Sud.

Elicotteri sono atterrati sui tetti delle ambasciate per evacuare con urgenza soldati e civili mentre le forze nordvietnamite entravano in città con veicoli blindati.

Ci manda nella peggiore umiliazione

Donald Trump è stato il primo a suggerire che gli Stati Uniti avrebbero posto fine alla loro presenza militare in Afghanistan, ma è stato Biden ad annunciare ad aprile che l’intera forza statunitense si sarebbe ritirata dall’Afghanistan entro l’11 settembre.

Biden è ora sotto tiro da parte dei repubblicani e degli ex membri dell’amministrazione Trump per l’evacuazione delle forze.

“Le decisioni del presidente Biden ci mandano in una peggiore continuazione dei giorni umilianti che circondarono la caduta di Saigon nel 1975”, ha dichiarato il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell. “Il presidente Biden ora trova che il modo più rapido per porre fine alla guerra è perderla”.

E chiede a Biden di inviare più rinforzi statunitensi per sostenere le forze di sicurezza afghane.

Senza questo, i talebani potranno celebrare il 20° anniversario degli attentati dell’11 settembre bruciando la nostra ambasciata a Kabul.

IL PRESIDENTE: Joe Biden mantiene la sua posizione e pensa che sia giusto far uscire gli Stati Uniti dall'Afghanistan.

IL PRESIDENTE: Joe Biden mantiene la sua posizione e pensa che sia giusto far uscire gli Stati Uniti dall’Afghanistan. Foto: Susan Walsh

La guerra più lunga d’America

L’ex segretario di Stato Mike Pompeo ritiene che la strategia di ritiro delle truppe sia fallita.

– Sembra che ci sia un po’ di panico in corso. “Spero che abbiano il numero giusto di persone per completare il lavoro e arrivarci rapidamente”, afferma Pompeo.

Da parte sua, Biden ha affermato di non pentirsi della decisione di ritirare le truppe dall’Afghanistan, osservando che gli Stati Uniti hanno speso miliardi di dollari per l’operazione e che migliaia di americani hanno perso la vita in quella che è diventata la più lunga. Fare la guerra negli Stati Uniti.

Nonostante il loro ritiro dal Paese, gli Stati Uniti continuano a fornire cibo e salari alle forze di sicurezza afghane.

I media americani hanno riferito che il processo di evacuazione è stato completato al 95%.

Anche la Norvegia è chiusa

Diversi altri paesi stanno ora evacuando i propri cittadini da Kabul.

Venerdì, il ministro degli Esteri In Eriksen Soered ha annunciato che la Norvegia chiuderà temporaneamente la sua ambasciata a Kabul.

Danimarca, Finlandia e Germania fanno lo stesso.

Alla domanda di TV 2 se questo significhi che la missione NATO in Afghanistan è fallita, Soreid ha affermato che l’evacuazione è un’ammissione che il deterioramento della situazione della sicurezza nel paese sta procedendo più velocemente del previsto.

– Ci aspettavamo che la questione si complicasse con il ritiro delle forze internazionali. Ma è andato più veloce ed è più ampio di quanto ci aspettassimo.

READ  Da dove viene la raccomandazione? - VG