Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Passando a Wall Street, il Nasdaq sale oltre il tre per cento

L’invasione russa dell’Ucraina ha portato a un forte calo del mercato azionario dall’inizio dei principali indici di Wall Street. Il Dow è sceso del 2,55%, l’S&P è sceso del 2,5%, mentre il Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico, è sceso di oltre il 2,7% subito dopo l’apertura.

Per tutta la giornata di negoziazione, il Dow Jones e lo Standard & Poor’s hanno segnato notevoli ribassi, mentre il Nasdaq ha oscillato tra massimi e minimi, per poi risalire bruscamente alla fine delle negoziazioni.

Ecco come appare con i tre principali indici del mercato azionario all’ora di chiusura:

  • Il Dow Jones pesante del settore è aumentato dello 0,28%.
  • Il Nasdaq Technology Index è salito del 3,34%.
  • L’ampio indice S&P 500 è aumentato dell’1,49%.

– Da un punto di vista puramente economico, questo non è affatto drammatico per l’Occidente

Il mercato azionario è stato caratterizzato da turbolenze dall’inizio dell’anno, ma dopo l’escalation della situazione con la Russia, le turbolenze del mercato azionario sono aumentate in modo significativo. Tuttavia, il gestore degli investimenti Lev Ron H. Rehn di Nordea Leaf L’invasione dell’Ucraina ha poco significato per l’economia occidentale, una volta diventata realtà.

– L’invasione di oggi era prevista ei mercati hanno avuto tutto il tempo per elogiarla. Ora che l’incertezza su ciò che accadrà si è attenuata, il mercato si è reso conto che questo non ha molta importanza per i guadagni incrementali delle società occidentali e che gli indici stanno aumentando, afferma Ryan.

Wall Street ha visto forti fluttuazioni mercoledì e l’indice Dow Jones ha chiuso in ribasso di 464 punti, ovvero dell’1,3%. Al momento della chiusura, l’indice era al suo livello più basso finora quest’anno. L’S&P 500 è sceso dell’1,8%, ha intensificato la correzione e ha chiuso mercoledì di circa il 12% in meno rispetto alla chiusura record del 3 gennaio. Il Nasdaq Composite, pesantemente tecnologico, ha perso il 2,6% mercoledì.

READ  Puntare a un dividendo generoso - E24

Tensioni e turbolenze hanno caratterizzato anche gran parte della giornata di negoziazione di giovedì. Tuttavia, dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha imposto nuove sanzioni alla Russia e ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero aperto scorte petrolifere strategiche per contrastare il forte aumento dei prezzi del petrolio, il vento nei tre indicatori è cambiato.

Per i paesi occidentali le sanzioni dovranno conviverci, e non è detto che avrebbero avuto un effetto se fossero state più severe.

Dopo la chiusura, il Nasdaq è salito di oltre il tre percento e diremmo che l’indice è salito di oltre il sei percento durante la giornata di negoziazione.

È una guerra ed è probabile che in futuro causi volatilità nel mercato azionario, ma in termini finanziari non è così drammatico per l’Occidente, dice Ryan.

La reazione del mercato di giovedì dopo l’invasione russa dell’Ucraina:

  • Giovedì, gli indici del mercato azionario statunitense sono scesi di oltre il 2% nel pre-trading.
  • Il crollo del mercato azionario ha colpito giovedì i mercati azionari in Asia ed Europa.
  • D’altra parte, le società energetiche stanno assistendo a un aumento con il prezzo delle materie prime in ulteriore aumento a causa della situazione.
  • Il prezzo del petrolio spot del Brent del Mare del Nord, utilizzato come prezzo di riferimento per il commercio di petrolio in tutto il mondo, è balzato del 7,7% a 104,56 dollari al barile. Pertanto, il prezzo del petrolio ha superato il livello di $ 100 per la prima volta dal 2014.
  • I prezzi del gas in Europa sono in forte aumento: giovedì, il contratto mensile olandese è balzato di oltre il 40% a 125 euro per megawattora, ha riferito Bloomberg.
  • Anche nel mercato del reddito fisso c’è movimento e gli Stati Uniti sono scesi per dieci anni sopra i 10 punti base giovedì notte. Al momento, il bambino di dieci anni è scambiato all’1,87%. Allo stesso tempo, le aspettative sui tassi di interesse negli Stati Uniti si sono raffreddate dopo lo scoppio della guerra in Ucraina.
READ  - Le buone notizie sono cattive notizie - E24

Il prezzo del petrolio è sceso

I timori che le esportazioni di energia della Russia possano essere ridotte o bloccate hanno spinto i prezzi del petrolio a livelli record. Durante la giornata, il prezzo del petrolio è sceso di 104 dollari al barile. Tuttavia, poco dopo che Biden ha annunciato che gli Stati Uniti stavano aprendo le sue riserve petrolifere strategiche, i prezzi del petrolio sono diminuiti drasticamente. Alle 22 NST, un barile di petrolio Brent Spot del Mare del Nord viene scambiato a poco più di $ 99.

I prezzi delle società energetiche sono aumentati a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime nella fase di pre-negoziazione. Devon Energy è aumentata del 5% e Chevron del 4,2% nel trading pre-mercato. Al momento della chiusura, tuttavia, le azioni Chevron e Devon Energy erano in calo rispettivamente dello 0,52 e dell’1,49%.

I titoli bancari sono stati tra i maggiori perdenti nel periodo pre-negoziazione. Bank of America e Bank of New York Mellon sono scese di oltre il quattro percento nella giornata. Tuttavia, le azioni si sono riprese, scendendo rispettivamente del 2,66% e dell’1,59% dopo la chiusura delle negoziazioni di giovedì.(Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.