Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Pensa che il VAR non sia stato abbastanza bravo nella finale di coppa: – Sono completamente frustrato

Pensa che il VAR non sia stato abbastanza bravo nella finale di coppa: – Sono completamente frustrato

Il Rosenborg è diventato campione della Coppa dopo un controverso calcio di rigore. Il capo degli arbitri Terry Hogg sostiene che la squadra del VAR non aveva immagini sufficientemente buone per intervenire. L’allenatore del Valerenga Nils Leixrud è stato escluso dalla spiegazione.

Pubblicato:

Sabato il videoarbitraggio è stato utilizzato per la prima volta in una finale di coppa femminile e, dopo che il Rosenborg ha battuto il Valerenga 1-0, è stato proprio l’uso del VAR a creare le reazioni.

Successivamente si è parlato in particolare del calcio di rigore battuto da Cecilie Andreasen del Rosenborg, che ha portato all’unico risultato della finale.

Andreessen ha sbagliato, ma l’attaccante Emily Nutnes ha raccolto il rimbalzo nell’area dei 16 metri prima che la prima mettesse la palla in rete.

Tuttavia, le immagini televisive hanno mostrato che Notnes era all’interno del semicerchio dei 16 metri quando il piede di Andreasen ha colpito la palla. I giocatori non possono rimanere lì o all’interno dell’area dei 16 metri fino a quando il calcio di rigore non è stato eseguito.

READ  Jakob Ingebrigtsen guida facilmente i 1500 m del WC - NRK Sport - Notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni

L’arbitro capo della Federcalcio nazionale, Terry Hogg, conferma che la squadra del VAR nella finale di coppa ha esaminato la situazione in questione. Nel frattempo, si ritiene che il VAR non sia riuscito a concludere che il giocatore fosse all’interno del cerchio dalle immagini pubblicate.

– Solo quando viene calciato il rigore può sembrare che il giocatore del Rosenborg stia mettendo il piede sinistro all’interno dell’area, sì. Ma il VAR deve avere le prove. Poi guardi con altre fotocamere e ieri è stata la fotocamera principale a fornire l’immagine migliore, dice Hauge a VG.

Ma la telecamera migliore non ha fornito immagini che consentissero di concludere che il calcio di rigore dovesse essere ripetuto, secondo l’arbitro capo.

– Nelle immagini fisse – quando il pallone è già stato calciato – si vede che il numero nove del Rosenborg (Nautness) è già all’interno del cerchio fuori dall’area dei 16 metri, ma non abbiamo prova migliore di quella che possiamo pensare e credere che e aggiunge che sembra proprio così, con quelle immagini su cui è installata la tecnologia VAR.

L’allenatore della VIF Nils Lexerud vuole davvero lasciarsi la situazione alle spalle dopo la sconfitta finale, ma reagisce con shock quando sente la spiegazione di Hogg.

– La spiegazione mi ha parecchio infastidito. Penso che sia semplicemente stupido, dice a VG.

Lexrud non desidera commentare ulteriormente la situazione.

FUORI: L'allenatore del Valerenga Niels Leixrud capisce poco la spiegazione di Terry Hauge.

Hogg ammette:

– Può sembrare che il gol avrebbe dovuto essere annullato e il calcio di rigore ripetuto, ma il VAR dovrebbe conoscere i fatti. Dobbiamo avere prove chiare se vogliamo cambiare la situazione.

READ  Bodo / Glimt, Calcio | Incontrano Bodou/Glimt nel primo turno preliminare di UEFA Champions League

– Quindi il VAR non aveva immagini sufficientemente buone per concludere se Nautnes fosse all’interno del semicerchio dei 16 metri?

– Tutti pensano che probabilmente abbia oltrepassato il limite. Ma dobbiamo essere sicuri al cento per cento. Quando fermiamo il tiro al tocco della palla, sembra che abbia appena tirato il piede sinistro, ma non abbiamo prove, ripete.

Rigore: Juru Petersen ha commesso fallo su Emily Nutnes e al Rosenborg è stato concesso un rigore.  Quest'ultimo è rimasto sorridente sull'erba dopo la decisione.

Il portiere della VIF Guro Pettersen ha affermato al VG che il rigore in sé era economico. Lì il VAR ha concluso che c’erano stati contatti tra Knotness e Pietersen e che non c’erano dubbi sulla decisione.

Tuttavia, Hauge e la squadra del VAR ammettono di aver impiegato troppo tempo ad affrontare la situazione cruciale nei minuti finali. Il gol da sogno di Thea Belde su cross è stato annullato dopo un controllo del VAR al 3′ e 25′. Karina Savic era in fuorigioco davanti al cannone di Beldi.

Pubblicato: