domenica, Giugno 16, 2024

Per Danielson, un uomo nella lista dei “10 più ricercati” dell’FBI, è stato coinvolto nel caso

Must read

Ernesto Conti
Ernesto Conti
"Scrittore. Comunicatore. Drogato di cibo pluripremiato. Ninja di Internet. Fanatico della pancetta incurabile."

Per Danielson ha citato in giudizio il Bar Licensing Board dopo che la sua licenza è stata revocata poco prima di Natale dello scorso anno.

Il tribunale distrettuale di Oslo ha assegnato dieci giorni di tribunale per esaminare il caso, iniziato lunedì di questa settimana.

Per i primi tre giorni, la corte ha ascoltato una dichiarazione di apertura dell’avvocato di Per Danielson, Linnea Teresa Carlberg. È direttore generale dello studio legale Danielson.

Oggi, gli avvocati Aleksander Tønnessen e Kirsten Berger del Procuratore di Stato hanno iniziato le loro dichiarazioni di apertura a nome dell’Ordine degli avvocati.

Prima dell’inizio della giornata del tribunale, c’era una piacevole atmosfera tra i rappresentanti dello stato e lo studio legale Danielson, e si è parlato poco della visita di ieri della portaerei statunitense “USS Gerald R. Ford”. Ma quando il giudice Kim Heger si è pronunciato in tribunale, il tono era diverso.

– È necessario fermarsi

– Tre giorni dopo la conferenza introduttiva del querelante, ho dovuto pensare alla canzone su quell’uomo sfortunato e chiedermi se Per Danielsen avesse un po’ più di sfortuna nella vita e nel suo studio legale, ha detto Berger.

Ha sottolineato che Danielson ha numerosi clienti che non vogliono pagare, che i suoi onorari sono stati ridotti più volte in tribunale e che ha otto condanne per reato minore nel sistema disciplinare.

– O Per Danielsen è stato molto sfortunato o ha adottato una strategia in cui l’attacco è la miglior difesa. Ma non è stato sfortunato e non è stato una vittima nel caso. Tutte le vittime si sono rivolte a lui per chiedere aiuto, solo per sperimentare l’incubo delle bollette salate, ha detto Berger.

READ  Furto e Furto, Casi giudiziari | Due cittadini stranieri sono stati condannati per scrematura

– Ha detto che era assolutamente necessario porre fine al comportamento aggressivo e sconsiderato di Per Danielsen.

Danielson: aggressivo dallo stato

Per Danielson non era soddisfatto dell’apertura dello stato.

– Credo che la presentazione del caso da parte dello Stato sia stata aggressiva, sconsiderata e lassista. “Quindi ecco il governo che lo incontra alla porta, agendo in un modo che pensano non dovrei”, ha detto ad AdvocateBlade durante la pausa.

Per Danielsen, suo figlio Håkon Danielsen e il direttore generale di Advokatfirmat Danielsen, Linnea Theresa Karlberg.

– Niente di ciò che è stato detto era vero, e c’erano accuse prive di documenti e vaghe, e sono state presentate in modo sciatto, ha detto Danielson.

– Difetto logico

Il Bar Licensing Board ritiene che la soglia per i prelievi separati sia superata in quattro situazioni: gestione speciale dei clienti, confusione nei conti dei clienti, ex avvocato, ora paralegale, “negozio nel negozio” e confusione. con pratiche di riciclaggio di denaro.

– Sulla base della spiegazione dell’attore, si potrebbe avere l’impressione che fatturare in eccesso dieci clienti non sia così rischioso se dieci clienti non sono fatturati in eccesso. Oppure il riciclaggio di denaro non è così pericoloso, se non avviene in altri casi. Questo è un difetto logico, ha detto Berger.

Nella lista dei “ricercati più ricercati” dell’FBI

Per conto del Consiglio di Sorveglianza, lo studio legale EY ha svolto lo studio di Danielson. Secondo un rapporto di EY, Advokatfirmaet Danielsen ha lavorato per aziende legate a Ruja Ignatova, la fondatrice bulgara della criptovaluta OneCoin. La lista dei “ricercati più ricercati” dell’FBI.

READ  Raqqa Vittoria italiana all'Eurovision - Norvegia 18°

– Lo svedese Sebastian Greenwood è stato estradato negli Stati Uniti dalla polizia thailandese per il suo ruolo in OneCoin e si è dichiarato colpevole di frode nel settembre dello scorso anno, secondo informazioni pubblicamente disponibili. Se dobbiamo parlare in termini di diritto delle controversie, questo è un dato di fatto, ha affermato Donnesen.

– Abbiamo pensato di fornire prove per questo, ma abbiamo deciso di non volerlo, perché se c’è una cosa di cui questo caso non ha bisogno, ora ci sono più prove. Ma, ha detto, la corte può prendere questo come base.

Il giudice Kim Heger ha detto, senza essere troppo pregiudiziale, che potrebbe considerarla un’istituzione terribile, ma “è quello che fanno gli avvocati”.

– Quindi la domanda è come affrontare istituzioni così mostruose, ha detto Heger.

Donnesen ha convenuto che anche gli attori impopolari meritano l’avvocato giusto.

– Ma questo non cambia il fatto che l’avvocato deve prestare la massima cura nel suo lavoro con la società, soprattutto in relazione al rischio di riciclaggio. Ma nelle carte di Danielson non troviamo né tracce di sufficiente diligenza né segni di autocritica, ha detto.

– Le spie dovrebbero essere accese

Il nome di Ignatova appare sulle fatture trovate durante le visite di ispezione allo studio legale Danielson, ha detto.

– Nella descrizione della custodia c’è scritto “Ignatov, USA”, che è lo stesso di questa Ignatova. Ma se questo è un malinteso, il partito può ottenere una spiegazione, ha detto.

Credeva che Garlberg, l’avvocato per conto del suo cliente, avrebbe dovuto essere introspettivo e si rese conto che l’azienda era pericolosa.

READ  Un semplice monologo sul padiglione nordico di Osaka, progettato in Italia

– ma invece, ha trascorso gran parte della sua conferenza introduttiva citando sentenze dalla Bulgaria e altri documenti che dimostrano che non era un’entità così dubbia. Ma la revisione di Carlberg non ha diminuito la fiducia dello stato nel rischio generale rappresentato dalla società. C’era un rischio molto grande e immediato di riciclaggio di denaro e tutte le spie avrebbero dovuto essere accese, ha detto Donnesen.

– Assistenza nei ricorsi di conciliazione

Inizialmente, Danielson sarebbe stato incaricato di combattere l’articolo Aftenposten per conto di società associate a Ignatova, ma il governo ritiene che il lavoro per le società associate a OneCoin non sia realmente compreso.

Donnessen ha indicato che l’avvocato Danielsen aveva fatturato alle società un totale di circa 5,6 milioni di NOK.

– Ma l’unica cosa concreta offerta dall’azienda è l’assistenza nella valutazione del ricorso di conciliazione e della sentenza italiana, ha detto.

L’ex procuratore Håkon Danielsen ha posto a Tønessen diverse domande lungo la strada oggi.

– Alla domanda se il governo ritenesse che le fatture fossero fittizie.

– Se è così, sarebbe una frode. Danielson ha sostenuto che vengono offerti servizi di consulenza e risoluzione delle controversie, e potrebbe essere così. In realtà è abbastanza inappropriato. Non presupponiamo che non ci sia assistenza, ma fintanto che i fondi vengono spostati, si applica la legge sul riciclaggio di denaro. “Da parte nostra, non dedichiamo tempo a contromisure intorno ai consigli, ma non dedichiamo tempo a dimostrare che le transazioni sono state effettuate”, ha affermato Donnesen.

Lui e il collega Berger continueranno la loro lezione introduttiva venerdì. Il focus sarà sulla gestione del cliente.

Maggiori informazioni sul caso

a Danielson

More articles

Latest article