Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Pesanti combattimenti tra talebani e insorti:

Sulle montagne della valle del Baganshire sono in corso combattimenti sanguinosi tra i talebani e un gruppo di insorti che rifiutano di accettare il nuovo regime islamico. La valle del Panjshir è l’ultima roccaforte del governo deposto, dove l’ex vicepresidente del Paese, tra gli altri, si sta fortificando nella guerra contro i talebani.

E ora gli insorti dicono di essere sotto “pesante attacco” da parte dei talebani, nei combattimenti che sono proseguiti per tutto il fine settimana. Nella capitale, Kabul, molti soldati talebani hanno deposto le armi in un saluto di vittoria, dopo che le voci sugli insorti erano state finalmente sconfitte. Il New York Times Dice che due persone sono state uccise e che i leader talebani condannano le violente celebrazioni.

Respinge le voci

Al contrario, le voci di vittoria vengono respinte dallo stesso gruppo di resistenza e il Fronte di resistenza nazionale insiste sul fatto che non si arrenderà immediatamente.

Senza dubbio, siamo in una situazione difficile. L’ex vicepresidente afgano, Amrullah Saleh, ha detto che i talebani ci stanno invadendo BBC.

– Non ci siamo mossi, abbiamo resistito. Il gruppo di resistenza non si arrenderà e noi ci inginocchieremo davanti ai terroristi, dice Saleh, che definisce “infondate” le voci su una vittoria dei talebani nel Panjshir.

Molte altre figure di spicco del gruppo di resistenza insistono anche sul fatto che il Panjshir rimanga sotto il controllo dei ribelli.

I media pakistani riportano la notizia dell’arresto di Banshir. Questa è una bugia, dice Ahmed Masoud, il capo dei ribelli.

Paura della guerra civile

secondo guardiano Il gruppo avrebbe avuto accesso a un potente arsenale in montagna, poco più di ottanta miglia a nord della capitale. La valle del Panjshir è anche storicamente conosciuta come un luogo impossibile da occupare e né l’Unione Sovietica né i talebani sono stati in grado di ottenere il controllo delle montagne dai ribelli degli anni ’80 e ’90.

La valle del Panjshir ha dimostrato di essere un luogo difficile da occupare storicamente. Ora, gli oppositori dei talebani sono rintanati nelle montagne. Foto: Ahmad Sahel Arman/AFP

Allo stesso tempo, i talebani affermano di aver catturato diversi carri armati e altro equipaggiamento militare nella zona, e la rete sembra avvicinarsi agli insorti. Non è possibile determinare esattamente come si sono sviluppate le battaglie, poiché le parti condividono storie ampiamente divergenti sul conflitto. Gli esperti ritengono che i ribelli mirino a tenere la valle del Panjshir fino a ottobre, quando le montagne saranno coperte di neve. Questo darà al gruppo circa cinque mesi per riorganizzarsi e ricevere aiuto esterno.

Il generale Mark Milley, comandante in capo dell’esercito americano, sta prendendo molto sul serio la situazione. Teme che i combattimenti sul fianco della montagna porteranno a una guerra civile su vasta scala.

– La mia valutazione militare è che la situazione molto probabilmente si svilupperà in una guerra civile. “Non so se i talebani saranno in grado di assumere il pieno controllo del paese e formare un governo”, ha detto Milley. Reuters.

Il generale Mark Milley crede che il conflitto si trasformerà in una guerra civile.

Il generale Mark Milley crede che il conflitto si trasformerà in una guerra civile. Foto: Evelyn Hochstein/Reuters

Se i talebani non escono dal conflitto come leader dittatoriali in Afghanistan, il generale ritiene che ciò fornirà terreno fertile per una maggiore attività terroristica nel paese.

Milley avverte che questo a sua volta potrebbe portare alla rinascita di al-Qaeda o al riemergere dell’ISIS, così come di innumerevoli altri gruppi terroristici.

Sfide in linea

L’ostinato gruppo di ribelli non è l’unica cosa con cui i talebani devono fare i conti. L’Afghanistan sta affrontando una crisi economica e il gruppo non ha ancora formato un governo, anche se lo è Un annuncio è atteso a breveE – Dopo che i talebani avevano precedentemente invitato sia gli estranei che le donne a partecipare al nuovo Afghanistan, il New York Times ha scritto che il nuovo governo sarebbe probabilmente composto esclusivamente da membri talebani.

I talebani hanno fatto progressi nel Panjshir, ma non hanno solo insorti con cui fare i conti.

I talebani hanno fatto progressi nel Panjshir, ma non hanno solo insorti con cui fare i conti. Foto: Reuters

I talebani hanno ripetutamente promesso un approccio più moderato rispetto a quando governarono il paese dal 1996 al 2001, ma stanno emergendo costantemente. Rapporti che testimoniano il contrario. Sabato, il gruppo ha attaccato una manifestazione di donne a Kabul e diversi partecipanti hanno affermato di essere stati picchiati e spruzzati con spray al peperoncino dai soldati.

Una manifestante di 24 anni ha detto al New York Times che lei e altre 100 donne sono state picchiate con pistole e tubi di ferro. La donna, che vuole uscire solo per nome per motivi di sicurezza, ha detto di aver dovuto cucirle cinque punti alla testa dopo che i soldati talebani l’hanno persa priva di sensi.

I manifestanti hanno chiesto l'influenza delle donne nel governo, ma sono stati presto repressi dai talebani.

I manifestanti hanno chiesto l’influenza delle donne nel governo, ma sono stati presto repressi dai talebani. Foto: Wali Sabawoon/AP Photo

“Quando ho cercato di resistere e di continuare la manifestazione, uno dei soldati mi ha spinto e mi ha colpito con un oggetto metallico appuntito”, ha detto Narges al giornale.

Le riprese video della manifestazione hanno mostrato un membro talebano sostenuto da diversi soldati armati che urlava attraverso un megafono e diceva alle donne di porre fine alla protesta. Poi una delle donne gli strappò il megafono dalle mani.

– Ci hanno allontanati tutti e ci hanno costretti ad andarcene, mentre ci inseguivano con spray al peperoncino, armi e tubi di ferro, dice Nargis.

READ  Gli scienziati ritengono di aver risolto il mistero del coagulo di sangue