venerdì, Giugno 14, 2024

Più di 1.300 persone sono state soccorse al largo delle coste italiane – migliaia hanno ricordato 76 morti

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Più di 1.300 persone sono state portate in salvo dopo essere state salvate da barche sovraffollate nel Mediterraneo durante il fine settimana, secondo la guardia costiera italiana.

Sabato la polizia indaga su un peschereccio con circa 500 migranti e rifugiati a bordo nella città costiera di Crotone, in Calabria. Lo stesso giorno, dopo il naufragio nei pressi di Crotone avvenuto più di due settimane prima, sono stati ritrovati i corpi di due ragazzine e di un uomo.
pubblicato: pubblicato:

Diverse operazioni di soccorso sono iniziate venerdì sera, in seguito alla notizia che tre imbarcazioni erano andate alla deriva al largo delle coste italiane. Uno è stato visto a sud della città di Crotone, nel sud Italia, mentre gli altri due sono stati visti a sud, appena fuori Roccella Ionica.

Diverse migliaia di persone si sono radunate sabato, insieme a diversi morti, per rendere omaggio alle vittime della tragedia fuori Cotro, nel sud Italia. Il bilancio confermato delle vittime dell’affondamento del 26 febbraio è salito a 76 sabato.

Sabato la Guardia Costiera ha portato a terra più di 1.300 persone in varie operazioni di soccorso. Lo stesso giorno, secondo i media italiani, i corpi di due ragazze e di un uomo sono stati recuperati dalle macerie vicino a Crotone il 26 febbraio. I due bambini avevano meno di 10 anni e si trovavano nella barca di legno che si è schiantata contro una scogliera al largo della costa italiana della Calabria.

Pertanto, sono stati trovati un totale di 76 morti, la maggior parte dei quali afghani. Circa 30 di loro erano minorenni. C’erano circa 150 persone sulla barca e venivano da Türkiye.

READ  Pertanto, non può essere ipotecato
Un peschereccio che trasportava 500 migranti e rifugiati nel porto di Crotone, in Italia, sabato mattina presto.

Croce di legno sulla spiaggia

Sabato circa 5.000 persone hanno manifestato allo Steccato di Cutro sul posto. Portarono una croce di legno ricavata dal relitto della barca affondata sulla riva dove molte vittime erano arrivate a riva due settimane prima.

I manifestanti hanno chiesto alle autorità di intensificare gli sforzi per salvare migranti e rifugiati in mare. Hanno concluso la manifestazione con un minuto di silenzio in memoria delle vittime. Molti risultano ancora dispersi, mentre circa 80 persone sono sopravvissute al naufragio.

Le autorità italiane sono state criticate per non aver agito abbastanza rapidamente quando la barca è stata scoperta. Si è detto che due barche di soccorso hanno interrotto l’operazione di salvataggio a causa del maltempo.

Il peschereccio M, con a bordo circa 500 persone, è arrivato nella città portuale italiana di Crotone, situata nel sud-est dell’Italia.

in difesa

Da allora è stata avviata un’indagine, ma il governo di destra italiano si è trovato sulla difensiva su cosa si può fare per impedire a migranti e rifugiati di raggiungere l’Italia sia dal Nord Africa che dalla Turchia.

Una delle tre imbarcazioni che la Guardia Costiera italiana ha iniziato a soccorrere venerdì sera si trovava a sud della città di Crotone, in Calabria. I video della Guardia Costiera mostrano un peschereccio che oscilla da una parte all’altra in alto mare, trainato da un rimorchiatore. Decine di persone in piedi sul ponte. La guardia costiera ha detto che un totale di 487 persone a bordo sono state trasferite in sicurezza a Crotone quella stessa notte.

READ  Rose alla Borsa di Oslo all'ora di pranzo

Contemporaneamente, una nave della guardia costiera ha attraccato nel porto di Reggio Calabria con 584 persone a bordo. Devono essere stati salvati da diverse imbarcazioni.

Le 379 persone sono state caricate su una terza barca da una nave marittima e sabato erano in viaggio verso la città portuale di Augusta in Sicilia.

Sabato circa 5.000 persone hanno preso parte a una manifestazione per chiedere un’intensificazione degli sforzi per salvare migranti e rifugiati nel Mediterraneo, a Cutro, nel sud Italia.

È volato da Lampedusa

All’inizio di questa settimana, il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha convocato una riunione di governo a Crotone, vicino al luogo dell’incidente, annunciando pene più severe per i trafficanti di esseri umani, ma senza annunciare misure che potrebbero salvare più vite in mare.

Secondo le Nazioni Unite, l’anno scorso sono arrivati ​​in Italia via mare 105.000 rifugiati e migranti. Il ministero dell’Interno italiano afferma che più di 17.500 persone sono arrivate fin qui quest’anno. Questo è quasi il triplo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Il ministero della Difesa italiano ha annunciato sabato che i richiedenti asilo vengono ora allontanati dall’isola mediterranea di Lampedusa, dove i centri di accoglienza sono sovraffollati.

pubblicato:

More articles

Latest article