Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Più facile a dirsi che a farsi dalle app A4 di 36.000 pagine ai non professionisti. Non è facile accelerare la transizione energetica dell’Europa. Anche sulla ricostruzione dell’Ucraina e sul sequestro del carbonio tedesco.

Nell’immagine della notizia:

Scarsità, inflazione e processi lenti rallentano l’adeguamento in Europa

Newsletter europea sulla trasformazione verde

Nella newsletter europea Green Shift, la redazione di energia e clima seleziona notizie e analisi sulla politica climatica europea, con particolare attenzione al via libera dell’UE. Spedizione una volta al mese. Edizioni aggiuntive se necessario.

notizia: L’Europa vuole essere più verde in pochissimo tempo, ma l’industria delle energie rinnovabili e i politici devono affrontare enormi ostacoli ovunque vadano.

sfondo: Ministero della Magia. Spiegel sceglie un’immagine di Harry Potter quando la testata giornalistica descrive il lavoro che farà il “premier tedesco” Robert Habeck: lanciare una violenta accelerazione all’Energiewende del Paese. Per problemi che si verificano ovunque:

  • Mancanza di capacità di produzione, es. per i componenti necessari
  • L’aumento dei prezzi delle materie prime aumenta il costo degli impianti eolici e aumenta i rischi finanziari per gli sviluppatori
  • Mancano professionisti in quasi tutti i settori: elettricisti, tecnici del clima, artigiani e programmatori
  • I problemi di logistica e consegna non sono scomparsi e hanno causato ritardi
  • Crescita della domanda globale: non è solo l’Europa in transizione verde
  • Un problema abbastanza antico è la profonda dipendenza dalla Cina: celle solari, turbine eoliche

La Germania non è sola: in Repubblica Ceca questo è già stato segnalato Elevata richiesta di celle solari e pompe di calore Porta alla pressione di mandata e manca anche l’installazione. Si prevedono problemi in altri paesi dell’Europa centrale e orientale.

Ma poi il problema più grande non viene menzionato: processi di licenza lenti ostacolo più alto Dove l’industria delle rinnovabili si incontra in Europa. Bloomberg ha portato un esempio di orrore dalla Germania: la società energetica EnBW ha dovuto stampare 36.000 pagine A4 per richiedere l’installazione di tre turbine eoliche. Vale la pena entrare nell’articolo solo per Guarda la foto di copertina dell’anello. situato in Germania Quasi tutti i paesi sono dietro il modello Quando si tratta di allocare spazio per i parchi eolici.

Secondo Bloomberg New Energy Finance, è improbabile che l’Unione Europea raggiunga l’obiettivo di almeno 480 gigawatt di capacità eolica entro il 2030. Solo due terzi di questo sono a portata di mano.

Tuttavia, c’è un punto luminoso, ed è l’energia solare della Germania: lì è stata installata una nuova capacità Salta a 731 megawatt Nel marzo di quest’anno. Questo è il livello più alto in un mese dal picco precedente nel 2012.

cosa è successo dopo? Il 18 maggio la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen presenterà il piano “RePowerEU”, che ridurrà la dipendenza dai combustibili fossili russi. Il piano conterrà misure ambiziose per aumentare la velocità nella zona verde dell’UE.

Ricostruzione verde in Ucraina?

notizia: L’Ucraina si stava lentamente imbarcando nell’azione per il clima e rinnovando gli sforzi prima dell’attacco di Putin. L’Ucraina del dopoguerra potrebbe diventare più verde?

sfondo: Crede che l’Ucraina dovrebbe essere ricostruita in una forza trainante nell’obiettivo dell’Europa di raggiungere emissioni nette zero entro il 2050 Lesia VasylenkoPresidente del Comitato per il clima della Verkhovna Rada.

La ricostruzione dovrebbe mirare a integrare l’Ucraina con l’Unione europea e realizzare un salto tecnologico con l’obiettivo di un’economia a emissioni zero, secondo Nota da gruppo di eminenti economisti Associato al think tank CEPR. Nel settore energetico, l’Ucraina dovrebbe evitare di ristabilire il sistema attuale, ma concentrarsi invece sulla riduzione della dipendenza dall’energia fossile e fissare l’obiettivo della decarbonizzazione, hanno scritto.

READ  Il Manchester United vuole rendere Pogba il giocatore più pagato nella storia della Premier League

Nel gennaio di quest’anno, il governo ucraino ha introdotto a progetto di business plan energie rinnovabili entro il 2030. Nel 2020, la quota di energia rinnovabile sul consumo totale di energia era del 9,2%. L’obiettivo era aumentare questa percentuale al 27% entro il 2030. Durante il vertice sul clima di Glasgow di questo autunno, l’Ucraina si è posta un obiettivo liberarsi di Centrali statali a carbone entro il 2035.

Vuoi scavare più a fondo? Uno conversione di energia accelerata è essenziale per l’Ucraina, hanno scritto su Euractiv il viceministro dell’ambiente Irina Stavchuk e l’esperto di politica climatica ed energetica Ole Savitsky.

cosa è successo dopo? Il 18 maggio la Commissione europea presenterà un pacchetto per la ricostruzione dell’Ucraina.

Acer: Lascia correre il mercato

notizia: Secondo l’agenzia per l’energia dell’Unione europea Acer, dovrebbero essere evitati sussidi, massimali di prezzo e altri interventi diretti nel mercato dell’energia, ma ha ancora suggerimenti per il miglioramento.

sfondo: La Commissione europea ha chiesto ad Acer di dare un’occhiata più da vicino al mercato elettrico dell’UE alla luce dei massicci aumenti dei prezzi dell’energia che i paesi dell’UE hanno subito dallo scorso anno, scrive il corrispondente dell’UE Alf Ole Ask.

Nella sua relazione, l’agenzia sottolinea la regola di base che più si interviene sul mercato, maggiore è il rischio di prendere decisioni di investimento sbagliate in relazione alle esigenze future. La regolamentazione del mercato oggi merita di essere preservata, non la colpa della crisi. Ma Acer vede anche opportunità di miglioramento e fornisce 13 suggerimenti per soluzioni più a lungo termine.

Intervento diretto sul mercato, tuttavia: La Commissione europea consente a Spagna e Portogallo di presentare Limite temporaneo ai prezzi del gas e del carbone Per l’uso nelle centrali elettriche. Il tetto era fissato a 40 euro per megawattora. Allo stesso tempo, il prezzo di riferimento del gas è di 90 euro. I paesi volevano questo strumento per alleviare i consumatori dai prezzi dell’elettricità estremamente elevati.

Il nucleare francese in difficoltà

notizia: Sempre più centrali nucleari francesi devono essere ritirate dalla produzione per manutenzione. era la produzione di energia 20 per cento in meno Ad aprile dell’anno precedente.

sfondo: In molte centrali elettriche sono state rilevate crepe con ruggine nel sistema di sicurezza attorno al nocciolo del reattore. Gli esperti ora avvertono rischio “black out” Durante i periodi freddi dell’autunno e dell’inverno. I problemi delle vecchie centrali nucleari francesi sono particolarmente scomodi in una situazione in cui l’Europa sta cercando di ridurre le importazioni di gas russo.

Vuoi scavare più a fondo? Ascolta un podcast sui piani per il clima e l’energia di Macron dopo la sua rielezione con il corrispondente dell’UE Alf Ole Ask.

Il porto di spedizione sarà costruito per CO2 In Germania

notizia: In Germania si stanno avvicinando importanti progressi nella cattura e nello stoccaggio del carbonio. Sono in corso piani concreti per un porto mercantile per CO2 A Wilhelmshaven e una rete di gasdotti per il trasporto di gas serra.

sfondo: I piani di CCS fanno parte di una strategia più ampia per rendere la città portuale della Germania nordoccidentale un hub energetico. Ciò include tra l’altro un impianto di gas naturale liquefatto, un impianto per l’importazione di ammoniaca e metano industriale e un impianto di elettrolisi dell’idrogeno. I piani sono stati elaborati da un consorzio in collaborazione con la nostra agenzia per l’energia, scrive Tagesspiegel Background. Dina è un think tank parzialmente di proprietà dello stato tedesco. Bellona ha coperto la notizia sul suo sito web.

READ  Il capo stratega ritiene che l'economia italiana si stia contraendo: - Tutta l'Europa ne risentirà

Dal porto di imbarco CO2 che vengono sequestrati agli impianti industriali di Wilhelmshaven, vengono ricevuti e spediti, ma ci sono anche piani per la costruzione Rete di gasdotti tedesca separata a livello nazionale per trasportare anidride carbonica2 alla città costiera. La rete di trasporto avrà una capacità di 18 milioni di tonnellate di anidride carbonica2 annuale. I giacimenti di gas vuoti sulla piattaforma olandese sono stati progettati come spazio di stoccaggio per i gas serra. Ma caricando anidride carbonica2 Anche la Norvegia potrebbe essere rilevante, secondo il consulente climatico e industriale di Bellona Olav Øye.

“Se esiste un’infrastruttura comune, rimuoverà l’anidride carbonica2 Da tutta la Germania e raccolti in un punto di ricarica, dobbiamo calcolare che CO2 Verrà inviato anche in Norvegia, Danimarca o altri luoghi. Probabilmente dipenderà dalla disponibilità, dalla capacità, dal costo/prezzo, ecc. per le diverse posizioni di magazzino”, scrive Øye in un’e-mail a Energi og Klima.

cosa è successo dopo? CO. strategia2L’impianto di Wilhelmshaven sarà completamente presentato nella prima metà di maggio.

Norvegia e Unione Europea: una partnership industriale?

Le decisioni dell’UE in materia di energia e clima influenzano continuamente la Norvegia. Alf Ole Ask, corrispondente dell’UE per l’energia e il clima, affronta questi temi. Ecco alcuni dei momenti salienti delle ultime settimane:

Vestre vanta partnership industriali con l’UE che ancora non esistevano: il ministro del Commercio e dell’Industria Jan Christian Vester si vanta che il governo abbia stretto partnership industriali con l’UE e la Germania. Ma finora è solo questione di conversazione.

L’investimento nel bioetanolo norvegese potrebbe essere ostacolato dalla quota doganale dell’UE: il bioetanolo norvegese ricavato dalle foreste potrebbe diventare un importante prodotto di esportazione verso l’Unione europea che necessita di energia rinnovabile. Il problema è che tra qualche anno la produzione norvegese sarà ostacolata dalla mancanza di quote esenti da dazio nell’Unione europea, teme Norske Industry.

Nuovi dati: l’energia rinnovabile più grande ad aprile

Più rinnovabili: Ad aprile nell’Unione Europea sono stati prodotti 80,9 TWh di elettricità rinnovabile, rispetto ai 76,1 TWh dell’anno scorso. La quota di energia rinnovabile era del 40,9%, rispetto al 35,3% dell’energia fossile e al 23,9% dell’energia nucleare. Vedi i numeri e altri dati sul sito web di Energy Charts.

41 miliardi di euro: C’è molta Europa Investito in nuova energia eolica nel 2021, e i report di Wind Europe. Undici paesi hanno investito più di un miliardo di euro, con il Regno Unito in testa.

Più consumo di carbone nel 2021: Dopo una profonda caduta durante la pandemia Aumentare produzione e consumo di carbone nell’Unione Europea nel 2021. Tuttavia, il trend di lungo periodo è in calo: rispetto al 2018, il consumo nel 2021 di carbone (-27 per cento) e lignite (-25,5 per cento) è stato molto inferiore.

Dipende dall’importazione: Unione europea Importato 83 per cento di gas fossile nel 2021. L’Italia deteneva la quota maggiore di gas nel suo mix energetico (40%) e ne importava il 94%.

READ  La guerra in Ucraina - Papa:

Nuovo rispetto alla versione precedente

Il metallo deve adattarsi: crudo criticoMateriali Potrebbe esserci una scarsa disponibilità di cambiamento verde in Europa, avverte un rapporto di KU Leuven preparato per conto dell’organizzazione industriale Eurometaux. Questo può accadere con litio, nichel, rame, cobalto e le cosiddette terre rare, perché la loro estrazione non sta al passo con il cambiamento verde globale. L’Unione Europea ha bisogno di molta di questa materia prima per le turbine eoliche e le auto elettriche. Il riciclaggio aiuterà, ma non prima del 2040, secondo lo studio.

A brevissimo termine c’è abbastanza litio e nichel nel mondo per fare auto elettriche anche senza la Russia, ma l’Europa deve competere per le spedizioni con Cina e Stati Uniti, secondo il Trasporti e ambiente.

Città a clima neutro: 100 città dell’Unione Europea sono state selezionate per partecipare all’iniziativa Città neutre dal punto di vista climatico e “intelligenti”. Fino al 2030. Inoltre, sono incluse 12 città di paesi partner, tra cui Oslo, Stavanger e Trondheim. Visualizza la mappa con tutte le città. Il progetto prevede soluzioni di finanziamento per la mobilità, l’efficienza energetica e la pianificazione urbana verde.

funzionamento termostato: Gli italiani devono Risparmio energetico Per ridurre la dipendenza dal gas russo. Gli uffici pubblici, comprese le scuole e i ministeri, non dovrebbero raffreddare sotto i 27 gradi durante l’estate. Politico scrive che in inverno il termostato sarà impostato a 19 gradi. L’obiettivo del governo è fornire 4 miliardi di metri cubi di gas.

La Danimarca può di più II: Secondo il nuovo piano climatico del governo danese, il paese ridurrà tutti gli usi di gas fossile entro il 2030. Maggiori informazioni sul piano nella newsletter di Fem di venerdì.

Al prossimo ordine del giorno

8 maggio: Kiel: elezioni statali Nello Schleswig-Holstein.

9 maggio: Strasburgo: futura conferenza Europa Fornisce 49 proposte dettagliate di riforme e cambiamenti nell’Unione Europea, con il cambiamento climatico e l’ambiente come primo punto. Le istituzioni dell’UE porteranno ulteriormente le proposte.

10. – 11. maggio: Monaco di Baviera: AEuropa tersolarecospirazione. galleria / galleria 11. -13. maionese.

11. – 12. maggio: BRUXELLES: il ministro del Commercio e dell’Industria Jean-Christian Vistre terrà incontri con es. I Commissari Ue Breton e Shevovich.

12 maggio: l’Agenzia internazionale per l’energia riferisce La politica energetica della Polonia.

17 maggio: Commissione Energia del Parlamento Europeo di voti Suggerimento Riformare il mercato delle quote dell’Unione Europea (EU ETS).

18 maggio: Bruxelles: la Commissione europea presenta RePowerEU, un piano per rendere l’Unione europea indipendente dall’energia fossile proveniente dalla Russia. La Commissione ha presentato la prima versione a marzo ed è stata invitata da un vertice dell’UE a concretizzare il piano.

La Commissione presenta inoltre una nuova strategia per la partecipazione internazionale all’energia.

30 – 31 maggio: Bruxelles: Consiglio europeo (vertice). Difesa, energia e Ucraina all’ordine del giorno.

5-30 maggio, giugno: Bruxelles: Settimana verde nell’Unione Europeacospirazione.

2 giugno: riunione dei ministri dei trasporti dell’UE.

6. -9. Giugno: il Parlamento europeo vota in plenaria sulle proposte di riforma del mercato delle quote dell’UE.