Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Politica americana, Donald Trump | I comandanti militari in pensione avvertono il Pentagono:

È del tutto astorico pensare che la democrazia non possa crollare negli Stati Uniti, quando è successo in molti altri luoghi del mondo, afferma lo studioso senior Hilmar McGildy.


L’ex presidente Donald Trump si è rifiutato di ammettere la sconfitta alle elezioni presidenziali contro Joe Biden il 3 novembre dello scorso anno e ha lanciato instancabili accuse di brogli elettorali. Questo nonostante il fatto che tutti i documenti indichino il contrario.

Il 6 gennaio dell’anno successivo, appena 14 giorni prima dell’inaugurazione di Biden, centinaia di sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il cuore politico dell’America.

Lo scopo era impedire l’approvazione ufficiale del risultato elettorale al Congresso. Nell’attacco sono morte cinque persone e decine sono rimaste ferite.

Anche dopo l’ultima causa contro Trump e l’indagine in corso alla Camera dei Rappresentanti, entrambe relative alla tempesta del 6 gennaio, Trump governa ancora il Partito Repubblicano. È probabile che anche Trump si candiderà nel 2024.

Leggi anche: Prove drammatiche negli SMS di Trump Jr.: “Dovrebbe condannare questa assurdità il prima possibile”

Tre leader militari statunitensi in pensione stanno ora avvertendo il Pentagono di un’altra violenta rivolta nel 2024.

“Mentre ci avviciniamo al primo anniversario della rivolta mortale a Capitol Hill, noi (tutti i nostri tre ex alti ufficiali militari) siamo sempre più preoccupati per le conseguenze delle elezioni presidenziali del 2024 e per il potenziale caos mortale nella nostra difesa, che ritarderà tutti gli americani a correre dei rischi”, si legge in un recente articolo in Washington Post.

Leggi anche: Trump tenta una nuova presa in giro di Biden: – Come si è scoperto che ha funzionato davvero?

Raffredda le gambe

“In breve: tremiamo fino alle ossa al pensiero del prossimo colpo di Stato”, si legge nell’articolo firmato dal maggiore generale Paul D. Eaton e il generale di brigata Stephen M.

– Quale pensi sia il rischio di guerra civile negli Stati Uniti nel 2024?

– Non può essere lasciato fuori. C’è un alto rischio di diffusione della violenza politica. Inoltre, potremmo avere un crollo democratico, una transizione verso una forma di governo autoritario che abbiamo visto in molti altri paesi. Ma non deve essere Così Cervo. Dipende da come agiscono gli attori politici, ha detto a Nettavisen il ricercatore senior della ricerca NORCE Hjalmar Megeldy.

Il consolidamento della situazione politica. I due partiti si vedono l’un l’altro come una minaccia esistenziale, dice Migildy, e la moderazione e la volontà di cooperare che sono alla base della democrazia sono assenti.

Megildy dice che mentre ci sono tendenze illiberali all’esterno della sinistra, il problema principale sono i repubblicani.

– Si sono trasformati in un partito di destra esterno che ha la volontà di rovesciare la democrazia e ricorrere alla violenza politica. Ha detto di aver mostrato un tentativo di rubare le elezioni del 2020 e un violento attacco al Congresso il 6 gennaio.

READ  Corona, Texas - Il discorso si sta diffondendo in tutto il mondo

Le tendenze contromaggioranti nel sistema politico fanno sì che il partito di minoranza, cioè i repubblicani, possa vincere sia la Casa Bianca che il Senato senza rappresentare la maggioranza degli elettori del Paese. Questo a sua volta è visto come illegittimo a sinistra, dice Migildi.

È un peccato vedere gli Stati Uniti aumentare la colla internamente. Sfortunatamente, questo è ciò che accadrà. Mjelde dice che è del tutto antistorico credere che la democrazia non possa crollare negli Stati Uniti, quando è successo in molti altri luoghi del mondo.

Uno scenario che devi prendere sul serio

Sven Melby, un ricercatore senior presso il Dipartimento di studi sulla difesa, ha seguito la politica degli Stati Uniti per molti decenni. Guarda con preoccupazione agli sviluppi negli Stati Uniti.

– Pensi che potrebbero esserci condizioni di guerra civile negli Stati Uniti, Melby?

– In precedenza, uno scenario del genere sarebbe stato considerato del tutto impensabile. Ma ora questo è uno scenario da prendere sul serio. Non credo che molto probabilmente porterebbe a condizioni di guerra civile negli Stati Uniti, ma ci sono molte cose che puntano nella direzione sbagliata in termini di unità interna e stabilità negli Stati Uniti, che potrebbero andare storte. , Melby dice a Netavizen.

La Norvegia deve prenderlo sul serio, non da ultimo ora che abbiamo istituito un nuovo comitato per la difesa che esaminerà le prospettive della politica di difesa e sicurezza norvegese, afferma Melby.

Leggi anche: Staff disfunzionale della Casa Bianca: Kamala Harris è un capo problematico

Melby si riferisce al nuovo Comitato per la Difesa recentemente nominato dal governo Stoer. Composto da 17 membri e presieduto da Knut Storberget, il Comitato per la difesa intende “valutare le opzioni e le priorità della politica di sicurezza e difesa che la Norvegia può adottare per proteggere la sicurezza norvegese”.

Dobbiamo tenere a mente che ci sono caratteristiche evolutive nella politica americana che significano che le cose possono davvero andare storte. Il modo in cui definiamo la democrazia americana non può più essere dato per scontato. Ciò potrebbe avere un impatto anche sul ruolo degli Stati Uniti a livello internazionale. Potremmo rischiare uno sviluppo in cui gli Stati Uniti non saranno più in grado di svolgere un ruolo di primo piano a livello internazionale, afferma Melby.

Più vicino alla guerra civile di quanto pensiamo

I pensionati non sono gli unici preoccupati per la democrazia negli Stati Uniti. Barbara F. Walter è uno scienziato politico e professore all’Università della California, San Diego. È anche membro del comitato consultivo della CIA.

READ  Il sedicente Satanico ha ucciso uno dei suoi compagni di cella

Il compito della task force per l’instabilità politica è monitorare i paesi di tutto il mondo e prevedere quali sono a rischio di collasso violento. Questo gruppo di lavoro della CIA non può per legge monitorare e valutare il proprio paese, gli Stati Uniti. Ma Walter ha usato gli stessi metodi negli Stati Uniti che ha usato per monitorare paesi come Siria, Libano, Irlanda del Nord, Sri Lanka, Filippine, Ruanda, Angola e Nicaragua, solo per citarne alcuni.

Leggi anche: Gli esperti classificano i presidenti migliori e peggiori degli Stati Uniti

La sua conclusione è abbastanza chiara: “Siamo più vicini a una guerra civile di quanto alcuni di noi pensino”, scrive nel suo nuovo libro.Come iniziano le guerre civili?».

Il libro sarà pubblicato a gennaio.

“Nessuno vuole credere che la loro amata democrazia sia in declino o stia andando verso la guerra”, ha scritto, secondo entrambi. Washington Post e guardiano.

“Se tu fossi un analista in un paese straniero e guardassi gli eventi negli Stati Uniti, allo stesso modo in cui valuti gli eventi in Ucraina o in Costa d’Avorio o in Venezuela, allora avresti passato attraverso una lista di controllo per valutare le condizioni che hanno reso possibile la guerra civile E quello che scopriresti è che gli Stati Uniti, è una democrazia che è stata fondata più di 200 anni fa e occupava un territorio molto pericoloso “, scrive Walter.

Alto rischio di collasso completo

Inoltre, i pensionati Eaton, Anderson e Taguba hanno scritto che il pericolo di un crollo della difesa con successivi crolli sociali e politici è reale. Hanno notato, tra l’altro, che un “numero preoccupante” di coloro che hanno preso parte alla tempesta avevano un passato da veterani militari. Più di uno su dieci degli accusati di tempesta del Congresso ha un passato di servizio precedente.

Inoltre, c’è un gruppo di 124 ex militari in pensione, “Flag Officers 4 America”, che ha scritto una lettera sostenendo che il risultato delle elezioni del 2020 non era legittimato.

Un altro elemento fastidioso evidenziato dai capi militari in pensione è che il generale di brigata e comandante della Guardia nazionale dell’Oklahoma, Thomas Mancino, si è rifiutato di seguire un ordine diretto del presidente Joe Biden di introdurre le vaccinazioni ai suoi soldati.

Mancino presumeva che il governatore (repubblicano) dell’Oklahoma fosse il suo comandante in capo, non il presidente. I capi militari in pensione scrivono che c’è un alto rischio che la catena di comando nell’esercito sia colpita da un “crollo totale” durante una nuova rivolta.

READ  La Russia afferma che le truppe si sono ritirate dalle regioni limitrofe dell'Ucraina - VG

“L’idea che unità fraudolente e inaffidabili si organizzino per sostenere il ‘legittimo’ comandante in capo (ndr) non può essere respinta”, hanno scritto.

“Immaginate due leader rivali, il rieletto Biden che danno ordini contro Trump (o qualcuno simile a Trump) che dà ordini come capo di stato ombra. O peggio, immaginate i politici a livello statale e federale che nominano illegalmente un candidato perdente come presidente. “

I leader militari in pensione sottolineano che anche se tutti i funzionari militari giurano di proteggere la costituzione del paese, l’esito di un’elezione controversa potrebbe mettere a rischio la lealtà. Non escludono un caso in cui alcuni seguono gli ordini del legittimo comandante in capo, mentre altri scelgono di seguire gli ordini di un “perdente della tromba”.

Sbarazzati di coloro che commetterebbero una ribellione

I leader militari in pensione stanno proponendo azioni concrete che il Pentagono può intraprendere per evitare lo scenario peggiore, in cui la lealtà dell’esercito americano è divisa in due.

“Ora che il Paese è più diviso che mai, dobbiamo agire per prepararci al peggio”, hanno scritto.

Leggi anche: – Questa guerra è finita. Trump ha vinto

In breve, Eaton, Anderson e Taguba vogliono che il Pentagono conduca una revisione comunitaria della Costituzione e dell’integrità elettorale di tutti i suoi funzionari militari e civili.

Eaton, Anderson e Taguba credono anche che il Pentagono dovrebbe rafforzare “l’unità di comando” della difesa, che corrisponde a un leader al vertice. Lo scopo è garantire che i dipendenti non siano mai incerti su dove dovrebbe risiedere la lealtà e che non dovrebbero mai essere incerti sugli ordini da eseguire in qualsiasi situazione immaginaria.

Inoltre, vogliono svolgere operazioni di intelligence in tutta la difesa per identificare, isolare ed escludere elementi che potrebbero commettere un’insurrezione. Chiedono inoltre al Pentagono di guardarsi dal dilagare della disinformazione e della propaganda volta a minare le linee di comando dei militari.

“Infine, il Dipartimento della Difesa dovrebbe condurre manovre di guerra su una possibile rivolta elettorale imminente o tentare un colpo di stato per identificare i punti deboli. Quindi dovrebbe valutare i risultati dall’alto e dal basso e mettere in atto misure di sicurezza per prevenire il collasso – non solo nella difesa, ma in ogni agenzia che lavora a stretto contatto con la difesa”, hanno scritto Eaton, Anderson e Taguba.

Hanno concluso: “Sia la difesa che i legislatori, col senno di poi, potrebbero impedire una nuova rivolta nel 2024, ma avranno successo solo se agiranno ora”.