Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Possibile caso di “Sindrome dell’Avana” ha ritardato la visita del vicepresidente in Vietnam

Martedì, il vicepresidente Kamala Harris si recherà da Singapore al Vietnam. Ma il volo è stato ritardato di oltre tre ore quando l’ambasciata americana ad Hanoi ha annunciato che si era verificato di recente un “incidente sanitario anomalo” nel paese.

“Stanotte, il volo del vicepresidente da Singapore è stato posticipato perché l’ufficio del vicepresidente è stato allertato di un incidente di salute anomalo ad Hanoi”, ha dichiarato la portavoce dell’ambasciata Rachel Chen in una nota.

Questo è il termine che le autorità tendono a usare quando si riferiscono alla misteriosa “sindrome dell’Avana”, scrive CNN.

Nausea, tinnito e danni cerebrali

In precedenza erano stati segnalati circa 200 casi in cui diplomatici e funzionari dell’intelligence statunitensi si erano improvvisamente ammalati o avevano mostrato segni di danni cerebrali dopo essere stati all’estero. scrive Notizie NBC.

I sintomi includono forti mal di testa, tinnito, insonnia, problemi di linguaggio, vertigini, nausea, disturbi dell’equilibrio e danni cerebrali.

Questo fenomeno è stato chiamato Sindrome dell’Avana perché è stato scoperto per la prima volta tra i dipendenti dell’ambasciata americana nella capitale cubana nel 2016. Lì, decine di diplomatici e i loro familiari hanno sofferto di misteriosi problemi di salute.

La spia della CIA Mark stava lavorando in Russia quando la sua vita è cambiata

viaggio continuo

L’ufficio del vicepresidente non ha ancora commentato la speculazione secondo cui il ritardo è dovuto a un caso di “Sindrome dell’Avana”, ma lo definisce un “evento sanitario anomalo”.

Alla fine fu deciso che Harris avrebbe dovuto continuare il suo volo per Hanoi e l’aereo decollò alle 19:32 ora locale.

– Dopo un’attenta valutazione, è stato deciso che il vicepresidente potesse continuare il suo viaggio, afferma Chen.

Quando l’aereo è decollato dall’aeroporto, una portavoce del vicepresidente Simon Sanders ha incontrato i giornalisti a bordo. Sanders ha detto che tutto è andato bene con Harris.

READ  La puntura è criticata da tutte le parti:

“Questo non ha nulla a che fare con la salute del vicepresidente”, ha detto Sanders alla CNN.

Relatore: Simone Sanders è la portavoce del Vicepresidente.

Relatore: Simone Sanders è la portavoce del Vicepresidente. Foto: Mandel Ngan

Indagine sui casi a Berlino

Possibili casi di “sindrome dell’Avana” sono stati segnalati in 14 paesi, ma questa è la prima volta che un possibile caso è stato registrato in Vietnam.

All’inizio di agosto, i diplomatici statunitensi a Berlino hanno segnalato due possibili casi di sindrome.

Il Wall Street Journal ha scritto che i diplomatici avevano sintomi come vertigini, mal di testa, mal d’orecchi, letargia e mancanza di sonno.

Il caso, citato anche nel Der Spiegel tedesco, non è stato confermato né dalle squadre tedesche né da quelle americane.

– Non discutiamo di tali questioni da nessuna parte. Ma posso dire che queste condizioni di salute sono della massima priorità con il Segretario di Stato Anthony Blinken. Non c’è niente che prendiamo più sul serio della salute dei nostri dipendenti, afferma il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

radiazione a microonde

Nel dicembre 2020, un rapporto dell’American Academy of Sciences ha concluso che le radiazioni a microonde direttamente dirette erano probabilmente ciò che ha fatto ammalare i diplomatici e le spie americani.

L'”energia a radiofrequenza pulsata diretta” ha portato le persone a sviluppare sintomi come forti mal di testa, vertigini e problemi cognitivi, secondo il rapporto.

Un’ipotesi è che dietro ci sia l’intelligence militare russa, scrive Politico. Si dice che le radiazioni a microonde dirette possano essere state utilizzate per spiare smartphone o computer, e allo stesso tempo abbiano gravi effetti dannosi sulla salute.

La CIA ha recentemente nominato una forza speciale per indagare sulle cause della sindrome dell’Avana.

“Andremo a fondo della questione”, ha detto il capo della CIA William Burns alla fine di luglio Los Angeles Times.