Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Preferito che è stato catturato dopo un disturbo in hotel – VG

In Trouble: il ciclista olandese Mathieu van der Poel.

Sydney (VG) Alexander Kristof non riesce a credere a quello che gli è stato detto: il favorito Matthew van der Poel è stato arrestato prima della partenza congiunta del corso di ciclismo e dovrebbe comparire in tribunale la prossima settimana. Remco Evenepoel (22) è diventato il campione del mondo.

Inserito:

In solenne maestà, il 22enne belga ha tagliato il traguardo con un solido margine per il prossimo uomo. Ha vinto in due minuti e 21 secondi. È il più grande margine di vittoria in una partenza congiunta nella classe maschile dal 1968 ad Eveningpool.

L’argento è andato a Christophe Laporte e il bronzo a Michael Matthews.

Dopo una lunga stagione, è incredibile finire così. Sono così felice, dice il vincitore della trasmissione TV 2 dopo aver pedalato per sei ore e 16 minuti.

Primo a finire: la medaglia d’oro Remko Evenpoel, che ha anche vinto il bronzo in volata durante la Coppa del mondo di ciclismo di quest’anno in Australia.

– Era la mia occasione per andare presto, continua.

“Non posso avere una stagione migliore di questa”, dice Evenpoel, aggiungendo che ora farà una festa.

Questa è stata la prima medaglia d’oro del Belgio ai Mondiali di quest’anno. In precedenza, il paese del ciclismo aveva due medaglie d’argento e tre di bronzo.

Ma prima dello sprint, molto tempo dopo che il vincitore era finito, sembrava che potesse esserci una medaglia norvegese. Perché c’era Alexander Kristof. Finì sesto, davanti a Peter Sagan.

– Non abbiamo avuto possibilità contro di lui oggi, e in questo senso è un degno vincitore. Probabilmente ha molti grandi risultati davanti a sé, dice Kristof del vincitore di TV 2.

Questa è la sesta volta che Christophe finisce tra i primi 10 in acqua, in otto corsi.

Improvvisamente ero in fondo al mio gruppo di corridori. Ero un po’ intrappolato, dice Kristof a TV 2 e mi sono reso conto che dovevano esserci due posti alla fine se voleva ottenere una medaglia alla fine. Rasmus Teller era il numero 16.

Leggi anche

Tobias Foss con le sexy percussioni d’oro WC: – Qualcuno può svegliarmi?

Tobias Voss, 25 anni, non riusciva a credere di aver vinto in bicicletta una sensazionale medaglia d’oro durante il periodo di prova in bagno.

Numero sei: Alexander Kristof, da inizio stagione.

– Malato ho sentito

L’olandese Matteo van der Poel ha rotto la partenza combinata nella toilette del ciclismo a Wollongong, in Australia, dopo soli 30 chilometri. Poi i piloti norvegesi hanno visto Buell al via e non si sono accorti che si era rotto. Non sapevano nulla del dramma della notte in albergo.

– Questa è la cosa peggiore che ho sentito da molto tempo. Poi ho capito che non si sentiva completamente crudo. Era una storia malata, racconta Kristof a TV 2.

Perché il percorso di avvicinamento alla gara è stato molto speciale e si è sviluppato molto soprattutto per l’olandese.

READ  - Non ben preparato - NRK Sport - Notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni

Secondo il sito belga Sporza.be, sarebbe stato svegliato di notte nella sua stanza d’albergo da alcuni bambini che bussano ripetutamente alla porta. L’atleta era sconvolto e uno dei bambini, una ragazza, ha affermato di essersi infortunata al braccio quando ha parlato Van der Poel. Fu chiamata la polizia e van der Poel fu arrestato.

– Esatto, sì. L’olandese dice che è stato un piccolo disaccordo.

– Non sono tornato nella stanza d’albergo fino alle quattro di ieri sera. Non era l’ideale, ha detto prima dell’inizio della gara.

Un olandese ha intervistato l’artista nl. numero Dopo la gara.

Ammette di non averlo detto ai bambini in modo restrittivo.

– Non ho chiesto loro di smettere. Poi è stata chiamata la polizia e io sono stato arrestato.

Secondo il quotidiano, Van der Poel dovrebbe Sydney Morning Herald Apparire in tribunale la prossima settimana.

Hanno scritto che l’atleta avrebbe spinto due ragazze e la polizia lo ha accusato di due casi di aggressione fisica.

Poche settimane prima della gara del WC, Christophe si è messo al lavoro:

Mi hanno sequestrato il passaporto

Christoph Roodhoft, team leader dell’Alpecin-Deceuninck, è intervenuto dopo la gara in un’intervista trasmessa da TV 2. Conferma che il passaporto di Van der Poel è stato temporaneamente revocato per sei settimane.

Molto inaspettato, dice Roodhooft della situazione.

– A quanto pare c’erano dei bambini che erano alla sua porta, e dopo la terza volta si stancò di lui ed uscì. Erano ovviamente bambini, adolescenti, senza genitori, e qualcuno ovviamente ha chiamato la polizia e sono venuti. Gli hanno chiesto di venire alla stazione e spiegarglielo.

READ  - Solo una trama - VG

A Rudhoft è stato chiesto se Van der Poel fosse in qualche modo con i bambini.

– No, no, risponde.

Rodhoft racconta che l’atleta è andato con lui in questura, dove si è spiegato, e poi è riuscito a lasciare la scena.

– Dicono che il suo passaporto sia stato ritirato fino al 23 ottobre. perché?

È una procedura standard di sei settimane quando succede qualcosa del genere e non sei un cittadino australiano. È così che l’ho capito.

– Non ha dormito la notte scorsa ed era anche al verde. Si era aspettato molto da questo giorno e aveva fatto tutto il possibile negli ultimi due mesi.

Il sole, il bel tempo e un gran mare di gente che acclama i corridori verso il traguardo.

La gara alla fine si è conclusa con i corridori delle nazioni più piccole che sono scesi in anticipo e la Francia ha ripreso il ritmo dopo poco più di tre miglia nella corsa di 266,9 chilometri. Sul monte Kira, la salita più dura della gara, i francesi sono riusciti a fare una pausa intermedia con alcuni dei più grandi candidati. Anche la Norvegia era ben rappresentata lì con Tobias Voss e Andreas Liknesund.

L’avvio rapido alla fine ha lasciato il posto a una fase più tranquilla. Dalla pausa centrale, cinque corridori sono riusciti a salire fino alla pausa originale.

Anche Leknessund ha provato ad alzarsi, ma la distanza era troppo grande e ha scelto di aspettare nuovamente nel campo principale. Lì, sono stati la Spagna e i Paesi Bassi ad assumersi la maggior parte della responsabilità. La distanza è stata gradualmente ridotta da circa sette minuti e mezzo in undici giri al WC di Wollongong, e al quinto e ultimo giro il ritmo è stato notevolmente aumentato.

A 75 chilometri dalla fine è stata istituita una nuova pausa intermedia e ancora una volta è stata rappresentata la Norvegia, questa volta con Rasmus Teller, che ha concluso 16°.