Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Prendono solo il meglio e buttano via il resto – Dagsavisen

Tre persone in viaggio verso la Romania su un camion norvegese immatricolato sono state fermate al valico di frontiera di Kelpesjärvi con 1.278 chilogrammi di pesce il 28 febbraio, afferma Olsen, area manager nel dipartimento di confine per la regione settentrionale.

Il tentativo di contrabbando può comportare una pesante multa.

– La nostra multa più grande finora è di 158.000 NOK. L’arco aveva 750 kg. Questa multa potrebbe essere più alta. Il caso è ancora oggetto di indagine da parte della polizia, quindi la multa finale non è stata chiarita, afferma Olsen.

Tutto è distrutto

Recentemente, Dagsavisen ha riferito che tre pescatori italiani a Kristiansand hanno portato più di 2.000 castelli ghiacciati, a cui è stato permesso di cacciare e alle specie non è stato permesso di cacciare. Gli italiani furono multati di 15.000 scudi ciascuno, ma gli fu permesso di mantenere castelli che potevano essere cacciati. La pratica varia quando si tratta di pesca.

La normativa prevede che se il pesce viene portato oltre la quota consentita, la quota può anche essere confiscata. Questa è anche una pratica corrente, dice Olsen.

Pertanto, tutti i circa 1.300 chilogrammi di pesce sono stati catturati dalla cattura standard e quindi distrutti. Tuttavia, queste sono solo cose banali rispetto a tutto il pesce perso a causa della cosiddetta “pesca turistica”.

– In precedenza, consegnavamo il pesce catturato alle istituzioni, ma non possiamo garantire la qualità. Il pesce potrebbe essere vecchio. Olsen afferma che ora vengono consegnati a centri di raccolta rifiuti approvati e distrutti, piuttosto che andare in case di cura, per esempio.

READ  Prima finale olimpica dopo Usain Bolt: oro italiano

Ci vuole solo il meglio

“La maggior parte dei nostri attacchi sono senza merluzzo, ovvero i migliori filetti di dorso”, continua Olsen.

Sappiamo che quando molti pescatori turistici lasciano il molo in Norvegia, rimane il 70% del pesce. Prendono solo il pezzo migliore e buttano via il resto. I calcoli mostrano che usano solo meno del 30 percento del pesce. Ciò significa che quando abbiamo sequestrato 750 chilogrammi di filetti, ne hanno catturati in realtà 2.500 chilogrammi di pesce.

Di conseguenza, i numeri dei sequestri dell’Agenzia delle Dogane non forniscono un quadro completo delle operazioni di contrabbando di pesce in atto. Alla fine di ottobre di quest’anno, i funzionari doganali di tutto il paese avevano confiscato 4.103 chilogrammi di pesce. Nel 2019, prima che la pandemia di Corona portasse a restrizioni significative sia nel turismo che in altre attività di viaggio, furono sequestrati ben 9.868 chilogrammi di pesce.

Se prendiamo i buoni conti del pesce di Olsen, potrebbe indicare che i contrabbandieri catturati nel 2019 hanno catturato circa 33.000 chilogrammi di pesce prima di cercare di uscire dalla Norvegia.

– Forse il vero contrabbando è più ampio di quanto rivelano le dogane?

– Sì, sono certamente numeri oscuri, risponde Olsen.

Cerchiamo di fare il miglior lavoro possibile, ma non abbiamo risorse illimitate ei trafficanti sono creativi quando devono attraversare i confini, sia in termini di luoghi che di tempi.

READ  Le autorità chiedono alle compagnie petrolifere di correre più rischi - E24

pubblicità di pesce

Il sequestro medio nel 2019 è stato di 100 chilogrammi. La media dei sequestri finora quest’anno è stata di 124 chili. La quota consentita è di 18 chili, a condizione che la pesca sia stata effettuata in una struttura di pesca turistica autorizzata.

Qualcosa di quello che scopri potrebbe essere un contrabbando più organizzato e di routine?

– Non si può escludere quando facciamo diversi attacchi individuali di oltre 750 chilogrammi di scivoli netti, risponde Olsen.

– Se si pensa che la porzione media di una cena a base di pesce sia di circa 250 grammi, allora una famiglia di quattro persone potrà mangiare filetto di merluzzo in carta per 750 giorni, cioè più di due anni.

– Durante l’ispezione abbiamo anche trovato manifesti e volantini in cui vengono serviti filetti di pesce fresco dalla Norvegia alla porta in Belgio.

– Abbiamo anche sentito che il pesce turistico norvegese viene venduto nei ristoranti di diversi luoghi in Europa, ma non possiamo documentarlo.

– inesauribile

– Da dove vengono i contrabbandieri?

– Da tutta Europa, ma spesso provengono da Germania, Belgio, Repubblica Ceca e Paesi baltici. Abbiamo anche preso degli svedesi. Non tutti i paesi hanno accesso a tali risorse ittiche come noi, e quando vediamo il costo del pesce nei negozi e nei ristoranti, si comprende anche il potenziale economico di tale contrabbando.

Quali sono le conseguenze della pesca turistica e del contrabbando di pesce?

READ  Il fatturato di Reitan Group è stato di oltre 100 miliardi di NOK nell'anno di Corona: - Non ci rallegriamo

– Le nostre risorse ittiche sono inesauribili e sentiamo costantemente dire sia dai residenti locali che da coloro che gestiscono attività commerciali che si riferiscono alla pesca turistica negli stock. Non è più facile ottenere pesce bollito quando si pagaia sul fiordo.

C’è qualcosa che pensi si possa fare per controllare meglio la pesca turistica?

– Oggi, avere più della quota consentita è un non criminale prima di attraversare il confine. Se la pesca nella misura in cui la vediamo diventasse illegale, è chiaro che avrebbe arginato il contrabbando.

Tieniti informato. Ricevi una newsletter quotidiana da Dagsavisen