Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Prezzo del petrolio in calo del cinque per cento: – Nessuna buona notizia, afferma il capo stratega

85 dollari. Un barile di petrolio del Mare del Nord è costato poco da metà febbraio, prima della guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina. Venerdì, il prezzo è sceso del cinque percento.

Il dollaro sta sfondando il tetto, i tassi di interesse chiave stanno salendo, i metalli stanno scendendo, il rame sta scendendo. Non sorprende che l’olio sia incluso.

Bjarne Schieldrop, chief commodity strategist di SEB, vede pochi punti luminosi nell’economia globale al momento. Dice che non è una notizia specifica del petrolio che fa scendere il prezzo.

C’è una diffusa preoccupazione pubblica. Ora è la combinazione degli annunci sui tassi di interesse di questa settimana e della mobilitazione dei riservisti da parte di Putin che la guerra si è intensificata. Non ci sono buone notizie. È negativo pretendere tutto. Schilddrop afferma che rame, alluminio, petrolio e schermi piatti sono i margini delle aziende.

Il picco del dolore è in arrivo

Il capo stratega osserva anche che l’Europa e l’Occidente stanno attualmente perdendo molta energia fossile. Ogni giorno dalla Russia partono tre milioni di barili di petrolio. Nuovi round di sanzioni in autunno e in inverno soffocheranno ancora di più l’accesso. Schildrup pensa anche che i produttori di scisto statunitensi colpiranno il freno, il che si tradurrà anche in una minore quantità di petrolio statunitense.

– Quindi viviamo in una bolla in questo momento. Otteniamo 1 milione di barili al giorno di riserve negli Stati Uniti. Aggiunge che ci sono limiti a quanto possono pompare fuori dalle riserve strategiche.

A ciò si aggiunge la crisi energetica in Europa, dove i prezzi del gas hanno superato i 300 dollari al barile.

READ  La compagnia petrolifera Aker BP di Kjell Inge Røkke ha stabilito un altro risultato record

– Non c’è molto divertimento. Quindi devi solo stressarti per quello che verrà dopo. Quando si tratta di prezzi di elettricità e gas, potremmo aver lasciato il “picco di follia” dietro di noi, ma abbiamo “picco di follia” davanti a noi.

Bjarne Schieldrop Chief Raw Materials Strategist presso SEB.

Bjarne Schieldrop Chief Raw Materials Strategist presso SEB. (Foto: Oyvind Elfsburg)

Paura della guerra

Come previsto, Oslo Boerse ha reagito male al calo significativo dei prezzi del petrolio. Al momento della chiusura, era in calo del 4%, trainato dal calo dei prezzi delle azioni delle major petrolifere. È il peggior calo del mercato azionario da marzo 2020. Heavyweight Equinor è in calo del 5,37%, Vår Energi è in calo del 7,4%, mentre Aker BP è in calo dell’8,55%.

L’analista petrolifero Magnus Nordby della Norwegian Oil Trading ritiene che i commenti di Putin degli ultimi giorni stiano creando preoccupazioni ancora maggiori per il mercato.

La paura della guerra di solito fa salire i prezzi del petrolio, ma rende il mercato più paralizzato e molti investitori acquistano dollari USA, il che a sua volta rende il petrolio più costoso. L’OPEC+ probabilmente non voleva che il prezzo del petrolio scendesse troppo e, dopo l’ultima riunione, ha affermato che avrebbe potuto incontrarsi in qualsiasi momento prima della prossima riunione, ha affermato.

Nordby ritiene che ciò possa indicare che l’OPEC+ potrebbe essere disposta a tagliare ulteriormente la produzione se il prezzo scende in modo significativo, al fine di stabilizzare il prezzo del petrolio, che è fortemente diminuito dal picco raggiunto all’inizio di quest’anno come motivo dell’invasione dell’Ucraina .

“Immaginiamo che l’OPEC/OPEC+ farà il possibile per garantire che il prezzo non scenda significativamente al di sotto di $ 85 al barile, ma lo stato dell’economia globale impedirà in particolare al prezzo di salire sopra i $ 110 al barile”, afferma.

Come Schildrup, Nordby osserva che il dollaro è molto forte intraday. Ciò rende il petrolio più costoso poiché il petrolio è scambiato principalmente in dollari USA.

La Federal Reserve ha alzato il tasso di interesse e ha mostrato segnali che potrebbe aumentare ulteriormente. Rafforza il dollaro. C’è il rischio di una recessione che grava sul mercato petrolifero. Il mercato azionario scende e il mercato petrolifero se lo porta con sé. Gli investitori hanno visto il dollaro USA come un “porto sicuro”, ha affermato. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando link che portano direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.