Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Processo di tornitura in Cina – E24

La quota di Norsk Hydro avrebbe potuto essere trainata dai prezzi molto alti dell’alluminio, ma l’ultima volta l’aumento dei prezzi è stato seguito da un crollo nel grande produttore di alluminio.

Inserito:

Una tonnellata di alluminio oggi costa più di 2.600 dollari. È l’alluminio più costoso in più di un decennio, secondo scambio di metalli a londra.

Nel 2011, il prezzo spot di una tonnellata di alluminio era di 2.700 dollari per tonnellata. Se si vuole trovare un prezzo più alto di quello, bisogna tornare alla crisi finanziaria del 2008.

Il prezzo dell’alluminio ha raggiunto il massimo storico in corona norvegese, afferma Morten Askelt, presidente di Alunor, che, tra le altre cose, importa molto alluminio per l’uso nel settore delle costruzioni.

Poiché l’alluminio è scambiato in dollari, il tasso di cambio della corona ha molto da dire sul tasso. L’ultima volta che l’alluminio era così costoso come lo è ora in dollari, la corona era molto più forte.

Morten Askeldt, presidente di Alonor

Al culmine del 2008, il prezzo per tonnellata di alluminio era vicino alle 17.000 corone. Oggi una tonnellata di alluminio costa circa 23.000 corone. Pertanto, il prezzo in corone dell’alluminio è storicamente elevato.

Alta richiesta e spedizione costosa

L’elevata attività nell’industria manifatturiera continua a portare a una forte domanda, una scarsità di prodotti in alluminio e prezzi record, afferma il CEO Alonor Askeldt.

E24 in precedenza aveva scritto che una carenza di prodotti in alluminio significava che i birrifici rischiavano di rimanere senza soda e lattine di birra quest’estate.

Oltre alla crescente domanda di prodotti in alluminio, Askelt indica anche il costo di spedizione dall’Asia, dove viene prodotta gran parte dell’alluminio mondiale.

Il mercato delle spedizioni in Asia è molto impegnativo, con carenze di container e bassa capacità in molti porti e prezzi elevati, afferma.

Il Baltic Dry Index, che misura il prezzo delle merci in movimento sulle navi da carico secco, è quasi raddoppiato nell’ultimo anno. Ciò significa che il prezzo per ottenere una tonnellata di alluminio dai produttori in Asia ai consumatori in Europa è aumentato in modo significativo.

L’ultimo fattore a cui fa riferimento il presidente Alonor è la scelta consapevole da parte della Cina.

La Cina ha scelto di non lanciare più laminatoi a carbone, in parte a causa di considerazioni ambientali. Aiuta ad aumentare il prezzo dell’alluminio.

La Cina si astiene dal lanciare laminatoi

La Cina era in precedenza un esportatore netto di minerale, ma di recente ha cambiato rotta. Hanno chiuso un sacco di capacità e stanno accadendo molte cose nell’ambiente perché hanno così tanti impianti di alluminio alimentati a carbone, e ora c’è un importatore netto del metallo, afferma Thomas Engin, presidente di Astrup.

Il fatto che molti impianti di alluminio siano alimentati a carbone ha fatto salire il prezzo del metallo, con il carbone che è diventato tre volte più costoso nell’ultimo anno, ha scritto in precedenza E24.

– La Cina ha subito una vera trasformazione, afferma il capo Astrop Engin.

Penso che l’alluminio rimanga alto

Astrup opera nel settore dell’alluminio e di altri metalli dal 1857.

Thomas Engin, presidente di Astrop

– Lo facciamo da 164 anni e sappiamo che il prezzo dell’alluminio scenderà di nuovo, ma questo non accadrà quest’anno, afferma Engen.

Sottolinea, tra le altre cose, che molti acquirenti di alluminio hanno già preordinato l’alluminio con molto anticipo.

I clienti non pagheranno molto per l’alluminio, ma la paura di rottamare il materiale è maggiore, quindi ci sono molti che assicurano consegne anticipate, afferma il responsabile dei metalli.

Engine sta ricevendo supporto dalla grande banca Goldman Sachs, che ha recentemente scritto in un’analisi che ritiene che il prezzo dell’alluminio raggiungerà i 3.200 dollari a tonnellata nei prossimi 12 mesi. Se ciò accade, potrebbe significare che i livelli che abbiamo visto nel 2008 dovranno affrontare la concorrenza.

si è schiantato l’ultima volta

Una società che ha beneficiato del prezzo dell’alluminio è Norsk Hydro. L’azienda è il più grande produttore di alluminio in Norvegia.

Norsk Hydro ha aumentato notevolmente i suoi profitti nel secondo trimestre di quest’anno, raggiungendo un utile al netto delle imposte di 2,8 miliardi di NOK, e la divisione Hydro Aluminium Metal ha registrato un risultato record.

Norsk Hydro è tra i dieci maggiori produttori di alluminio al mondo. Qui da un laminatoio.

Il prezzo delle azioni di Norsk Hydro ha raggiunto il picco nel 2008, contemporaneamente all’aumento del prezzo dell’alluminio, e ha avuto anche un picco minore nel 2011 durante l’epoca di massimo splendore dell’alluminio. Il prezzo delle azioni di Hydro è ora al massimo da 3,5 anni.

Nel frattempo, gli analisti prevedono che Norsk Hydro aumenterà di un altro 12% nel prossimo anno, secondo FactSet. Un tale aumento avrebbe determinato un prezzo di 68 NOK per azione.

Norsk Hydro non ha avuto un prezzo delle azioni così alto dal suo picco del 2008. All’epoca, il prezzo delle azioni ha raggiunto il massimo di 78 NOK, prima di scendere in linea con il prezzo dell’alluminio di 21 NOK solo cinque mesi dopo.

Continua a leggere E24 +

Il problema principale di Indore non si risolve con la rassegnazione

READ  Prezzo del petrolio, Equinor | I prezzi del petrolio sono a livelli molto alti: - Piccole notizie possono avere un grande impatto