Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Promesse di maggiore sostegno all’Ucraina – VG

Incontro importante: il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg prima della riunione dei ministri degli esteri della NATO giovedì.

BRUXELLES (VG) I paesi della NATO hanno deciso di aumentare gli aiuti all’Ucraina. Lo ha affermato giovedì il segretario generale Jens Stoltenberg dopo la riunione dei ministri degli esteri della NATO. Ma non è chiaro se l’Ucraina otterrà tutto ciò che chiede.

Inserito:

“Siamo d’accordo sul fatto che continueremo a migliorare l’assistenza all’Ucraina, in modo che possano resistere alla Russia”, ha detto Stoltenberg giovedì pomeriggio.

Giovedì all’incontro con i ministri degli Esteri della NATO, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha offerto questa comprensione, che ha affermato nella sua conferenza stampa dopo la conferenza stampa:

– Ci sostieni con tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Combatteremo non solo per la nostra sicurezza, ma anche per la loro, ha detto Kuleba, in modo che Putin non possa testare l’articolo 5 della NATO.

L’articolo 5 è l’obbligo della NATO di difendere e difendere congiuntamente tutti gli Stati membri nel caso in cui qualcuno di loro venga attaccato.

Sai che è urgente

Alla domanda di VG se Kuleba e la NATO avessero una comprensione comune di cosa sarebbe successo dopo, Stoltenberg ha risposto come segue:

Il messaggio di tutti gli alleati è che siamo pronti a fornire sostegno all’Ucraina e gli alleati comprendono la necessità di un maggiore sostegno. Questo è il messaggio principale degli Alleati, ha affermato il Segretario generale della NATO.

Nel frattempo, ha sottolineato che il compito principale della NATO è garantire che i paesi della NATO dispongano di una difesa affidabile che possa anche scoraggiare potenziali attacchi.

READ  Olivia (7 anni) è stata maltrattata a morte

Il coraggio dell’Ucraina, le sue forze armate e la sua leadership politica ispirano tutti noi. Ha aggiunto che è importante che continuiamo a sostenerli.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg durante il vertice della NATO il 24 marzo.

– un cauto ottimista

– Kuleba ha detto dopo l’incontro che sono cautamente ottimista sull’esito delle discussioni.

Kuleba ha anche invitato la Nato ad accelerare il processo decisionale, esortando gli Stati membri a smettere di dire che “stanno ancora pensando” e “passando attraverso procedure” e che ci sono “problemi che devono essere risolti prima che vengano prese decisioni”.

“O ci aiuti ora, allora intendo giorni, non settimane, o l’aiuto arriverà troppo tardi”, ha detto.

La domanda è quando

Alla domanda se l’Ucraina ha ricevuto promesse di nuove attrezzature militari, Kuleba ha risposto:

Le armi sono come i soldi, amano il silenzio. E non voglio essere in grado di entrare nei dettagli, ma lasciatemi dire così: non ho dubbi che l’Ucraina avrà le armi necessarie per la lotta. La domanda è quando.

Kuleba ha anche affermato di vedere progressi diversi da parte dei diversi paesi nella donazione di armi e che alcuni paesi sono più interessati alle sanzioni come strumento, senza menzionare i paesi specifici a cui si riferiva.

“La pressione sulla Russia è aumentata, ma finché l’Occidente continuerà ad acquistare gas e petrolio russi, sosterrà l’Ucraina con una mano e la macchina da guerra russa con l’altra”, ha affermato Kuleba.

– La gente sta morendo oggi. Abbiamo bisogno di misure che fermino la macchina da guerra russa oggi. Quando ciò non avviene, non si può dire che le sanzioni abbiano pieno effetto.

READ  Leggi finner e svensker endrer mening om Nato

– Sono contento della dinamica generale, ma il prezzo purtroppo è ancora alto.

– Stiamo ancora discutendo, aggiunge.

sosterrà l’indagine

Stoltenberg ha anche affermato che la NATO sosterrà un’indagine internazionale sulle vite dei civili scomparsi dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

– Condanniamo l’orribile uccisione di civili a Potsja e in altri luoghi recentemente liberati dalla Russia. Tutti i fatti devono essere portati al tavolo dei negoziati, i responsabili devono essere ritenuti responsabili e gli alleati supportano un’indagine internazionale.