Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Putin ha spostato gli occhi su questo paese?  – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Putin ha spostato gli occhi su questo paese? – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Se visitate Tbilisi in questi giorni è impossibile non notare due cose.

Primo: manifestazioni violente e scontri di piazza con la polizia.

Secondo: un enorme palazzo moderno sul fianco della montagna. È stato completato dal famoso architetto giapponese Shin Takamatsue appartiene all’uomo più ricco della Georgia, Bidzina Ivanishvili.

Sia il palazzo che le battaglie di strada sono un buon simbolo dello status che Ivanishvili ha oggi in Georgia.

Sebbene non sia né Primo Ministro né Presidente, tutti sanno che è lui a tirare le fila.

vagabondo. Residenza e alloggio di Bidzina Ivanishvila nella capitale georgiana, Tbilisi

Foto: Vadim Klushko

“Il partito occidentale globale”

Lunedì di questa settimana, Ivanishvili ha fatto una gita fuori dal palazzo per rivolgersi ai suoi sostenitori.

Ha indicato gli outsider – il “partito globale dell’Occidente” – come gli istigatori della guerra della Georgia contro la Russia nel 2008. Ha anche affermato che le stesse potenze mondiali hanno usato l’Ucraina come una pedina nel loro gioco quando è finita in un conflitto armato. con la Russia. Sia nel 2014 che nel 2022.

Questo era il messaggio principale di Ivanishvili. In risposta alle violente manifestazioni di Tbilisi delle ultime settimane contro la legge che definisce “agenti stranieri” le organizzazioni che ricevono più del 20% del sostegno finanziario dall’estero.

Bidzina Ivanishvili

Tiro potente. Bidzina Ivanishvili sul podio di Tbilisi, il 29 aprile 2024, mentre lanciava forti attacchi contro i manifestanti contro la nuova legge sui clienti.

Foto: AP

Ivanishvili ritiene che questi “agenti” stiano ancora una volta cercando di spingere la Georgia nel conflitto.

Ancora una volta, le immagini della polizia che combatte contro i manifestanti hanno attirato l’attenzione del mondo su questo piccolo ma strategicamente importante paese nella regione del Caucaso.

È semplice come chiedersi se il Paese debba rivolgersi a ovest o rafforzare i vecchi legami con Mosca?

Tbilisi - presentazione

sanguinante. Molte persone sono rimaste ferite nei violenti scontri avvenuti nelle ultime settimane nella capitale georgiana, Tbilisi.

Foto: Reuters

Posizione strategica

La fascia costiera verso il Mar Nero, dove la Russia sta conducendo una guerra di vita o di morte contro l’Ucraina. Confina a nord con la Turchia, l’Azerbaigian e, non ultima, la Russia.

I 3,7 milioni di abitanti della Georgia vivono in una parte del mondo dove la grande politica raramente viene messa da parte.

Non è difficile capire che ciò che accade nelle strade di Tbilisi è seguito da vicino sia in Europa che a Mosca.

Proprio come molti in Ucraina hanno visto la rivolta di Maidan nell’inverno 2013-2014 come una scelta tra l’Europa e la Russia di Putin, i manifestanti a Tbilisi credono di combattere ora per la stessa cosa.

Credono che il partito al potere Sogno georgiano, fondato e di fatto guidato dall’uomo d’affari Ivanishvili, farà la stessa cosa che il presidente ucraino filo-russo, Viktor Yanukovich, voleva fare con il suo paese 10 anni fa: avvicinarsi alla Russia e a Vladimir Putin. .

Polpo

A getto d’inchiostro. I manifestanti a Tbilisi credono che Bidzina Ivanishvili governi la Georgia con le braccia di polpo.

Foto: AP

Da Boris a Bidzina

Quando Ivanishvili tornò dalla Russia in Georgia nel 2003, aveva il nome russo “Boris” e possedeva enormi ricchezze provenienti da banche e beni immobili, soprattutto nella capitale russa, Mosca.

Innanzitutto, si alleò con Mikheil Saakashvili, che guidò la rivoluzione in Georgia nel 2003, e in seguito fu eletto due volte presidente del paese.

Ma un tentativo fallito nel 2008 di restaurare la repubblica separatista dell’Ossezia del Sud ha messo le due parti in rotta di collisione.

Saakashvili e Ivanishvili

Tempi migliori. Dal 2004 al 2008, la relazione tra Mikheil Saakashvili e Bidzina Ivanishvili ha avuto successo.

Foto: Agenzia France-Presse

Nel 2012 Ivanishvili ha formato il proprio partito e già alle elezioni parlamentari dello stesso anno il “sogno georgiano” ha ottenuto la maggioranza.

L’anno successivo Saakashvili lasciò la Georgia, al termine del suo secondo mandato presidenziale.

Il “sogno georgiano” avrebbe continuato a lavorare verso l’adesione all’Unione Europea e alla NATO, ma avrebbe assunto una posizione più conciliante nei confronti della Russia.

Il partito ha aperto, tra l’altro, l’esportazione di pinne verso il grande paese confinante a nord. È molto importante per l’economia georgiana e offre opportunità di lavoro, soprattutto nelle campagne.

Ciò ha creato forti reazioni tra coloro che temono che la Grande Russia colpirà quella che è stata una colonia di Mosca per quasi 200 anni.

Saakashvili è in prigione

Dopo una parentesi nella politica ucraina, Mikheil Saakashvili è tornato in Georgia nel 2021. È poi finito direttamente in prigione, accusato di abuso di potere durante la sua presidenza.

Sta scontando una pena detentiva di sei anni.

Mikheil Saakashvili

prigione. Questa foto di Mikheil Saakashvili è stata scattata nell’ospedale della prigione il 1 febbraio 2023. È stato imprigionato per quasi due anni e mezzo e sta scontando una pena di sei anni.

Foto: Reuters

Ora la disputa riguarda una nuova legge che definirà “agenti stranieri” le organizzazioni che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero.

Si tratta dello stesso tipo di legge introdotta per la prima volta in Russia nel 2014 e che molti credono sia stata l’inizio dello sviluppo di cui vediamo il risultato oggi: un’armonia quasi completa della società russa.

La nuova legge ha superato due udienze e un voto nel Parlamento georgiano. Gli oppositori la chiamano “legge russa”.

A rischio l’appartenenza all’Ue?

La legge potrebbe creare problemi anche alla Georgia e, in teoria, al sogno di Ivanishvili di entrare nell’Unione Europea e nella NATO. Lo ha confermato giovedì anche il direttore della Commissione per l’integrazione dell’Unione europea, Jan Koopman.

Il nuovo disegno di legge sarà esaminato in una terza udienza, possibilmente a metà maggio. I sostenitori di Ivanishvili nel “sogno georgiano” godono di una netta maggioranza in Parlamento.

E con la retorica che il protagonista usa adesso, non c’è dubbio che la legge verrà approvata.

Ma ciò che è incerto è quali saranno le conseguenze per l’ulteriore sviluppo di questo paese strategicamente importante nella regione del Caucaso.

In ottobre si terranno le elezioni parlamentari, nelle quali Ivanishvili e il Sogno georgiano potrebbero perdere la maggioranza.

Ma potrebbero succedere molte cose prima di allora. Molte persone in Russia e in Occidente presteranno probabilmente molta attenzione a ciò che accadrà nelle strade di Tbilisi nelle prossime settimane.



03.05.2024 alle 17.06

READ  SAS segue la lista nera dell'Ucraina - rimuove tutti i prodotti da Freia - E24