Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Quarta acquisizione dalla quotazione | Finansavisen

Il gruppo Link Mobility Holding ha stipulato un accordo per acquisire una quota dell’81,4% nell’operatore mobile italiano AMM, ha annunciato la società nella tarda serata di lunedì.

L’accordo riguarda 6.351.815 azioni e il prezzo è concordato in € 2,40 per azione. Pezzo. Ciò corrisponde a circa 152,8 milioni di NOK, un premio del 19,4% al prezzo di chiusura delle azioni AMM il 26 aprile.

Sarà regolato circa il 40 percento delle azioni LINK.

L’accordo stima AMM a circa 18,7 milioni di euro, circa 187 milioni di corone.

3.500 clienti aziendali

Allo stesso tempo, LINK lancerà un’offerta obbligatoria per le restanti azioni di AMM. Il prezzo di offerta è lo stesso, a 2,40 euro ciascuno. Azione. Inoltre, LINK sta facendo un’offerta volontaria di € 0,80 ciascuno. Diritto di sottoscrizione in 146.475 abbonamento diritto dovuto.

AMM è stata fondata nel 2008 e costituita in Italia nel 2019. L’azienda opera nel settore del mobile marketing e della pubblicità online, con prodotti come SMS, email e servizi di chatbot, e oggi conta quasi 3.500 clienti corporate in Italia.

L’81% di LINK ha stipulato un accordo, rilevato da imprenditori AMM e precedentemente acquisito dalla stessa AMM.

400 milioni di dollari

Con l’acquisizione, LINK diventerà, secondo quanto riferito, un attore leader nel mercato italiano all’interno delle piattaforme di comunicazione CPaaS come servizio.

La società aggiunge che continua ad attuare la sua strategia dichiarata di fusioni e acquisizioni (M&A) con l’acquisizione, e questo è il quarto accordo dalla quotazione nell’ottobre dello scorso anno.

In precedenza, LINK si assicurava il servizio WebSMS austriaco, Dutch Tismi e Danish MarketingPlatform. Si prevede che questi tre, oltre all’AMM italiano, contribuiranno al reddito annuo di poco più di 40 milioni di euro, ovvero quasi 400 milioni di corone.

READ  Wall Street ha chiuso in rosso: mercoledì le azioni di Robinhood sono diventate le maggiori vincite