Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Queste cinque città indicano l’inquinamento atmosferico

Il cambiamento climatico è diffuso, rapido e intenso e alcune tendenze sono ormai irreversibili, almeno nel periodo attuale, secondo l’ultimo rapporto dell’International Panel on Climate Change (IPCC), pubblicato lunedì.

Il cambiamento climatico causato dall’uomo sta già colpendo molti estremi climatici in tutte le regioni del mondo. Anche i ricercatori stanno seguendo l’esempio cambiamenti nell’intero sistema climatico sulla Terra; Nell’atmosfera, mare, iceberg e terra.

Molti di questi cambiamenti non hanno eguali e alcuni sono ora in corso, mentre altri, come il continuo innalzamento del livello del mare, sono già “irreversibili” da secoli o millenni, sempre drittoe Il rapporto avverte.

Ma c’è ancora tempo per frenare il cambiamento climatico, IPCC Gli esperti dicono. Riduzioni forti e prolungate delle emissioni di anidride carbonica e altri gas serra potrebbero migliorare rapidamente la qualità dell’aria e le temperature globali potrebbero stabilizzarsi in 20-30 anni.

Il simbolo rosso dell’umanità

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che il rapporto del gruppo di lavoro non è inferiore a “simbolo rosso dell’umanità. I campanelli d’allarme sono assordanti e le prove sono indiscutibili. “

Ha osservato che il minimo concordato a livello internazionale di 1,5 gradi al di sopra dei livelli preindustriali del riscaldamento globale era “pericolosamente vicino. Abbiamo il rischio imminente di raggiungere 1,5 gradi a breve termine. L’unico modo per evitare di superare questa soglia è intensificare i nostri sforzi e segui il percorso più rivoluzionario.” ambizioso.

Dobbiamo agire con decisione ora per mantenere in vita 1.5. “

In una risposta dettagliata al rapporto, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha affermato che le soluzioni sono pronte. “Un’economia inclusiva e verde, prosperità, aria pulita e una salute migliore sono possibili per tutti, se rispondiamo a questa crisi con solidarietà e coraggio.“, Egli ha detto.

Ha aggiunto che prima della cruciale conferenza sul clima COP26 a Glasgow a novembre, tutti i paesi, in particolare le economie avanzate del G-20, dovevano aderire all’alleanza a emissioni zero e rafforzare le loro promesse di rallentare e invertire il riscaldamento globale e dare alcuni contributi al miglioramento esso. National Level (NDC)” che descrive i passaggi dettagliati.

artigianato umano

il rapportoRaccolti da 234 ricercatori provenienti da 66 paesi, affermano che l’influenza umana ha riscaldato il clima a un ritmo senza precedenti per almeno 2000 anni.

Nel 2019, le concentrazioni di anidride carbonica atmosferica sono state più alte che mai. Almeno 2 milioni di anniLe concentrazioni di metano e protossido di azoto erano più alte che in qualsiasi altro momento negli ultimi 800.000 anni.

Le temperature della superficie terrestre sono aumentate più velocemente dal 1970 che in qualsiasi altro periodo di almeno 50 anni ultimi 2000 anni. Ad esempio, la temperatura nell’ultimo decennio (2011-2020) ha superato di diversi secoli la temperatura nell’ultimo periodo caldo, Circa 6500 anni fa, si riferisce alla relazione.

READ  L'Artico e la nazione dell'Unione Europea

Nel frattempo, dal 1900 il livello medio globale del mare è aumentato più rapidamente che in qualsiasi secolo precedente. Almeno 3000 anni fa.

Il documento mostra che le emissioni di gas serra dovute all’attività umana sono responsabili di circa 1,1 °C nel riscaldamento tra il 1850-1900 e rileva che le temperature medie nei prossimi 20 anni dovrebbero raggiungere o superare 1,5 °C.

il tempo sta finendo

I ricercatori del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici avvertono che il riscaldamento globale di 2 gradi Celsius sarà superato durante il 21° secolo. A meno che non ci siano tagli rapidi e profondi delle emissioni di anidride carbonica e altri gas serra nei prossimi decenni, devono raggiungere gli obiettivi del 2015. Barisaftal “Sarebbe irraggiungibile”.

La valutazione si basa su dati migliorati sul riscaldamento storico, nonché sui progressi nella comprensione scientifica della risposta del sistema climatico alle emissioni causate dall’uomo.

“È chiaro da decenni che il clima sulla Terra sta cambiando e il suo ruolo come influenza umana sul sistema climatico è indiscutibile”, ha affermato Valerie Mason-Delmott, presidente dell’Intergovernmental Panel on Climate Change. “Tuttavia, il nuovo rapporto riflette anche importanti sviluppi nella scienza dell’attribuzione: comprendere il ruolo del cambiamento climatico nell’intensificazione di specifici fenomeni meteorologici e climatici”.

gravi cambiamenti

Gli esperti rivelano che le attività umane influenzano tutti i principali componenti del sistema climatico, alcuni interagiscono per decenni e altri per secoli.

I ricercatori notano anche che le prove dei cambiamenti in condizioni estreme come ondate di calore, forti piogge, siccità e cicloni tropicali sono state rafforzate e le attribuiscono all’influenza umana.

Aggiungono che molti cambiamenti nel sistema climatico sono amplificati nella loro relazione diretta con l’aumento del riscaldamento globale.

Ciò include l’aumento della frequenza e dell’intensità delle temperature estreme, delle ondate di calore marino e delle piogge torrenziali; siccità agricola e ambientale in alcune aree; la proporzione di cicloni tropicali gravi; Oltre al calo del ghiaccio marino artico, del manto nevoso e del permafrost.

Il rapporto chiarisce che, sebbene i fattori naturali modulino i cambiamenti causati dall’uomo, specialmente a livello regionale e nel breve termine, avranno scarso effetto sul riscaldamento globale a lungo termine.

Un secolo di cambiamenti ovunque

Gli esperti dell’IPCC stimano che il cambiamento climatico aumenterà in tutte le regioni nei prossimi decenni. Per il riscaldamento globale di 1,5°C, ci saranno maggiori ondate di calore, stagioni calde più lunghe e stagioni fredde più brevi.

Con un riscaldamento globale di 2°C, è probabile che le temperature estreme raggiungano soglie di tolleranza critiche per l’agricoltura e la salute.

READ  Il consiglio del gruppo di esperti viene seguito: c'è spazio per di più

Ma non è solo questione di temperatura. Ad esempio, il cambiamento climatico porta a un’intensificazione della produzione naturale di acqua: il ciclo dell’acqua. Ciò porta a forti piogge e inondazioni associate, oltre a esacerbare la siccità in molte aree.

Colpisce anche i modelli di pioggia. A latitudini più elevate, è probabile che le precipitazioni aumentino, mentre si prevede che diminuiscano in gran parte delle regioni subtropicali. Il rapporto avverte che sono previsti cambiamenti nei modelli stagionali delle precipitazioni, che varieranno da regione a regione.

Inoltre, le aree costiere sperimenteranno un continuo innalzamento del livello del mare per tutto il ventunesimo secolo, contribuendo all’aumento della frequenza e dell’intensità delle inondazioni costiere nelle aree basse e dell’erosione costiera.

Eventi a livello del mare estremo da prima È successo una volta ogni 100 anni e potrebbe accadere ogni anno verso la fine di questo secolo.

Il rapporto rileva inoltre che l’aumento del riscaldamento intensificherà lo scioglimento del permafrost, la perdita del manto nevoso stagionale, lo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali e la perdita del ghiaccio marino artico in estate.

I cambiamenti negli oceani, tra cui il riscaldamento, le ondate di calore marino più frequenti, l’acidificazione degli oceani e la diminuzione dei livelli di ossigeno, stanno influenzando sia gli ecosistemi marini che le persone che dipendono da essi e continueranno per qualche tempo a venire. meno il resto di questo secolo.

Espanso nelle città

Gli esperti avvertono che per le città, alcuni aspetti del cambiamento climatico potrebbero essere amplificati, come il caldo e le inondazioni dovute a forti piogge e l’innalzamento del livello del mare nelle città costiere.

Inoltre, i ricercatori dell’Intergovernmental Panel on Climate Change avvertono che non si possono escludere esiti a bassa probabilità, come il crollo delle calotte glaciali o cambiamenti improvvisi nella circolazione oceanica.

mitigare i cambiamenti climatici

“La stabilizzazione del clima richiederà riduzioni forti, rapide e sostenibili delle emissioni di gas serra, e il raggiungimento di emissioni nette di anidride carbonica pari a zero. Ridurre i gas serra e altri inquinanti atmosferici, in particolare il metano, può avere benefici per la salute e il clima, ha affermato Panmao Chai, copresidente del Gruppo di lavoro I dell’IPCC.

Il rapporto afferma che da un punto di vista scientifico-fisico, limitare il riscaldamento globale causato dall’uomo a un certo livello richiede la riduzione delle emissioni cumulative di anidride carbonica, raggiungendo almeno le emissioni nette di anidride carbonica, insieme a forti riduzioni di altre emissioni. dei gas serra.

“Riduzioni forti, rapide e sostenibili delle emissioni di metano limiteranno anche l’effetto di riscaldamento dovuto alla riduzione dell’inquinamento da aerosol”, hanno sottolineato i ricercatori dell’IPCC.

Informazioni sull’IPCC

L’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) è l’organismo delle Nazioni Unite per la valutazione delle scienze relative al cambiamento climatico. Creato dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Programma delle Nazioni Unite per l’ambientee l’Organizzazione Meteorologica Mondialelegge sull’assistenza sociale) nel 1988 per fornire ai leader politici valutazioni scientifiche periodiche del cambiamento climatico e dei suoi impatti e rischi, nonché per suggerire strategie di adattamento e mitigazione.

READ  Recensione del film "Ghostbusters: Afterlife": fantasmi autodistruttivi - VG

Nello stesso anno, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato l’azione intrapresa dall’OMM e dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) per istituire congiuntamente il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici. Comprende 195 Stati membri.

Migliaia di persone in tutto il mondo contribuiscono al lavoro del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici. Per i rapporti di valutazione, i ricercatori dell’IPCC concedono volontariamente del tempo per valutare le migliaia di articoli scientifici pubblicati ogni anno per fornire un riassunto completo di ciò che è noto sui driver del cambiamento climatico, sulle sue conseguenze e sui rischi futuri e su come l’adattamento e la mitigazione possono ridurli. rischio.

“per i nostri occhi”

Diversi recenti disastri climatici, tra cui devastanti inondazioni nella Cina centrale e nell’Europa occidentale, hanno catturato l’attenzione del pubblico come mai prima d’ora, ha suggerito Inger Andersen, direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente.

“Come cittadini, come aziende e come governi, siamo ben consapevoli del dramma”, ha detto. Il dramma c’è, lo abbiamo visto e sentito in tutti i telegiornali. E questo è tutto Dobbiamo capire che l’espressione di ciò che dice la scienza appare davanti ai nostri occhiE, naturalmente, questo ottimo rapporto mostra apparentemente questi scenari e ci dice, se non agiamo, quali sono i possibili risultati, o se agiamo, qual è un ottimo risultato. “

L’adattamento climatico è fondamentale

Nonostante l’urgenza della riduzione del clima, il presidente dell’OMM Peter Taalas ha affermato che “è essenziale prestare attenzione all’adattamento climatico”, poiché il cambiamento climatico negativo persisterà per decenni, e in alcuni casi migliaia di anni.

Un potente modo per adattarsi Investi in allerta precoce, meteo e acqua“, E quindi.” Solo la metà dei 193 membri dell’organizzazione dispone di tali servizi, il che significa maggiori perdite umane e finanziarie. Abbiamo anche gravi lacune nelle reti di monitoraggio meteorologico e idrologico in Africa, in alcune parti dell’America Latina e negli Stati insulari del Pacifico e nei Caraibi, che hanno un impatto negativo significativo sull’accuratezza delle previsioni meteorologiche in queste regioni, ma anche in tutto il mondo. Globalismo.

“Il messaggio del rapporto IPCC è molto chiaro: dobbiamo alzare l’asticella dell’ambizione”.