Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Questo rifugio provoca mal di testa in UiO

La sala del santuario del Museo di Storia Naturale è piena fino all’orlo di animali rari per l’alcol. La pulizia è necessaria? La Protezione Civile e il Dipartimento Immobiliare non rispondono con la stessa risposta.

Tirare in tempo: La protezione civile comprende che ciò potrebbe richiedere tempo, spiega il dipartimento immobiliare e direttore John Scoggin due anni dopo che la protezione civile ha perquisito il santuario al Museo di storia naturale.


Foto: Ola James Sather

Il direttore dell’università Arne Benjaminsen ha dichiarato a Uniforum la scorsa settimana che l’UiO ha 24 rifugi operativi. Oggi, le stanze sono utilizzate per cose completamente diverse, come archivi, magazzini e sale fitness, ma, secondo UiO, possono essere pulite entro 72 ore, in linea con le normative dei rifugi.

Tuttavia, l’università ha più rifugi che rifugi “operativi”, come ammette poi l’UiO.

La “collezione di liquori” di NHM, una collezione di migliaia di anfibi e rettili conservati in etanolo, si trova in una stanza secondo Research Journal Apollo Ha le dimensioni di un mini campo da calcio per bambini. Stanza rimossa dalla panoramica dei rifugi UiO. Lo stesso vale per l’orfanotrofio di Chateu Neuf.

Rifugio in UiO
UiO ha 24 shelter operativi. In caso di emergenza, lo stato di emergenza deve essere raggiunto entro 72 ore, secondo Regolamento rifugi. fonte: UiO.no

Questo è quanto dicono i regolamenti:
§1 “I rifugi sono definiti come rifugi permanenti destinati a proteggere la popolazione dai danni durante la guerra”.
§10 “Il proprietario e l’utente della stanza di ricovero deve mantenere la stanza ed è responsabile della sua preparazione per l’uso di emergenza.”

a Relazioni del Parlamento “La sicurezza sociale in un mondo non sicuro” Dal 2020, è stato riferito che il governo sostituirà il programma di ricovero esistente con un nuovo programma per alloggi sicuri. Questo serve per adattare le misure di sicurezza all’attuale quadro delle minacce.
Sottolinea che fino a quando non sarà sviluppato un possibile nuovo schema, si applicheranno le norme esistenti sulla manutenzione dei rifugi Protezione Civile.

Ha ricevuto un’esenzione orale

Motivo di asilo La casa di Robert Collette (Museo di Zoologia) non è nella panoramica dell’UiO, perché non può essere preparata entro 72 ore, come riportato da UiO Uniforum.

– Abbiamo un buon dialogo con la Protezione civile su questo argomento, e il Dipartimento della proprietà insieme a NHM è in procinto di attrezzare la stanza, scrive in una e-mail il Dipartimento delle comunicazioni.

Nel corso di un sopralluogo nel 2019, il Dipartimento Immobiliare ha ricevuto un mandato verbale per rendere operativo questo rifugio, senza una scadenza speciale. Pertanto, la Protezione civile comprende che ciò potrebbe richiedere del tempo, conferma il Dipartimento immobiliare in un’altra e-mail.

READ  Caos natalizio: la lista di controllo di 3 settimane è nel caos poiché i paesi possono diventare rossi in qualsiasi momento | Politica

Il manager immobiliare John Scoggin non stimerebbe quanto tempo potrebbe volerci.

– Quanto tempo ci vuole per preparare la stanza? Nel migliore e nel peggiore dei casi?

– UiO ha procedure annuali per verificare lo stato dei nostri rifugi. Stiamo lavorando per riavere gli ultimi due rifugi al fine di soddisfare i requisiti di preparazione entro 72 ore. È troppo presto per dire quanto tempo durerà questo lavoro.

Vuoi scusarti con il personale di NHM per non aver potuto utilizzare il loro rifugio?

UiO segue leggi e regolamenti e siamo spiacenti di avere due rifugi che non sono in buone condizioni. Stiamo lavorando per correggere questoscrive il gestore immobiliare.

La guerra in Ucraina è un argomento nelle discussioni con NHM sulla questione?

– In connessione con la guerra in Ucraina, il dipartimento immobiliare ha ricevuto alcune richieste da parte di dipendenti e altri sul luogo di rifugio dell’UiO. Quindi abbiamo pubblicato una panoramica dei rifugi UiO, su cui Uniforum ha già discusso in precedenza. Come ho detto, abbiamo una revisione annuale dei rifugi, indipendentemente dalla situazione globale, scrive Skogen.

L’obiettivo era quello di avere la stanza pronta entro il 2020

Due anni fa, a febbraio 2020, il Dipartimento Immobiliare della Protezione Civile stimava che il rifugio potesse essere pronto entro l’estate dello stesso anno. Da una mail risulta che Uniforum è stato consultato dalla Direzione Per la sicurezza pubblica e la preparazione alle emergenze, dopo che l’UiO ha dichiarato che la stessa email è esclusa dall’accesso pubblico.

Scrive un rappresentante del Dipartimento Immobiliare della Protezione Civile:

“Oh, Ron! Come concordato, ti manderò la valutazione dello stato del santuario presso il Museo Zoologico dell’Orto Botanico dell’UiO, in modo che tu possa inserirla nel tuo archivio. Come probabilmente vedrai, ci sono un numero di incongruenze che devono essere corrette e non sarà economico … Quindi ora sto lavorando a un piano per colmare tutte queste incongruenze. L’obiettivo è rendere operativo questo rifugio entro l’estate. Quando questo lavoro sarà completato, io ho intenzione di inviare un rapporto anche su questo. Spero che questo sia a posto”.

quello che è successo? E perché UiO si perde così tanto nella stima del tempo?

La risposta iniziale del dipartimento immobiliare all’indagine di Uniforum di giovedì mattina è che non hanno l’opportunità di rispondere “al più presto fino a domani”. Quindi Uniforum ha scelto di lasciare le domande senza risposta.

READ  Dibattito, Turmod Knutsen | Buona politica conservatrice? Sostenibilità a lungo termine?
Collezione preziosa: – Il piano a lungo termine consiste nell’introdurre oggetti in nuove riviste che si adattino alle nostre collezioni, afferma Jon Lønnve, capo del dipartimento dell’NHM, sui contenuti del rifugio del museo. Spiega che a breve termine non ci sono piani per il reinsediamento. (Foto d’archivio: Yngve Vogt/Apollon)

Il rifugio sarà smantellato

All’inizio degli anni 2000, l’UiO ha chiesto il permesso di rimuovere lo status di santuario della camera. Il gestore della struttura non risponde sì o no alla domanda di Uniforum se è vero che l’UiO è stata respinta:

“Abbiamo fatto una richiesta nel 2005, ma né NHM né EA hanno trovato alcuna risposta/disapprovazione per questo”, ha scritto.

Secondo la nota di ispezione, nel 2019 è stata condotta un’ispezione della protezione civile del rifugio perché il proprietario “voleva chiarimenti sulla disposizione delle aree e sullo stato operativo del locale”.

La Protezione civile ha sottolineato nella nota che il locale è attrezzato e costruito come rifugio e deve essere mantenuto.

Inoltre, si indica che i rifugi esistenti devono essere mantenuti e mantenuti in condizioni operative e che ciò è responsabilità del proprietario.

Protezione Civile: – La nota è la nostra risposta all’UiO

Nel marzo 2022 la sala era ancora inagibile.

UiO ha spiegato a Uniforum che il dipartimento immobiliare nel 2019 ha ricevuto una “dispensa orale per rendere operativo questo rifugio, senza una scadenza speciale” e che la Protezione civile aveva “comprensione che ciò potrebbe richiedere del tempo per risolverlo”.

Uniforum ha contattato la Protezione civile per conferma. Jon Berntsen, capo del distretto di Oslo e del distretto della protezione civile di Akershus, prende atto di ciò che l’UiO ha ricevuto per iscritto.

– Può confermare che la Protezione Civile ha concesso tale esenzione verbale e di essere a conoscenza che il rifugio non è ancora operativo?

La nota dopo l’ispezione è la nostra risposta all’UiO, afferma Berntsen.

– La risposta dell’UiO a Uniforum lascia l’impressione che la Protezione Civile ritenga “bene” che ci voglia tempo per ottenere questo rifugio?

Nulla è stato menzionato su di lei nella nota. D’altra parte, il responsabile dell’area afferma che il tempo di preparazione di 72 ore è ciò che controlla l’utilizzo della stanza.

Non posso muovermi velocemente
La nostra sfida principale è che abbiamo bisogno di nuove riviste, afferma il capo della divisione John Lonphy di NHM. (Foto: Per Aas/NHM)

È stupido mettere cose fragili in una stanza del genere

Ma perché NHM ha riempito il rifugio di contenuti non trasferibili?

Uniforum pone la domanda al Direttore del Dipartimento John Lonphy del Dipartimento di Tecnologie per la Conservazione e la Ricerca del Museo.

– Non so perché, ma il gruppo esiste dal 1970. Poi è stata scavata una nuova cantina sotto casa ed è stato costruito il rifugio. Quindi puoi dire che è stupido mettere cose fragili in una stanza del genere. dice Lonvi, ma ora ci sono.

READ  Suggerimenti sull'hotel - Non dimenticarlo

– NHM ha in programma di cambiare questo?

La nostra sfida principale è che abbiamo bisogno di nuove riviste, che è anche una priorità nel piano generale immobiliare di UiO. Quindi il piano a lungo termine è quello di spostare le cose in nuove riviste che si adattino alle nostre collezioni. Inoltre, conservarlo in un deposito come ora non è ottimale.

– A breve, non hai in programma di spostare il contenuto del rifugio?

– No, non ce l’abbiamo, dice Lønnve e afferma che ciò di cui è responsabile è il contenuto della stanza e non la stanza stessa e il suo posto come rifugio.

Cosa fanno i lavoratori del museo in caso di un’improvvisa necessità di riparo?

In caso di crisi, la vita e la salute vengono prima di tutto. Allora le cose sono diverse. In teoria, questa camera può anche essere svuotata entro 72 ore. Ma contiene cose fragili e la maggior parte di esse sarà distrutta.

– È come spostare navi vichinghe

Un anno e mezzo fa, nell’ottobre 2020, le cosiddette collezioni umide a casa di Colette sono state oggetto di un briefing in materia di salute, ambiente e sicurezza presso l’Ente del Museo. a protocollo Afferma: “Un ulteriore punto è che il rifugio di Collets è ora utilizzato come deposito per le raccolte umide. A NHM è stato ordinato di svuotare questa stanza in modo che potesse essere facilmente utilizzata come rifugio. Il caso deve essere indagato. Il vapore di etanolo viene misurato due volte al giorno. Finora, non sono stati ottenuti risultati per quanto riguarda queste misurazioni”.

– Si misura ancora il vapore di etanolo?

– Viene continuamente misurato e finora non ci sono state eruzioni cutanee. Lønnve spiega che è tutta una questione di sicurezza antincendio, dato il contenuto della stanza.

– Sarebbe teoricamente possibile svuotare la stanza in 72 ore e usarla come riparo?

– Sì. Il rischio associato allo svuotamento della stanza è che il gruppo venga poi distrutto. È come spostare le navi vichinghe. Può anche essere spostato entro 72 ore, ma non senza distruggerlo. Queste sono le nostre navi vichinghe, come sottolinea il comandante della divisione.

C’è un rischio di incendio significativo associato a questa stanza?

– Ci sarà sempre un pericolo di incendio associato alle cose immagazzinate nell’etanolo. Qui seguiamo i nostri regolamenti.

pubblicato 25 marzo 2022 5:40