Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Qui ci spostiamo dalla tomba alla culla – E24

Nell’edizione di quest’anno del programma di accelerazione di Equinor & Techstars Energy, tre società ricevono supporto da Equinor per continuare a sviluppare le loro idee. Uno dei fondatori vuole trasferirsi dall’Italia alla Norvegia per aprire un innovativo impianto di polverizzazione nella Norvegia occidentale.

Da sinistra: Matteo Vanazzi, Luisa Elena Mondora e Daniele Brambilla della startup italiana f3nice (si pronuncia Fe-niche)

f3nice / clicca sull’immagine

Pubblicato: Pubblicato:

L’anno scorso, il mercato delle valvole era, per usare un eufemismo, volatile, quindi abbiamo pensato che avremmo dovuto trovare qualcos’altro se il prezzo del petrolio non fosse risalito, afferma Louisa Elena Mondora, direttore generale e co-fondatrice di The Start -up company f3nice (pronunciato Fe-niche), In una video intervista con E24.

Mondora è “attualmente” il Direttore Generale della Valland Family Company. Con circa 40 milioni di euro di fatturato annuo e 50 dipendenti, produce valvole per l’industria petrolifera e del gas da edifici situati sul Lago di Como nel nord Italia. Sia ConocoPhillips che Aker BP sono clienti elencati.

Nel bel mezzo della crisi Corona, lei ei suoi partner Matteo Vanazzi e Daniel Brambella iniziano a sviluppare una nuova idea. Nell’azienda di famiglia, avevano già lavorato con la stampa 3D, ma volevano fare un ulteriore passo avanti.

F3nice ha sviluppato una tecnologia che consente di riutilizzare parti metalliche vecchie o fuori produzione e convertirle in una polvere che può essere utilizzata per la stampa 3D di nuovi componenti. La tecnologia rende il processo più economico e le emissioni inferiori rispetto alle tecnologie attuali.

– Come qualcuno ha detto, andiamo “dalla tomba alla culla”, dice Mondora.

L’azienda è ora classificata come una delle tre startup che riceveranno supporto da Equinor Ventures dopo il round di quest’anno del programma di accelerazione di Equinor & Techstars Energy.

– Questa è una società molto entusiasmante che “controlla tutte le scatole” – l’economia circolare e il taglio di CO2 mentre puoi realizzare un profitto, dice Philip Hanstein, Presidente di Equinor & Techstars Energy Accelerator, a E24.

Leggi anche

Kongsberg Ferrotech stamperà in 3D sott’acqua

NTNU, una startup norvegese, riceve $ 50.000

Un totale di 10 aziende da tutto il mondo sono state selezionate per partecipare al programma di quest’anno, gestito dalla società di progetto Techstars, Equinor, Kongsberg Digital (parte del gruppo Kongsberg) e Capgemini.

Nove sono arrivati ​​al traguardo.

Tutti e tre forniscono professionisti nelle loro organizzazioni per aiutare l’imprenditore e forse investire in loro o diventare clienti.

Equinor ha ora firmato una lettera di intenti per un potenziale pilota industriale per f3nice che verificherà la tecnologia e garantirà che possa essere utilizzata.

Inoltre, Equinor sta offrendo alla Norwegian Ocean Access e alla Canadian Cnergreen $ 50.000 ciascuna (410.000 corone al tasso di cambio attuale) per sviluppare le loro idee.

Consideriamo questa una società molto promettente nei loro campi e attraverso il programma hanno mostrato ottimi progressi. Hanstein dice che quello che portano può aiutare sia Equinor che il resto del settore.

Il software Ocean Access di NTNU ha prosperato, sviluppando sistemi autonomi telecomandati per monitorare le strutture sottomarine utilizzando boe intelligenti.

Ma sono in una fase così precoce che vogliamo dare loro denaro incondizionatamente, in modo che possano sviluppare ulteriormente la loro tecnologia. Poi possono tornare da noi quando fanno un passo avanti, Hanstein continua a parlare delle due società.

Qual è la cosa più importante che gli imprenditori possono imparare se vogliono avere successo in un’azienda come la loro?

Dipende un po ‘dalla maturità delle aziende. Per raggiungerci, devi avere una tecnologia che pensiamo di poter utilizzare e devi essere disposto a collaborare e ad ascoltare, in entrambi i modi.

– Attraverso queste e altre iniziative, vogliamo aiutarli a capire cosa serve per portare al settore, continua.

Philip Hanstein, Direttore, Equinor & Techstars Energy Accelerator

Equinor

Verrà costruita una fabbrica nella Norvegia occidentale

Questa è la prima startup. Probabilmente faremmo degli errori, ma siamo bravi solo a produrre. La nostra sfida, dice Luisa Elena Mondora, è arrivarci.

Dal 2015 è a capo dell’azienda di famiglia che suo padre ha avviato nel 2006, ma dice che il suo fratellino assumerà presto le mansioni quotidiane di gestione aziendale. Lei stessa userà i suoi poteri su f3nice.

Lo dice e i fondatori hanno studiato tutti gli impianti di petrolio e gas che saranno chiusi e rimossi nei prossimi anni e decenni, qualcosa che richiederà un enorme smantellamento e attività di riciclaggio.

Fortunatamente, non solo ti è permesso lasciare le strutture e lasciarle arrugginire nel mare in Norvegia, come vedi altre parti del mondo, Mundora.

Dice che stanno anche dialogando con altri potenziali clienti, ma inizialmente si concentreranno su Norvegia e Danimarca.

Il nostro primo stabilimento sarà a Bergen e forse il secondo a Singapore, semplicemente per la fornitura di metalli usati. Dopodiché, ho intenzione di trasferirmi in Norvegia per un po ‘, dice Mondora.

Dice che essi stessi hanno finanziato la prima produzione di prova condotta prima che Equinor finanziasse il pilota industriale.

Il nostro piano è aumentare il capitale di “Classe A” in autunno, prima di poter firmare accordi e attrezzare l’impianto in Norvegia entro la fine del 2022, afferma Mondora, e afferma di essere anche in dialogo con Innovation Norway.

Come imprenditori, non vogliamo solo vendere, ma piuttosto costruire qualcosa che crei valore per molti anni a venire, continua.

Funziona ampiamente con la stampa 3D

Il concetto di f3nice si adatta ai molti anni di espansione dell’uso della stampa 3D da parte di Equinor. Col tempo, la gigantesca compagnia petrolifera ed energetica spera di essere in grado di stampare in 3D una serie di componenti diversi vicino ai suoi giacimenti di petrolio e gas.

In questo modo, puoi evitare di avere scorte così enormi e costose di pezzi di ricambio e puoi anche risparmiare tempo e denaro quando hai improvvisamente bisogno di un pezzo di ricambio rapidamente.

Equinor ha già stabilito una collaborazione con un ex partecipante norvegese a Techstars chiamato Fieldmade. L’azienda sviluppa impianti di stampa 3D containerizzati.

I fondatori di F3nice affermano che è stato infatti in un incontro con Fieldmade che si sono imbattuti nel programma di accelerazione che avevano seguito. Fieldmade ha contattato Valand per vedere se potevano fornire le materie prime per la loro produzione.

Ciò che f3nice ha sviluppato fa parte della catena del valore di Fieldmade. In Equinor, siamo in magazzini di riserva in cui molte parti “finiscono” e possono utilizzarle per produrre materie prime che possiamo utilizzare per realizzare nuove parti, afferma Hanstein.

Dice che f3nice ha prodotto il loro primo ciclo di “polvere 3D” a febbraio e ora stanno testando le parti stampate di questo.

Prevediamo che potremmo, ad esempio, creare un’intera struttura per questo scopo a Mongstad.

Equinor stabilisce il finanziamento del progetto

Hanstein afferma che la società continuerà a lavorare con più partecipanti al programma di quest’anno e che potrebbe essere correlato a ulteriori investimenti.

– Stiamo lavorando con molti di loro. Ciò può portare a potenziali investimenti o programmi pilota, ma alcune cose richiedono più di 13 settimane, afferma Hanstein, riferendosi alla lunga durata del programma di Techstars.

Dice che Equinor sta ora lavorando a un “pacchetto di strumenti di finanziamento nella fase iniziale”, che sarà lanciato questo autunno.

Questo sarà un sistema che stabilirà alcune gare chiare su come gli imprenditori possono ottenere supporto e investimenti da Equinor.

All’inizio degli anni ’90, Equinor ha iniziato a investire in diverse società commerciali e tecnologiche. L’anno scorso, i due fondi di investimento in Equinor per le nuove tecnologie e l’energia sono stati fusi, rispettivamente, in un’unica unità.

Hanstein afferma che Equinor Ventures ha team sia in Europa che in America.

Nel 2020, abbiamo investito in 15 nuove società e fondi e su 4 investimenti precedenti.

Secondo Hansteen, più di 60 persone provenienti da vari luoghi di Equinor hanno partecipato al programma Equinor & Techstars.

Quindi si tratta anche di “orientamento inverso”, perché ci sono così tanti di noi che sono stati ispirati e hanno imparato da questi incontri. È molto importante per me, oltre a trovare buone opportunità di investimento per il nostro fondo e sviluppare nuove tecnologie, dice.

Leggi anche

Podcast E24: ora la stampa 3D sta decollando e sta conquistando lo scaffale norvegese

Scopri di più sugli imprenditori energetici di Techstars nel podcast E24:

Pubblicato:

READ  Media italiani: questa settimana segna la fine dell'avventura dell'Inter