venerdì, Giugno 21, 2024

Qui la famiglia si riunisce in Norvegia dopo giorni di incertezza in Sudan – NRK Urix – Notizie e documentari dall’estero

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Ibrahim aspettava con ansia di rivedere la sua famiglia, che è stata in Sudan negli ultimi mesi.

E all’improvviso li notò, e tre ragazzini corsero dritti nell’abbraccio dell’orsacchiotto del padre.

Sarà un incontro emozionante per la famiglia di cinque persone.

Stai bene? chiede il padre.

Rimangono in piedi a lungo e si abbracciano nella sala degli arrivi. Finalmente possono tirare un sospiro di sollievo.

La visita della famiglia a Khartoum è cambiata radicalmente quando è scoppiato il conflitto tra la milizia delle RSF e l’esercito.

– La cosa più importante per me è che mio padre stia bene e che lo vedo ora, dice il figlio di 10 anni.

È stato un incontro importante per la famiglia a Gardermoen.

Foto: Knut Are Tornås/NRK

Andare al “freddo” con papà

Il padre di famiglia ha fatto tutto il possibile per far uscire sua moglie, Modilfa Abdel-Said, e i loro tre figli, di 10, 7 e 1,5 anni, dopo lo scoppio dei combattimenti.

Era difficile e stressante pensare che fossero in Sudan, ha detto a NRK.

ho 10 anni Spero che il resto della famiglia residente in Sudan stia bene.

È bello essere di nuovo in Norvegia. Ora lo farò “Freddo” Con mio padre, dice.

La famiglia di Abdel Raouf è riunita a Gardermoen.

Sono stati giorni difficili sia per il padre in Norvegia che per la moglie con figli in Sudan. Oggi possono tirare un sospiro di sollievo.

Foto: Knut Are Tornås/NRK

Com’era la situazione in Sudan?

– tende ad essere un po’ sgradevole, un po’ di sparatorie e cose del genere. Così mio padre ci ha detto cosa fare, per stare calmi.

Leggi anche:

Il figlio più giovane, di 1,5 anni, ha sviluppato la febbre ed è stato portato in un ospedale militare francese a Gibuti.

Abdel Raouf Ibrahim

Il padre di famiglia Abdel Raouf attende con ansia di ricongiungersi alla moglie e ai figli che si trovano in Sudan.

Foto: Knut Are Tornås/NRK

Molti civili sono ancora senza acqua e cibo

Centinaia di persone sono state uccise e migliaia ferite dopo lo scoppio dei combattimenti tra le RSF e l’esercito sudanese il 15 aprile.

molte pagGli ivoriani rimangono intrappolati nelle loro case senza accesso a cibo, acqua pulita o cure mediche.

Khartum, Sudan, 17 aprile 2023.

La capitale del Sudan, Khartoum, è stata duramente colpita dai combattimenti nelle ultime settimane. Qui dal 17 aprile, due giorni dopo lo scoppio del conflitto.

Foto: STRINGER/Reuters

Si dice che le due parti abbiano concordato una tregua che avrebbe dovuto concludersi venerdì sera, ma è stata prorogata di tre giorni. L’accordo è stato negoziato con l’aiuto degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita.

Ascolta anche:


READ  - Deve essere rilasciato immediatamente - VG

More articles

Latest article