Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

R. Kelly è stata condannata a 30 anni di carcere per tratta di esseri umani

Kelly, 55 anni, è stata dichiarata colpevole lo scorso anno di traffico di esseri umani, aggressione sessuale, registrazione di video di abusi sessuali su minori ed estorsioni, ma è in attesa di condanna da più di sette mesi.

I pubblici ministeri hanno richiesto un minimo di 25 anni per le aggressioni, mentre l’avvocato difensore di Kelly, 55 anni, ritiene che Kelly dovrebbe ricevere una pena detentiva di dieci anni o meno. Tuttavia, il tribunale ha emesso una sentenza più severa di 30 anni di reclusione.

Il giudice Ann Donnelly ha letto la sentenza in un’aula di tribunale di Brooklyn mercoledì.

Scopri il documentario

Kelly è stato oggetto di varie indagini per quasi 20 anni, ma è stata la serie di documentari “Surviving R. Kelly” ad attirare davvero l’attenzione sulle accuse contro di lui.

Il processo ha visto diversi ritardi a causa della pandemia e dei cambiamenti relativi alla squadra di difesa di Kelly. È stato arrestato dalla sua incriminazione nel 2019.

Il documentario e il processo sono serviti a dare voce alle vittime che da tempo credevano che le loro storie venissero ignorate perché donne di colore.

– La scintilla della vita si è spezzata

Con la loro rabbia e le lacrime che le rigavano le guance, dissero che R. Kelly li ha perseguitati e ingannato i suoi fan.

Mi hai fatto fare cose che hanno spezzato la scintilla della mia vita. Volevo letteralmente morire per quanto mi rendesse infeliceDisse una donna alla stella. Ha detto che è per sempre traumatizzata dalle sue esperienze adolescenziali.

Una vittima ha detto alla corte che Kelly ha manipolato milioni di fan facendogli pensare che fosse molto diverso dall’uomo che la giuria ha visto.

READ  Kristen Bell: - - Nessuno di noi ti merita

ripristinare la fiducia

Le vittime hanno cercato di essere ascoltate e viste. Ha detto che non siamo più le persone sfruttate che eravamo una volta.

Una terza donna ha affermato che la sentenza le ha ripristinato la fiducia nel sistema giudiziario.

– Ho perso ogni speranza una volta. Ma hai riguadagnato la mia fiducia, ha detto alla corte e all’accusa, dicendo che Kelly si è approfittato di lei quando aveva 17 anni a un concerto.

– Ero spaventata e ingenua e non sapevo come affrontare la situazione, ha detto e spiegato che non l’aveva detto da allora.

– Il silenzio ha aggiunto un luogo molto solitario.

Infanzia dolorosa

R. sab. Kelly guardò con calma il tavolo mentre ascoltava. L’avvocato difensore Jennifer Bunjian ha detto che spera di ribaltare la sentenza quando presenterà un ricorso.

La difesa ha sostenuto che dovrebbe essere rilasciato più facilmente perché ha avuto un’infanzia traumatica, con abusi sessuali gravi e prolungati, povertà e violenza.

Da adulto con una scarsa capacità di leggere, il protagonista è stato più volte, secondo la difesa, ingannato e abusato finanziariamente, spesso da coloro che ha spinto per proteggersi.

Pop star R. Kelly con canzoni di successo come “I Believe I Can Fly” del 1996 e il classico “Trapped in the Closet”, una storia sull’inganno sessuale e la cospirazione.

Voci degli anni ’90

Le accuse di abusi su ragazze hanno cominciato a diffondersi negli anni ’90. Nel 1997, è stato citato in giudizio da una donna che ha affermato di essere stata aggredita sessualmente e molestata da lui quando era minorenne. Successivamente è stato accusato di un altro caso di aggressione, ma è stato assolto nel 2008 e ha raggiunto un accordo con il procuratore generale.

READ  Adolescente sedotta e manipolata - La sua storia ha cambiato la legge francese - NRK Culture and Entertainment

E per tutto il tempo, ha continuato a vendere milioni di dischi.

Durante il processo, è stato rivelato che ha usato il suo ampio entourage di assistenti e manager per intervistare le ragazze e assicurarsi che facessero ciò che aveva detto. Questo ha detto che l’accusa era un’organizzazione criminale.

– Usa la fama

L’accusa ha scritto che Kelly, il cui vero nome è Robert Sylvester Kelly, “ha usato la sua fama, denaro e popolarità per sfruttare sistematicamente bambini e giovani donne per il suo piacere sessuale”.

Diversi testimoni hanno affermato che Kelly li ha spinti a compiere atti perversi e sadici quando erano minorenni, ha ordinato loro di firmare accordi segreti e sono stati minacciati di violenza se avessero infranto le cosiddette “Regole di Robb”. Alcuni di loro hanno affermato di ritenere che i video di se stessi in posizioni sessuali potessero essere usati contro di loro.

R. Kelly ha negato qualsiasi accusa. Non ha parlato durante il processo, ma i suoi avvocati hanno contattato fidanzate e congregazioni offese che non sono state costrette a fare nulla contro la loro volontà e che si sono unite a lui perché sedotte dai benefici che il suo stile di vita ricco offriva loro.