Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Rabbia palestinese contro la polizia israeliana alla Moschea del Profeta – VG

Più rumore: la polizia israeliana armata di fucili in grado di sparare “proiettili di gomma” ha ripulito i terreni del tempio della famosa moschea di Al-Sakhrah e della moschea di Al-Aqsa. Foto: Mahmoud Elyan / Associated Press

Le bandiere di Gerusalemme (VG) sono state sollevate mentre decine di migliaia di persone si sono riunite oggi per celebrare la preghiera del venerdì alla moschea di Al-Aqsa. Nonostante il cessate il fuoco, si sono verificati nuovi scontri con la polizia israeliana.

Pubblicato:

Due settimane fa, la polizia antisommossa israeliana si è scontrata con i manifestanti palestinesi dopo la preghiera del venerdì alla fine del Ramadan. La rabbia che infuriava nel campus palestinese11 giorni di guerra tra Hamas e Israele.

Oggi, tuttavia, migliaia di musulmani sono nuovamente liberi di salire per pregare, senza restrizioni a causa della grande presenza delle forze di sicurezza israeliane.

Quando le preghiere del venerdì si sono concluse, sono scoppiati nuovi scontri.

Secondo un portavoce della polizia israeliana, centinaia di “pietre e bombe incendiarie” sono state lanciate contro le forze di sicurezza. Gli operatori sanitari palestinesi hanno riferito che 15 persone hanno avuto bisogno di cure in seguito, scrive NTB.

sfondo: La scintilla che ha acceso tutto

protezione

È venuto ieri cessate il fuoco Dopo lo scoppio dell’ultima sanguinosa guerra tra Hamas a Gaza e Israele.

Il complesso in cui si trovano la Moschea Al-Aqsa e la Moschea Rocciosa (la Cupola della Roccia) è il terzo sito più sacro per l’Islam sunnita, ma più o meno nello stesso luogo è il sito più sacro del giudaismo, il Muro del pianto (Muro del pianto occidentale) Parete).

READ  Nuove regole di ingresso dal governo: si applicano da lunedì 19 luglio - NRK Norvegia - Panoramica delle notizie da tutto il paese

Il Monte del Tempio è uno dei siti religiosi più controversi al mondo e, dall’occupazione israeliana di Gerusalemme Est nel 1967, è diventato un simbolo del conflitto tra Israele e Palestina.

Oggi, giovani ragazzi ebrei ortodossi vagano tra gli arabi musulmani che si sono precipitati alla preghiera del venerdì alla moschea di Al-Aqsa – uno spettacolo che difficilmente si vede durante i disordini delle ultime settimane, secondo la gente del posto nella Città Vecchia di Gerusalemme Est.

Celebrazione: la bandiera palestinese e Hamas sono state sollevate in aria durante la preghiera del venerdì nella benedetta moschea di Al-Aqsa. I giornalisti occidentali non erano ammessi. Foto: AMMAR AWAD / X90085

Le cose stanno per tornare alla normalità in una città molto tesa.

Ma all’ingresso principale del Monte del Tempio, la polizia israeliana ferma e impedisce ai giornalisti e ad altri di ottenere accessi non autorizzati.

Questo è quanto possiamo arrivare.

La guerra viene distrutta

All’ingresso principale del Monte del Tempio, Samir Sawar, 51 anni, vende pane da più di 30 anni, come faceva suo padre prima di lui.

– Mi sento male. Si tratta di religione, non di politica. Se volevo venire a pregare, allora dovrei andare a pregare, ma quando non mi era permesso, era troppo pesante, dice a VG.

Venditore di pane: Samir Sawaf, 51 anni, vende pane all’ingresso della moschea di Al-Aqsa da 30 anni. Ogni venerdì vede migliaia di ruscelli passare per le strade strette e persino per l’altezza del tempio. Foto: Thomas Nilsson / VG

– La guerra smette di funzionare. Allora non ci sono più negozi.

La sensazione oggi è diversa dalla preghiera del venerdì della scorsa settimana?

Al momento sembra lo stesso, ma tra una settimana o dieci giorni penso che torneremo alla normalità, risponde.

READ  Hanno chiesto la libertà: in primo luogo, Raymond (32) ha perso l'occhio

V-SIGN: Moaz Al-Jouni dice a VG che si muove come al solito e che non ha paura di niente. Le forze di polizia israeliane sono state molto visibili nella Città Vecchia, ma in misura minore rispetto alle ultime settimane. Foto: Thomas Nilsson / VG

Si diffonde dai vivi

Sebbene il conflitto tra arabi ed ebrei in Israele, Gaza e Cisgiordania abbia uno sfondo storico sfaccettato, questa volta è iniziato in un quartiere a poco più di due chilometri dal Monte del Tempio nella Città Vecchia di Gerusalemme.

Sheikh Jarrah È una piccola area di Gerusalemme est controllata dagli arabi. Qui, a metà aprile, è emerso che quattro famiglie palestinesi rischiano di perdere le loro case a causa dei coloni israeliani, a seconda dell’esito della causa.

Bambini: una bambina ha camminato con sua madre attraverso la Città Vecchia di Gerusalemme Est prima dell’inizio delle preghiere del venerdì. Foto: Thomas Nilsson / VG

Scontri tra manifestanti palestinesi e forze israeliane in tutta Gerusalemme.

Quando hanno raggiunto la moschea di Al-Aqsa Quando le forze israeliane non si sono ritirate, sono stati lanciati razzi da Gaza e dal movimento armato di Hamas

Israele ha risposto bombardiere.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sottolineato il diritto di Israele di difendersi, aumentando la pressione internazionale per un cessate il fuoco.

Secondo il ministero della Salute controllato da Hamas, almeno 243 palestinesi, tra cui 66 bambini, sono stati uccisi negli 11 giorni degli attacchi israeliani. Da parte israeliana, 12 sono morti.

Frustrato: Khaled Geith crede che molti siano delusi dal discorso negativo pronunciato dall’imam prima delle preghiere del venerdì, mentre decine di migliaia di persone si sono riunite dopo il cessate il fuoco entrato in vigore ieri. Foto: Thomas Nilsson / VG

È rimasto deluso dal discorso prima della preghiera del venerdì

Fuori dalla Porta di Damasco, uno degli ingressi più trafficati della Città Vecchia di Gerusalemme, le persone accorrono dopo la preghiera del venerdì.

READ  - Quando non volevamo andarcene, ci hanno rinchiuso negli autobus per calmarci

Anche qui è stato precedentemente sospeso dalla polizia israeliana in risposta alle rivolte.

Alcuni mostrano una V per “vittoria”. Altri sono rimasti delusi dal discorso prima della preghiera del venerdì.

– Tutti sono rimasti delusi dall’oratore di Al-Aqsa, perché il suo discorso era lontano dalla Palestina come contesto e la nostra religione ed era lontano dai nostri problemi. Stava parlando solo di cose generali. La gente era arrabbiata con lui, dice Khaled Geith, che VG ha incontrato alla Porta di Damasco.

Cosa ascolteranno le persone?

Lui risponde: “Volevano sapere di Sheikh Jarrah, e volevano sapere della Porta delle Colonne, e volevano sapere di Gerusalemme”.

Il team VG in Israele: il giornalista Erlend Ofte Arntsen e il fotografo Thomas Nilsson. Foto: Thomas Nilsson / VG