Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione: Astrid Sather, “All’ombra di Ibsen”

saggistica

editore:

Gildendale

Anno di pubblicazione:

2022


«Nonostante le nuove fonti, Sæther ripete la vecchia volgarità.»

Vedi tutte le recensioni

Diciamo subito che la maggior parte delle persone sarebbe d’accordo sul fatto che la relazione di Ibsen con le giovani donne fosse attiva e stimolante. È ancora dibattuto fino a che punto abbiano lasciato il segno nei suoi ultimi drammi come “Hoda Gabler”. Tuttavia, non c’è dubbio che l’attenzione oggi sia in primo luogo e soprattutto sulle crisi coniugali e gli scandali sociali creati dalle sue relazioni sentimentali.

Non ultimo per il lavoro di Astrid Satheer. È un’ex direttrice dell’Ibsen Studies Center e ha pubblicato un’autobiografia della moglie del drammaturgo acclamato dalla critica, Susanna. Signora Ibsen. Né i cinema per uomini hanno ignorato il prezzo che la moglie ha pagato per la ricerca di ispirazione di Ibsen, sotto forma di umiliazione, gelosia, pettegolezzi e lunghi soggiorni all’estero.

Tuttavia, le quattro giovani donne che si innamorarono del primogenito Ibsen dal 1889 al 1899 erano ancora avvolte in qualcosa di misterioso. Sebbene abbiano vissuto lunghe vite e abbiano avuto carriere come artiste, scrittrici, femministe e intellettuali, i cinema erano più interessati ai brevi periodi in cui Ibsen ha vissuto innamorata di loro. Sfortunatamente, anche il libro di Sæther su di loro ne è segnato.

Uno dei quattro: il pianista ed educatore norvegese Heldor Andersen conobbe bene Ibsen.  Foto: Gildendale

Uno dei quattro: il pianista ed educatore norvegese Heldor Andersen conobbe bene Ibsen. Foto: Gildendale
Mostra di più

Gli occhi di Ibsen

Questo è particolarmente vero nella sezione sulla pianista austriaca Emily Bardach e sulla ballerina e compositrice svedese Rosa von Wenghof. Ma anche nei ritratti della pittrice e attivista femminista tedesca Helen Raff e del pianista e insegnante norvegese Heldor Andersen, Sather riesce per un breve periodo a liberarsi dal suo rapporto con Ibsen e a valutarlo con un occhio nuovo, svincolato dalle precedenti ricerche di Ibsen. Circa 60 delle 62 pagine che Sæther trascorre su Bardach riguarda i sei mesi in cui è durata la relazione amorosa.

Gli esempi di questa brutale focalizzazione su Ibsen sono purtroppo molti. Il più ovvio è il titolo “All’ombra di Ibsen”. Come può essere pubblicato nel 2022 un libro su quattro donne e artisti indipendenti con questo titolo paterno? All’inizio, Sæther scrive in modo aggressivo che “le donne devono essere messe in risalto”, ma la stessa introduzione si apre e si conclude ponendole all’ombra del genio e dello spirito mondiale di Skien.

La relazione IBSEN: la pittrice e femminista tedesca Helen Raff.  Foto: Gildendale

La relazione IBSEN: la pittrice e femminista tedesca Helen Raff. Foto: Gildendale
Mostra di più

Prima di parlare delle loro vite e del loro lavoro, scrive che “gli incontri con Ibsen sono stati rivoluzionari e fatali per le donne”. Non va sottovalutato il fatto che ci siamo divertiti così tanto a casa mia la scorsa settimana facendo l’uno e l’altro “All’ombra di Ibsen”.

Baci e carezze

Per chi come noi non viene dai cinema Ibsen, non è facile capire come la vita degli altri possa essere descritta quasi esclusivamente alla luce del loro breve e appassionato rapporto con uno scrittore negli anni Sessanta e Settanta. È vero, sappiamo che li inondava di baci e carezze quando erano soli. Satheer suggerisce anche che potrebbe essersi parlato di posizioni sessuali, cioè di ciò che lei chiama gentilmente “preposizioni e tocchi carichi di stress”. Tuttavia, è difficile capire perché i suoi tentativi di promuovere le donne abbiano finito per rendere uguali le famose parole di Ivo de Figueiredo: “Le donne erano un gioco da ragazzi nella sua vita, mentre lui era una tempesta nella loro”.

Piuttosto che seguire le fonti e includere anche le fonti che menzioni, ma in una certa misura sono utilizzate nella tua presentazione, Sæther dipinge immagini molto tradizionali e talvolta tendenziose. Più e più volte, Sather afferma che il destino delle loro vite è stato segnato da un breve corteggiamento in estate, o che l’autunno con Ibsen ha plasmato le loro vite – mentre erano episodi della sua. In diversi luoghi, Sæther sopravvive nella sottomissione e attribuisce loro una mancanza di “spirito del mondo” e una coppia che non è supportata dalle citazioni nelle note.

Young: la pianista austriaca Emily Bardach aveva 18 anni quando ha incontrato Ibsen, 61 anni.  Foto: Gildendale

Young: la pianista austriaca Emily Bardach aveva 18 anni quando ha incontrato Ibsen, 61 anni. Foto: Gildendale
Mostra di più

in esilio

Sono stato particolarmente affezionato alla menzione di Bardash, la “Principessa d’Orange”, come la chiama il cinema. Nacque a Vienna nel 1862, dove suo padre si stabilì dopo aver lasciato il Centro Culturale Ebraico Limberg. Nonostante l’antisemitismo, il padre si affermò come mercante e la figlia trascorse un po’ di tempo in tutta Europa. Alla fine si stabilì in Svizzera perché il paese era neutrale durante la seconda guerra mondiale. Questo potrebbe anche essere stato il motivo per cui non è stata vittima della persecuzione degli ebrei, ma è morta a Berna nel 1955, all’età di 93 anni.

Qua e là diamo uno sguardo alla vita di Bardash con il supporto nella sua lettera a George Brandes e articoli di giornale sulla sua relazione con Ibsen. Le lettere che conosciamo danno un’immagine della sua vita in esilio, ma sono usate in una certa misura per dare un’immagine più completa di lei. Sather inoltre non usa la sua corrispondenza con l’austriaco Arthur Schnitzler. Era un collega di Sigmund Freud e ha scritto il racconto su cui è basato il film Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick. Per quanto ne so, i messaggi mostrano che era una donna con una sensualità sexy.

Nonostante la debole base delle fonti, Sather non pensa ai motivi per cui l’incontro con Ibsen è “fatale”, mentre sappiamo molto poco delle sue altre esperienze di vita.

Così Sather non riuscì a districarsi Bardash e le altre tre donne dall’ombra di Ibsen.

READ  Oscar delle celebrità | Bloccato nella settimana degli Oscar: la domenica aspetta il più grande di tutti