Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione: Beckett – Quando non puoi fidarti di nessuno

L’attore altamente capace e figlio dello stesso Denzel Washington, John David Washington, ha costruito un bel po’ di carriera e sinossi. Con ruoli importanti in film come BlackKkKlansmane principio e Malcolm e Mary Washington si è assicurata un futuro d’oro a Hollywood.

Nel suo secondo film su Netflix, gioca contro la vincitrice dell’Academy Award, Alicia Vikander. Beckett È molto più piccolo e di più “indipendente” Film di mostri principio; Come una sorta di tranquillo omaggio al thriller degli anni ’70, funziona bene alle sue condizioni.

La giovane coppia americana Beckett (Washington) e April (Vikander) trascorrono una piccola vacanza d’amore nella zona intorno ad Atene in primavera. In termini di tempo, siamo subito dopo la crisi finanziaria, con una crescente sfiducia nei confronti del governo e dell’apparato statale e delle dure misure di austerità economica avviate dall’Unione Europea.

La Grecia deve affrontare le prossime elezioni parlamentari e forze potenti stanno spingendo affinché le forze più radicali prendano il potere. Durante la vigilia del giorno delle elezioni, il figlio di un importante politico viene rapito e con una grande manifestazione annunciata ad Atene, i nostri amici americani si arrampicano nei villaggi di montagna per evitare disordini e caos.

La coppia viene coinvolta in un tragico incidente e quando Beckett torna accidentalmente sulla scena, si scatena improvvisamente con la polizia locale. Fugge incautamente, solo per scoprire che non si fida di nessuno. L’obiettivo è l’ambasciata degli Stati Uniti ad Atene, in viaggio per farsi aiutare da alcuni attivisti e radicali locali – ma di chi può davvero fidarsi?

Beckett (Immagine: Netflix)

Con chiari riferimenti a film come Tre giorni di Condore frenetico e (parzialmente) testimonianzaL’italiano Fernando C. Filmarino ha diretto un abile thriller, con una trama che purtroppo ha evidenti punti deboli.

READ  - L'inizio di una nuova era - E24

Washington è duro quanto l’uomo comune che, in un paese straniero, è in un viaggio disperato e si rende conto di non potersi fidare di niente e nessuno. In orribile dolore, ferito, affamato, freddo e solo, deve farsi strada attraverso una natura inospitale e agenti di polizia corrotti e altri dipendenti del governo.

Sfortunatamente, molte delle sue scelte e controversie sulla trama sono bizzarre e illogiche. Perché va in giro per il mondo con cinghie come le manette, per esempio, molto tempo dopo aver incontrato persone che possono aiutarlo, e gli attivisti che finalmente danno una mano sembrano fastidiosamente ingenui.

La galleria dei personaggi diventa molto trasparente e il dramma teatrale può aver incasinato alcune tacche, inoltre avere un boss rende le scene di combattimento più credibili.

Tuttavia, appare anche nella sua semplice ingenuità e nello stile un po’ datato Beckett Più credibile di molti dei film iperprodotti di oggi. Il protagonista stesso non è certamente un eroe indomito, ma un disperato uomo comune con le sue evidenti debolezze e difetti. Se Filomarino avesse fatto solo qualche giro con la sceneggiatura, ripulito i personaggi e affinato un po’ il conflitto, sarebbe andato bene. 4 stelle.

Beckett (Immagine: Netflix)