martedì, Luglio 16, 2024

Recensione del film: “She Said” – Imprigionano Weinstein

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

Dramma

direzione:

Maria Schrader

Lancio:

Zoe Kazan, Carey Mulligan, Andre Braugher, Samantha Morton e Patricia Clarkson

Data della prima:

18 novembre 2022

limite di età:

9 anni


«Un film importante sulle origini del movimento Metoo.»

Vedi tutte le recensioni

“She Said” è un lungometraggio su come i giornalisti del New York Times Jodi Kantor e Megan Twohy hanno lavorato allo scavo che sarebbe diventato la rovina di Weinstein. Il film è un dramma avvincente rivolto alla nostra incredulità su quanto sia difficile e disumano denunciare le molestie sessuali.

Nel film, Kanton e Twohey sono interpretati rispettivamente da Zoe Kazan e Carrey Mulligan. All’indomani della vittoria elettorale di Donald Trump nel 2016, in cui un certo numero di donne lo ha accusato di comportamento sessuale indesiderato, i redattori del New York Times hanno posto la domanda su quanto fosse ampia la questione. Perché è così difficile da segnalare? E avrà qualche tipo di effetto? Dopotutto, Trump è ancora eletto presidente.

Dito artigliato

Le domande portano i giornalisti al famoso produttore cinematografico Harvey Weinstein.

Per diversi decenni ormai, si è parlato del fatto che il produttore dietro film come “Pulp Fiction”, “Il paziente inglese” e “Good Will Hunting” sia un ragazzo senza sosta. Potrebbe esserci qualche contratto?

La più grande resistenza che i giornalisti devono affrontare è, in un certo senso, dalle stesse vittime. Sono disposti a parlare dei loro incontri con Weinstein in via ufficiosa, ma non osano apparire sulla stampa e si rifiutano di dirlo. Weinstein è un produttore influente. Una telefonata e verrai inserito nella lista rossa di Hollywood. Inoltre, molte delle donne hanno firmato accordi di riservatezza, rendendo difficile la successiva applicazione senza procedimento penale.

READ  La star di Hollywood Emmy Rossum ha tenuto nascosta la sua gravidanza

coperto sopra

Nello stile e nel tono, il film ricorda il film del giornalista Spotlight. È grigio, umorismo quotidiano e niente vestiti hipster. Gli attori fanno un buon lavoro nel ritrarre i membri della stampa come cani da guardia attenti e ben intenzionati, ma soprattutto come persone.

RIVELATO: I giornalisti Jodi Kantor e Megan Twohy interpretano Zoe Kazan e Carey Mulligan.  Foto: UIP

RIVELATO: I giornalisti Jodi Kantor e Megan Twohy interpretano Zoe Kazan e Carey Mulligan. Foto: UIP
Mostra di più

Una delle prime a farsi avanti con il caso è stata l’attrice Ashley Judd, che è anche l’unica nel film a interpretare se stessa. Fatta eccezione per la parte posteriore della testa dell’attore che interpreta Weinstein, non si vede da nessuna parte nel film. Eppure la sua presenza cavalca la storia come una giumenta per tutte le due ore di durata del film. Nelle interviste con le donne, al telefono, nelle conversazioni con persone sull’azienda Miramax di Weinstein, che ha nascosto a lungo i crimini del suo capo. Rende molto facile entrare in empatia con le donne.

La carta più forte

Occasionalmente, i flashback vengono utilizzati per migliorare le esperienze delle donne, ma diventano personali inutili e contraddicono il tono realistico e realistico del film. Inoltre non assisti a molte tecniche giornalistiche, cioè a come stanno andando le cose, come hai visto, ad esempio, in “Spotlight”.

I casi più complessi consistono in interviste a dozzine di fonti, e questo potrebbe funzionare per un giornale, ma qui ci sono così tanti nomi con cui confrontarsi che ti confondi rapidamente su chi sia.

Comunque, “She Said” è un film profondo su un uomo spericolato che alla fine si spoglia. E la carta più forte del film: è proprio così.

More articles

Latest article