martedì, Luglio 16, 2024

Recensione: Karl Frode Teller “Terra aliena”

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

un poema

editore:

sihoega

Anno di pubblicazione:

2022


«Gomiti in avanti dall’inizio.»

Vedi tutte le recensioni

In questo libro, Teller scrive in modo accurato e splendente. Non credo che ci sia nulla di superfluo in questo testo da nessuna parte. È una specie di gomito in avanti fin dall’inizio e richiede il suo posto nella vita quotidiana del lettore: “Zitto/Ascolta quando ti parlo.”

Il libro è composto da una lunga poesia. La persona che si fa chiamare “il boemo e l’Osservatore nel villaggio” ha parlato fin dall’inizio. Già nella prima pagina del libro incontriamo alcuni meravigliosi versi di poesia:

“Ogni sera arrivo nell’Amazzonia arrugginita senza volante e ruote, e vado ubriaco all’obitorio / Là sollevo le lettere dalle lapidi e le metto insieme in poesie che solo i morti capiranno”

piccolo e grande

Inoltre, grandi porzioni di “Det Framande landet” sono raccontate nella tua forma. In un certo senso, la poesia racconta due storie parallele, una sulla vita abbastanza ordinaria di un individuo e l’altra sullo sviluppo della cultura umana, della religione e della società in quanto tale. Non sciocchezze, in altre parole. O piccoli e grandi. Da un lato, il passaggio da quando ero studente a Trondheim alla vita con una coinquilina, bambini e il “divano ad angolo di Mübleringen”, dall’altro, è stata una storia di culture alte, dell’eroe mitologico greco Ulisse che “sentito il bellissimo canto delle sirene, e su vari “regni, guerre e rivoluzioni”.

La linea centrale di sviluppo nelle lunghe poesie di Teller è quella dalle condizioni difficili alla prosperità, o da una sporca vita celibe alle abitudini piccolo-borghesi: improvvisamente non ci sono più grandies e kebab, ma piatti deliziosi e vino a “scelta di Boulet. ” Ma proprio come la cosiddetta civiltà è stata costruita sulla schiavitù e sullo sfruttamento, così anche la comoda vita moderna ha il suo prezzo: alcuni lavorano ancora nelle miniere, nelle segherie e nei cantieri, o nelle fabbriche con catene di montaggio. Dietro di lui canta una ricchezza di specie animali estinte.

READ  La moglie di Bruce Willis, Emma Heming Willis, gli rende omaggio nel giorno del suo compleanno

intuizione

Più avanti nel libro, l’intera faccenda diventa più esplicitamente politica. Definiti i “sindacalisti di Amazon, Elkjøp e Wizz Air” e la comunità che è stata “filtrata e rimossa dalle immagini”, “sostituita dalla pubblicità e dalla realtà”.

In diversi punti Teller allude al “ritornello” nel poema in antico norvegese Volospa, in cui chiede al chiaroveggente: “Ne sai abbastanza o cosa?”. La poesia di Teller contiene anche qualcosa di una visione. C’è qualcosa di ampio e implacabile. Come se fosse scritto in una specie di campana arrabbiata.

Da qualche parte nella poesia di cui stava parlando “La terra dove i morti, i vivi e i non nati convivono fianco a fianco con il passato, il presente e il futuro che scorrono insieme come acquerelli su una tavolozza dell’infanzia.”

Qualcosa del genere è ciò che Teller ottiene: permette a tutti i tipi di epoche di scivolare l’una nell’altra e di colorarsi l’un l’altro, senza diventare misteriosi o sembrare pretenziosi. Dirige il lettore verso vari punti in cui passato, presente e futuro si incontrano, e lo fa in modi molto stimolanti.

More articles

Latest article