Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione Son of the Sun di Hilde Susanne Jagtnes – il seguito della saga di Ice People: Indulgence!

Recensione Son of the Sun di Hilde Susanne Jagtnes – il seguito della saga di Ice People: Indulgence!

Hilda Susanne Jagtnes (50) ha l'onore di provare a portare avanti l'eredità di Margit Sandemo in un libro che piacerà ai fan di “Sagaen om Isfolket”.

I dadi VG mostrano 4 punti

Quale missione intraprese Jægtnes?

La saga del popolo dei ghiacci ha catturato il cuore dei lettori sin dalla pubblicazione dei primi libri negli anni '80.

Qui per molti si è veramente risvegliato il desiderio di leggere e qui molti di loro hanno avuto il loro primo incontro con l'erotismo.

La serie Margit Sandmo è la serie norvegese più venduta di tutti i tempi 40 milioni di copie vendute Hanno avuto un grande successo negli ultimi anni anche come audiolibri.

Cinque anni dopo la morte di Sandemo, l'editore e i discendenti di Sandemo stanno facendo rivivere “Sagaen om Isfolket” con almeno tre nuovi libri – e la reazione dei fan è divisa.

«“Son of the Sun” di Hilda Susanne Jagtnes – firmato personalmente»

Il sottoscritto è un grande fan del popolo dei ghiacci, ed è stato con grande scetticismo che ho iniziato a scrivere Il figlio del sole, il primo libro della nuova serie La maledizione del popolo dei ghiacci.

READ  Ogni volta che ci incontravamo, lo status di celebrità andava al capo di Bjorn Eidsvag

È facile pensare che si tratti di un tentativo commerciale da parte dell'editore di trarre vantaggio dal successo degli audiolibri della serie.

Ma la scrittrice Hilde Susanne Jagtnes è riuscita a fare molta strada riportando il lettore nel mondo di Sandemo.

Perché anche se “Son of the Sun” inizia lentamente e in un certo senso in modo piuttosto prevedibile, l’azione entra violentemente nel mezzo e culmina in un finale che mi ha lasciato senza fiato – proprio come Sandemo ha fatto innumerevoli volte.

La mitica Hanna

“Il figlio del sole” è ambientato 80 anni fa A “Trollbundet”, il primo libro della “Sagaen om Isfolket”, in cui la protagonista Silje conosce il buon Tengel, Sol e infine l'inquietante strega Hanna.

Hanna, la figura leggendaria del Popolo dei Ghiacci, è la protagonista del romanzo di Jagtnis:

Hannah ha 18 anni e sta cercando di fare i conti con i potenti poteri con cui è nata. Fatica anche ad affrontare le forti emozioni che vengono particolarmente suscitate quando incontra il figlio del presidente, Emil.

Poiché Hanna è una delle vittime del Popolo del Ghiaccio, con caratteristiche fisiche e abilità speciali, il rapporto tra lei ed Emil è inimmaginabile.

Come in molti libri della serie “Sagaen om Isfolket”, anche qui c’è un mistero di fondo.

Incontro emozionante con un orso

Hilda Susanne Jagtness ha i discendenti di Margit Sandemo sulle spalle quando scrive di più su Isfolket.

Hanna appare come un misto di Sol e Selji, e la relazione tra lei ed Emil sembra essere ispirata dalla relazione tra Selji e Tenjil.

Nello spirito di Sandemo, c'è sesso demoniaco, abbracci profondi di donne e posta in gioco alta.

READ  L'attore Busisiwe Lurayi è morto improvvisamente

Anche Hilda Susanne Jagtnes ha scritto un emozionante incontro con un orso, e lo stesso Martin Lutero interpreta il suo sperma sotto i poteri magici di Hannah.

Ci sono potenti forze soprannaturali all'opera e la battaglia tra il bene e il male è la battaglia centrale.

Jægtnes prende ampiamente in prestito dai libri della serie. Ecco un'introduzione divertente e toccante e dettagli interessanti per gli amanti del sangue. Gli input dai libri successivi vengono utilizzati per stabilire l'azione e costruire i personaggi.

Ad esempio, quando Hanna ed Emil leggono una ricetta su come evocare il Popolo Grigio, che è fondamentale nel Libro 23 (“Sacrificio di Primavera”), e che Jægtnes gioca su alcune bellissime sculture in legno della casa del capo nel Libro 1 (“Trollbundet “) e rende questo una parte importante del carattere di Emil.

Ritorna nel mondo di Sandemo

Jægtnes fa un onorevole tentativo di scrivere nello stile di Sandemo, ma mi manca il vero calore che caratterizza i libri di Sandemo.

Tuttavia, man mano che vengo risucchiato gradualmente dall'azione, mi sento come se fossi tornato nel mondo di Sandemo.

Sarà emozionante e coinvolgente. Nel drammatico climax del libro, Jægtnes è quasi alla pari con Sandemo al suo meglio. Jægtnes mostra anche di saper scrivere una buona letteratura seriale.

Giusto per chiarire: Son of the Sun è naturalmente difficile da leggere indipendentemente da Sagaen om Isfolket. Soprattutto, questo è un omaggio alla regina della narrativa nordica.

Ma se metti da parte i tuoi dubbi e ti lasci trasportare, a volte diventa piuttosto divertente – e il finale suggerisce che continuare fornirà ancora più eccitazione e divertimento ai fan.