domenica, Giugno 16, 2024

Recensione: “Stjernekamp” – NRK1 – Abbiamo recensito “Stjernekamp” brano per brano

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

televisione: Aggiornamento: stasera è stata Elle Maija a dover salutare gli altri partecipanti.

Stasera è tutta una questione di successi degli anni ’90 in “Stjernekamp”. I giudici ospiti del round sono gli esperti del settore Sandeep Singh e David Eriksen.

Tre concorrenti hanno già abbandonato la competizione. Stasera uscirà il numero quattro. Scoprirai chi sarà più tardi stasera.

Come sempre, esamineremo gli spettacoli canzone per canzone. Noto.

Damiano: “Lascia che ti diverta” – Robbie Williams (1998)

Damian ha dimostrato di essere una specie di camaleonte finora in questa stagione di “Star Game”. Relativamente sconosciuto prima, ma chiaramente un artista e produttore con un orecchio per un po’ di tutto. Qui riesce a lavorare con uno degli artisti più grandi e divertenti del pop.

Funziona bene così. Damien non ha abbastanza peso per sostenere la canzone dal punto di vista dei testi. Inoltre, richiede una propria coreografia, che ancora una volta va a scapito della tecnica. C’è qualcosa di osé in tutta la faccenda, e Damien fa alcune osservazioni sarcastiche qua e là. È così pericoloso? Probabilmente no, ma se è una competizione, è una competizione.

Abbiamo recensito una canzone

Orso Il Maya Klefstad: “Lo voglio così” – Backstreet Boys (1992)

Non si limita a riempire lo spazio sonoro dopo alcuni sbuffi meravigliosamente cremosi della canzone. Elle Maija sta facendo del suo meglio, ma sfortunatamente stasera non è arrivata al traguardo.

È più acido di quanto lo sia all’interno e manca sia di benefici che di profitti. La canzone in sé è chiaramente troppo grande per la giovane artista, artisticamente parlando, il che significa che non sarà mai in grado di padroneggiarla. Ma lampeggia qua e là, ad esempio quando suoni una nota alta al centro. Si sedette.

READ  Ecco come si presenta Anastasia oggi
Abbiamo recensito una canzone

Adrian Silfull: “Salta intorno” – La casa del dolore (1992)

Ciò che manca ad Adrian in termini di tecnica e voce, lo compensa ampiamente con il fascino, l’energia e un chiaro disprezzo per la morte. Inoltre sceglie grandi canzoni. Quindi anche qui.

Non è il rapper più duro del mondo: qualche verso scompare qua e là, ma è chiaro che ama ciò che fa e si fa vivo di nuovo. Non ti divertirai di più che crearne uno tuo. Adrian sa chiaramente come farlo.

Abbiamo recensito una canzone

Alessandro con: “Verrò da te” – Hanson 1997)

Alexander continua a ricordarci che ha una voce bellissima e una bella voce anni ’90. Per lo più ha anche un controllo utilizzabile. Anche qui non c’è molto da dire sulla consegna: questa volta si tratta più della selezione dei brani.

Onestamente sembra sicuro, solido e sdentato. Qui, Alexander avrebbe potuto utilmente mettersi alla prova in misura leggermente maggiore. E’ come se non ci credessi? Pensa a tutte le canzoni di questo decennio che avrebbero potuto abbellire la sua voce leggermente roca.

Abbiamo recensito una canzone

Suoneria Damli: “Non parlare” – Nessun dubbio (1996)

Naturalmente, senza dubbio, canterai la melodia. Le somiglianze vocali con Gwen Stefani a volte sono abbastanza evidenti. Ciò non significa che le sfide non esistano. Il ritornello si adatta abbastanza bene, ma nelle strofe più lunghe è un po’ difficile rimanere fluidi dal punto di vista tonale e dinamico. Potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che ha avuto problemi alla gola questa settimana, quindi forse non dovresti giudicarla troppo severamente per questo.

Nel complesso, è un’esperienza abbastanza mista, ma ha dimostrato di avere qualcosa in serbo quando inizia e di non pensare troppo alle dinamiche.

READ  Diane von Fürstenberg: - Questo è sorprendente
Abbiamo recensito una canzone

Maria Bella: “(Mi stai facendo impazzire)” – Britney Spears (1999)

Marie Bella ha già iniziato a cantare a squarciagola in questa competizione. Tecnicamente è sicuramente ai massimi livelli. Ma, come sai, la tecnologia non è tutto. Tuttavia, quando si combinano coreografie straordinarie con eccessi e il desiderio di connettersi, è difficile protestare con troppa forza.

Selezione di brani perfetta per le sue corde vocali con calibrazione popolare. Consegna perfetta.

Abbiamo recensito una canzone

Lo strano René Andersen: “Non voglio perdermi niente” – Aerosmith (1998)

Come tutti sanno, Odd René ha un’abilità straordinaria in quello che fa e sicuramente non commetterà un grosso errore neanche questa volta, ma c’è qualcosa nel trattenersi un po’. Steven Tyler ha un suono molto caratteristico con un’enorme quantità di vita dal vivo e un’intensità difficile da imitare.

Potrebbe sembrare che Odd Rene possa compensare la durezza facendo qualche round extra di acrobazie vocali. Diventa semplicemente un po’ opprimente. Ma terribilmente competente, ovviamente.

More articles

Latest article