Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Reporter Senza Frontiere con un torvo verdetto sulla libertà di stampa

La Norvegia rimane in testa, mentre molti altri paesi democratici cadono nelle statistiche, come mostra l’indice sulla libertà di stampa di Reporter senza frontiere (RSF) di quest’anno. Solo 48 paesi su 180 hanno una libertà di stampa buona o soddisfacente.

L’International Press Freedom Index di quest’anno è stato presentato al Nobel Peace Center in occasione della Giornata della libertà di stampa il 3 maggio. Presenta un evento in galleria sui vincitori del Premio per la Pace Dmitry Muratov e Maria Ressa. Ecco i due giornalisti durante il Galà del Premio per la Pace a dicembre dello scorso anno.

Martedì, l’Organizzazione dei giornalisti ha presentato il suo indice annuale al Nobel Peace Center di Oslo. L’indice della libertà di stampa misura l’indipendenza dei media, la sicurezza dei giornalisti e il grado di libertà di espressione in 180 paesi in tutto il mondo. Come negli anni precedenti, Norvegia, Danimarca e Svezia sono state al vertice e hanno ricevuto grandi elogi.

È qualcosa di cui dovremmo essere orgogliosi, ma di certo non lo diamo per scontato. Il ministro della Cultura e dell’uguaglianza di genere, Annette Trettbergstoen, afferma che non è arrivato da solo giornalisti.

Ma a parte questo, la lettura dell’indicatore è molto deprimente. In 28 paesi, tra cui Russia, Bielorussia, Cina e Myanmar, la situazione è descritta come pessima. Solo otto paesi sono in una buona posizione.

102 paesi hanno una situazione descritta come difficile o problematica. Nei restanti 40 paesi, la libertà di stampa è considerata soddisfacente.

– Non può esistere senza

Nei paesi democratici, le divisioni stanno crescendo man mano che più media operano con un’agenda e la disinformazione si sta diffondendo attraverso i social media, osserva RFS.

READ  La principessa ereditaria Victoria e il principe Daniel:
Hong Kong è in forte calo nell’indice, con un calo di 68 posizioni dal 2021 al 2022. Qui, l’editore Patrick Lam, che comandava uno degli ultimi media liberi del Paese, è stato arrestato nel dicembre 2021.

A livello internazionale, la democrazia è indebolita dal crescente divario tra società aperte e regimi che controllano i loro media mentre conducono guerre di propaganda contro le democrazie. Qui, la guerra tra Ucraina e Russia è usata come esempio.

– Margarita Semongan, caporedattore di RT (ex Russia Today), ha rivelato la sua vera posizione quando ha affermato in una trasmissione televisiva su Rossiya Wan che “una grande nazione non può esistere senza il controllo delle informazioni”, ha affermato il presidente di RSF, Christophe Deloire.

Leggi anche

La libertà di stampa è sotto attacco. La Norvegia ha una responsabilità speciale.

Alcuni punti luminosi

Le crescenti pressioni della Cina e le misure di austerità contro i residenti di Hong Kong hanno causato un forte calo di quest’ultimo nell’indice, che ora è al numero 148. La Cina è al 175° posto. La mancanza di libertà di stampa continua a incidere sul conflitto tra Israele (classificato 86) e la Palestina (classificato 170) e altri paesi arabi.

La polarizzazione dei media continua a rafforzare le divisioni sociali interne nelle società democratiche come gli Stati Uniti (42), nonostante la vittoria elettorale del presidente Joe Biden, secondo l’RFS. Gli andamenti sono negativi anche in Francia (26) e Polonia (66).

Tuttavia, ci sono alcuni punti luminosi che possono essere trovati nell’indice. Moldova (40) e Bulgaria (91) stanno andando nella giusta direzione dopo il cambio di governo lo scorso anno. Ha portato la speranza di un miglioramento per i giornalisti nei paesi interessati, sebbene l’oligarchia possieda e controlli ancora i media.

READ  Caso raro: - La nostra ragazza sarà sempre giovane